martedì 30 dicembre 2008

Alla fine, ci salvano gli amici... ma quelli veri....

E' un post lungo, vi avviso in anticipo....

... Ieri mattina, mollati i pargoli da Kelly, siamo partiti alla volta di Tucson, un'oretta e mezza di viaggio, con traffico quasi nullo, e come sempre i bellissimi paesaggi della contea Cochise e Pima. L'ospedale, come del resto qualsiasi cosa in Tucson, e' facile da trovare anche se mi avevano avvertito che e' difficile trovare parcheggio: queste persone evidentemente non hanno mai vissuto sulla east coast, in California o a Milano! Infatti, troviamo un parcheggio in esattamente 2 minuti.
L'appuntamento e' alle 10, lo studio medico si chiama Obstetrix, affiliato al Tucson Medical Center. Si occupano, come dice il nome, solo di pazienti del reparto ostetrico, ed e' consolante, considerando il tipo di procedura, sapere che non ci sono dottorelli di primo pelo ad infilarti un ago di 10cm nella pancia!!

Prima cosa, consulto con il genetic counselor, piu' di un'ora dove si ripercorre la storia di genitori, fratelli, sorelle, cugini, nonni... quanti figli hanno avuto? Normali? (e ripensando ai propri parenti, la parola "normale" e' stata spesso difficile da pronunciare, ma tant'e'...) Poi ci ha fatto tutto un bell'excursus sulle varie anomalie cromosomiche possibili e riscontrabili con l'amniocentesi, una cosa che ripensandoci, ti fa apprezzare ancora di piu' l'aspetto miracoloso della tua "normalita'" e di quella della tua progenie. Lasciamo perdere quella dei tuoi parenti!
Ci viene data una bella brochure con la stime dell'incidenza di anormalita' cromosomiche quando l'eta' materna e' avanzata: a 42 anni, 1/60 per la trisomia 21 (Down's syndrome), 1/40 per altre anomalie cromosomiche. J comincia a sudare, anche perche' Karen, la counselor, ha confermato che anche l'eta' paterna avanzata (oltre i 45 anni) aumenta le possibilita' di difetti cromosomici: perche' se e' vero che le "uova" di noialtre "vecchierelle" possono essere, e sono brutale, marce, anche la "macchina fotocopiatrice" dell'inseminatore vecchierello potrebbe non funzionare piu' tanto bene, e produrre quindi spermini difettosi!!

E chi l'ha detto che un blog non puo' essere altamente educativo, eh?

Anyway, finalmente arriva il momento: di ecografie ne ho fatte parecchie, quindi sono molto rilassata. Mi sdraio sul lettino, la tech mi fa 2 domande pertinenti, muovo il vestiario in modo da esporre la panza, arriva il gel e il transducer comincia a muoversi alla ricerca del pargolo. Che compare subito, salutando a mano aperta gli spettatori, rigirandosi agilmente, mostrandoci il davanti e il didietro... niente conferma il fatto che sei veramente incinta come il vedere che davvero c'e' una mini-persona che cresce dentro. Poi pero' l'atmosfera si gela un attimo in quanto la tech dice "There's a soft marker in the brain". Un "soft marker" e' una caratteristica vista frequentemente in bambini con certi problemi, nel nostro caso si tratta di una "choroid plexus cyst", cioe' una ciste del plesso corioideo, che compare in bambini con trisomia 21 e 18. Entra la dottoresa, perinatologist si chiamano qui. Controllano, misurano, si vedono le 4 chambers del cuore... bella foto del culetto.... misurano la lunghezza di femore, etc. Finisce l'ecografia e la dottoressa mi chiede se sono sicura di voler fare l'amniocentesi... "Uh... well, you just told me my baby's got a cyst in its brain... yes, I do!" Si', visto che mi ha appena detto che questo baby ha una ciste nel cervello.... "Your baby is fine... that was the only soft marker, everything else is fine"... cioe', si era dimenticata di dirci che la ciste era il solo soft marker che ha riscontrato e che quindi tutto il resto va bene...
A quel punto sono confusa, ma siccome sono gia' li' pronta, voglio togliermi ogni dubbio "Go ahead, poke me Doc!". Forza, pungimi e finiamola una volta per tutte.
Allora dopo aver disinfettato parte della pancetta, apre un tubo, ed ecco che compare un ago al cui confronto quello usato per le iniezioni nei glutei e' una roba da ridere.
Devo ammettere che non fa per niente male, quando passa attraverso la pelle, MA ho leggermente mugugnato quando l'ago e' passato attraverso il sacco amniotico... e mentre la Dott. Hood "succhiava" il liquido, pare che the baby non fosse molto contento e abbia tirato un calcio all'ago! La tech dice che la donna prima di me ha strillato e pianto tutto il tempo, da quando l'ago e' entrato a quando e' uscito... "It's her first pregnancy", e' la prima gravidanza, mi dice... il mio commento acido e' stato "Man, what will she do when the baby comes out?", cosa fara' quando il bambino esce? Certe persone hanno una soglia del dolore molto basso, poverine! Mi ricordo quando ho partorito Chris, ho lanciato un paio di grugniti mentre spingevo e poi mi sono scusata con il dottore e le infermiere per il rumore... sempre educata!!

