giovedì 10 luglio 2008

Home

Il 7 settembre 2008 e' il 15mo anniversario della mia dipartita dall'Italia. 15 anni, come ho gia scritto da qualche altra parte, cioe' la maggior parte della mia vita da adulta l'ho vissuta qui. Negli US of A, il mio sogno di bambina, che o per destino, per caso o perche' come si dice, chi cerca trova, si e' avverato. Anche se l'italiano rimane la mia lingua madre, sono 15 anni che parlo, penso, sogno e "cuss" in inglese (dico le parolacce..). I primi giorni a Milano, l'estate scorsa, dopo 7 anni senza toccare il suolo italiano, mi hanno vista alle prese con il problema di non ricordarmi molte parole nella mia lingua, ma nonostante cio', la sensazione di essere tornata "a casa" e' stata incredibile, come se non fossi mai partita.
Considerato che in 15 anni ho vissuto in 3 posti che, pur se parte dello stesso paese, sono assolutamente diversi, quando mi chiedono "Where are you from?"... di dove sono... da dove vengo... be', vediamo... 27 anni in Italia... vengo da li'... pero' poi 5 anni in California... sono venuta anche da li'... 9 anni in New Jersey, certo che hanno lasciato il segno. E ora, 1 anno in Arizona....
Dove mi sento "a casa"? Bella domanda. "home is where your heart is", tipica frase da biglietto Hallmark. Il mio cuore e' con la mia famiglia, quella italiana e quella americana, con i miei amici, quelli italiani e quelli americani, con la mia citta' di nascita (con cui ho un rapporto di odio-amore), e con le varie cittadine che mi hano adottato qui in terra straniera. Vorrei poter dire che ho nostalgia di "casa", ma non e' cosi' semplice. Dove appartengo, where do I belong? Appartengo all'Italia, il paese dove la gente ha sempre voglia di fare baldoria, rassegnata alla propria miseria? Oppure appartengo ormai all'America, il paese dell'eterno ottimismo, la terra delle possibilita', dove la gente ha "paura" del contatto umano?
Vorrei poter ritornare in Italia frequentemente, per riscoprire le mie radici, i profumi, i suoni che mi saranno sempre famigliari, e per poi stufarmi e voler ritornare "a casa", qui in questo luogo magico, dove l'inverno e' corto, la gente per strada ti saluta e ti offre una mano quando hai troppe borse in mano e stai correndo sotto la pioggia, dove so che i miei figli avranno possibilita' che in Italia non avrebbero mai...

Allora dedico a me e chi si trova "a casa" lontano da casa, questa canzone che mi piace molto di Chris Daughtry (un altra scoperta di American Idol, questa canzona e' stata #1 nell'American Top 40 di di Casey Kasem per un anno!!).



"Home"
I'm staring out into the night,
Trying to hide the pain.
I'm going to the place where love
And feeling good don't ever cost a thing.
And the pain you feel's a different kind of pain.
Well I'm going home,
Back to the place where I belong,
And where your love has always been enough for me.
I'm not running from.
No, I think you got me all wrong.
I don't regret this life I chose for me.
But these places and these faces are getting old,
So I'm going home.Well I'm going home.
The miles are getting longer, it seems,
The closer I get to you.
I've not always been the best man or friend for you.
But your love remains true.
And I don't know why.
You always seem to give me another try.
So I'm going home,
Back to the place where I belong,
And where your love has always been enough for me.
I'm not running from.
No, I think you got me all wrong.
I don't regret this life I chose for me.
But these places and these faces are getting old,
Be careful what you wish for,
'Cause you just might get it all.
You just might get it all,
And then some you don't want.
Be careful what you wish for,
'Cause you just might get it all.
You just might get it all, yeah.
Oh, well I'm going home,
Back to the place where I belong,
And where your love has always been enough for me.
I'm not running from.No, I think you got me all wrong.
I don't regret this life I chose for me.
But these places and these faces are getting old.
I said these places and these faces are getting old,
So I'm going home.
I'm going home.

7 commenti:

  1. Anche io qui da quando avevo 27 anni..
    Sposata in Italia con americano e vissuto (da sposata) per tre anni la'.. ricordo ancora quello che lui (che ama l'Italia) diceva: "Ormai io sono straniero da tutte le parti". A quel tempo non capivo appieno, ora invece so esattamente cosa intendeva. (e un "interview" non cambia il sentimento)

    RispondiElimina
  2. mi sento una scema se paragono la vs. situazioni alla mia....saranno i tanti problemi di salute, ma vorrei cos' tanto star vicino ai miei e alla mia casa.
    in questi giorni ho una malinconia incredibile e leggere di voi (moky, Nat e VAleria) che siete così lontane e serene mi vergogno molto....

    RispondiElimina
  3. Io come te mi sono interrogato spesso su dove sia la mia casa.
    Forse ho una risposta definitiva.
    Il posto in cui vorrei essere sepolto.
    Lugubre ma essenziale

    RispondiElimina
  4. @ali: io non e' che sia proprio serenissima :)

    cara moky, hai la fortuna di sentirti a casa in due posti. Mi pare molto bello.

    RispondiElimina
  5. quasi quasi da...wherever I lay my hat, that's my home (ricordi coetanea? erano i anche i tempi di "love of the common people"...quante feste tra a mici...).
    Poi tu hai un cappellone grosso da cowgirl quindi sei di casa in tanti posti!
    e non è malaccio..

    RispondiElimina
  6. Good song...one of the few American Idol contestant songs that I really like. :)

    RispondiElimina
  7. Rispondo ai vostri commenti oggi, mentre sto ancora fremendo per quello che e' successo in Italia con quell'asshole di Bossi.

    Nat, quando abbiamo lasciato il NJ e i bambini erano tristi "This is our home.." dicevano, noi rispondevamo "No, this is a house. Home is where your family is.."

    Ali, ti capisco benissimo, ma non devi vergognarti, ognuno di noi ha le proprie prove ed ostacoli da superare... come mi ha ricordato Aelys recentemente "We are exactly where we're supposed to be"..,

    Emigrante, davvero essenziale. La dimora eterna... pensa che io non ci ho ancora pensato seriamente...

    Crazy, ci e' voluto del tempo e certamente l'arrivo dei pargoli ha aiutato molto!

    Yes, Fabio... per non parlare dei miei baseball caps...

    Hey drfizz!... how are you? Are you going to the picnic aug23?? I'll make my FABULOUS vegan potato salad, you cannot miss it!! Glad to know you like this song... you know for us immigrants it has a slightly different meaning...

    RispondiElimina

Ogni commento e' benvenuto, quando contribuisce alla conversazione!