martedì 4 novembre 2008

Appena arrivato nella mia casella email...

Monica --
I'm about to head to Grant Park to talk to everyone gathered there, but I wanted to write to you first.
We just made history.
And I don't want you to forget how we did it. You made history every single day during this campaign -- every day you knocked on doors, made a donation, or talked to your family, friends, and neighbors about why you believe it's time for change.
I want to thank all of you who gave your time, talent, and passion to this campaign. We have a lot of work to do to get our country back on track, and I'll be in touch soon about what comes next.
But I want to be very clear about one thing... All of this happened because of you.

Thank you, Barack

10 commenti:

  1. sono speechless!
    me la stampo cambio il nome e la spaccio per mia...

    RispondiElimina
  2. A Grant Park io ci sono stato circa un anno fa, quando sono andato a Chicago per i concerti di John Williams.

    Amo quella città, e vedere quel bellissimo parco (che contiene un bel padiglione progettato dal nostro Renzo Piano) gremito di gente festante mi ha riempito di gioia.

    It's a beautiful day.

    Hugs
    Mauri
    --

    RispondiElimina
  3. Immagino ne avra' mandate qualche milione, visto il numero di supporters... pero' e' comunque un tocco personale che arriva diretto al cuore. Bravo davvero. E brava tu ad esserti data da fare.

    RispondiElimina
  4. I was born in 1968, perhaps the most tumultuous year in the recent USA history: war in Vietnam including the My Lai massacre, assassinations of Robert Kennedy and Dr. Martin Luther King, Jr., election of Richard Nixon as president (and the concert return of Elvis the day I was born). It seemed to me that I was born then, in part, to help heal this world. I am encouraged that the US voters chose to elect a person as president who seems intent on healing rather than harming. Having served twice in my life as president of an organization, I know that the hardest part is fulfilling the vision of the people you serve. The challenge now is for national leaders to lead by example and put our money where our mouths are and have been for a long time. Yes, John McCain was humble in defeat, yes Chicagoans turned out en masse, yes Oprah Winfrey and Jesse Jackson cried tears of joy, yes the USA took a step forward...and now the real work begins. I will turn 40 at the end of an era and the dawning of a new time. I am energized and hopeful.

    RispondiElimina
  5. Una cosa carina no? :-)

    Un abbraccio, a presto!! ;-)

    RispondiElimina
  6. fantascienza in italia. A casa di ogni italiano arrivano al massimo le foto di Silvio con un plico sulla sua vita. Pagato e stampato e distribuito coi miei soldi.

    Banana republic. Posso esere un tantino invidiosa? ;)

    Zion

    RispondiElimina
  7. Fabio, va bene. Io mi sa che la salvero' per la posterita'!!

    Mauri, anche io amo Chicago, la prima citta' americana che ho visitato. Grant Park ieri sera era come un posto incantato...

    Gao, si' probabilmente. Noi comunque abbiamo fatto poco, pochi dollari qui e li'. E ovvio, il voto di mio marito. Pero' il nostro mattoncino l'abbiamo messo nel muro anche noi!!

    DrFiz, I think I just as susprised as anyone else by the results. It's been a long time coming, but now it's here... :)

    Andrea, mi ha fatto piacere, di sicuro!

    Zion, si' infatti... mi immagino come sia "thankful" il Berlusca nazionale... In questo caso, ti permetto di essere un pelino invidiosa, ma solo in questo caso!!!

    RispondiElimina
  8. arrivata anche a me...e' vero che ne avra' spedite qualche milione ma a me e' sembrato comunque un bel gesto. Ok ok, in calce alla mail c'era pure il bottone "DONATE" ma resta un bel gesto uguale. Io le mie piccole donazioni le ho fatte sempre piu' che volentieri per questa campagna. In Italia non mi sarei mai sognato di fare altrettanto. E questo perche' Obama porta avanti 2 cose: un programma politico ma anche una visione del mondo. 2 cose che dovremmo pretendere da chi ci governa e che invece ci sorprendiamo di trovare in un candidato. YES WE MADE IT :)

    RispondiElimina
  9. come Zion ...a me qualche anno fa è arrivato solo il fotoromanzo di Don Silvio....

    RispondiElimina
  10. Carissima Moki, ho riflettuto un po' prima di decidermi a scriverti sul blog. Lo faccio perchè mi sembra che questo sia un mezzo democratico per esprimere le proprie opinioni. Inizio con l'applauso sincero per la vittoria di Obama. Tu sai che io non mi sono mai interessato di politica, vivendo solo per la musica, cosa che mi fagocita per almeno 18 ore al giorno. Mi piaceva a naso, è giovane e questo è gia' una buona referenza circa l'energia che puo' esprimere proprio per la giovanile forza che ha. Poi perchè è di colore e questo sarebbe stato un cambiamento epocale per l'America..e per il mondo intero. Anche la mamma la pensa come me. Poi saranno i fatti che diranno se è stato un guadagno per tutti. Siccome pero' sento spesso, ora piu' larvatamente di qualche anno fa, parlare male, addirittura in termini pazzeschi..come augurargli la morte di cancro...di Berlusconi, mi viene spontaneo chiedere come mai ha trionfato nelle ultime elezioni. Tra quegli stronzi c'ero anch'io- Ripeto che di politica non m'intendo, so' che c'è al governo Berlusconi, all'opposizione Fassino, Rutelli, D'alema e qualche altro, ma so' che quando è andato su lui, in un mese circa ha fatto sparire l'iimondizia a Napoli che ci ha fatto morire di vergogna al cospetto del mondo intero...un mese solo. Vedi Monica...e vedano i detrattori per partitp preso, che quest'omino dalle battutine a volte non efficaci...lavora. Io che oltre alla casa dove tu hai abitato ne ho altre due, con il Silvietto non pago piu' la tassa dell'ICI per la casa di abitazione. Questi sono i fatti, le parole non mi intertessano. Oltre tutto Silvio è un grandissimo amico dell'America, amicissimo del Capo attuale e, stai siicura, diventera' amicone di Obama. Lui difendeva l'America quando gli altri partiti della sinistra andavano in piazza a bruciare le bandiere di quel meraviglioso paese che, tu lo sai, io adoro e ci vorrei vivere..L'AMERICA. Queste sono parole di un musicista che non si intende di politica. Ti voglio bene e rispetto le tue opinioni e anche quelle di tuttioi tuoi amici bloghiani.
    Tuo papi

    RispondiElimina

Ogni commento e' benvenuto, quando contribuisce alla conversazione!