Finito, la Dottoressa esce, continuando a dirci che la ciste e' probabilmente una variazione fisiologica che potrebbe persino scomparire piu' avanti durante la gravidanza, anzi ci dice, molte persone nascono con questa ciste e vivono tutta la vita normalmente senza conseguenze.
Usciamo un po' confusi, leggermente spaventati ma nello stesso tempo con un certo livello di sollievo... ora aspetteremo i risultati dell'amnio tra un 2 settimane circa. E tra circa 4 settimane, un altra ecografia per controllare meglio il cuore...

*************************************************************************************

La parte piu' rilassante e' arrivata dopo: come ho gia' scritto altrove, tramite questo blog (e a sua sorella in Italia...) ho conosciuto una italiana che vive a Tucson, Letizia, anche lei sposata con un americano. Ora il fatto che sia italiana e' sicuramente un'attrattiva, ma come tanti italiani all'estero hanno sperimentato personalmente, se essere compatrioti e' l'unico fattore in comune, un'amicizia non e' possibile.
Io poi mi sono resa conto molto tempo fa che quello che rende una persona interessante per me, e che quindi mi spinge a cercarne l'amicizia (che uso nel suo significato piu stretto, non come viene usato oggi, per esempio in Facebook [siamo tutti "amici"... vuoi essere mio "amico"? ma questo sara' un altro post]) e' il fatto molto egoista che questa persona possa insegnarmi qualcosa. Deve essere una persona che ha "qualcosa da darmi", non so come meglio spiegarmi. Una persona che, per le esperienze che ha nella sua valigia, per la diversa conoscenza che ha del mondo, a causa di quello che conosce mi spinge ad migliorare, a "salire piu' in alto", ad essere la migliore Moky che posso. Per quanto ci conosciamo da poco, Letizia e' una di queste persone, conversazione stimolante, intelligente, interessante... e anche lei ha un "Tobia" di peluche nella sua vita!! Le coincidenze!!

Il programma, flessibile in quanto non sapevamo a che ora saremmo usciti dall'ospedale, era quello di trovarsi per un pranzo veloce o un caffettino da qualche parte. E invece Letizia ci ha invitati a pranzo nella sua (bellissima) casa, ad un tiro di schippo dalla UofA. Un ottimo pranzo, e il privilegio di essere in compagnia sua e anche della mamma che era in visita dall'Italia, con la conversazione in italiano e in inglese che rimbalzava da uno all'altro; l'arrivo poi del marito, M, ha completato un visita incredibilmente piacevole. Purtroppo il tempo e' tiranno, e sia Letizia che M dovevano tornare a lavorare, noi dovevamo tornare a casa e quindi ci siamo salutati...
Grazie, Letizia e M per l'ottima ospitalita': speriamo di vederci ancora presto e un augurio per un 2009 che si prospetta per voi molto eccitante!

Oggi, secondo la raccomandazione della dottoressa, riposo assoluto. Ho letto, guardato la tv, usato il computer... mi stanno gia venendo le piaghe da decubito...

Meglio approfittare del riposo, quando arriva, perche' mi sa che il 2009 si prospetta eccitante, ma per altri motivi, anche per noi....

18 commenti:

  1. Sto trattenendo il fiato per te ed il fagiolino.
    Good luck!

    ---Alex

    RispondiElimina
  2. bene, stoica coraggiosa mummy ! contro ogni dolore! Buon San Silvestro rilassante ed un meraviglioso 2009 a te & wii family!

    RispondiElimina
  3. trattengo il fiato anche io per il piccoletto e per te.
    E tanti auguri di buon anno.



    valeriascrive

    RispondiElimina
  4. il pezzo sul parcheggio mi ha fatto venire in mente quando Angeline ed io eravamo a S. Luis Obispo e' chiedemmo quanto ci vuole ad arrivare in stazione e il portiere dell'albergo rispose: "Beh, dieci minuti...ma se c'e' traffico almeno dodici!"

    Buon anno Moky!

    RispondiElimina
  5. carissima, ti faccio i miei più grandi auguri per un bellissimo anno nuovo!!! vedrai che andrà tutto bene...
    poi...bello leggere che sei stata da mia sorella sul tuo blog! vi siete visti pure con la nostra mitica e inaffondabile madre!!!

    spero la prossima volta di esserci pure io, conoscerci e far conoscere i nostri pargoli.

    un beso muy grande desde Italia,
    chiara

    RispondiElimina
  6. moky mi hai fatto spaventare nelle prime righe! Oh riposati e buon anno!!!!

    RispondiElimina
  7. Wow, che mamma coraggiosa ... io temo tantissimo gli aghi!!! :-))

    Un abbraccio e buon 2009!!! :-))

    RispondiElimina
  8. tanti auguri per l anno nuovo e per il nuovo componente della famiglia.
    che vuol dire tobia di peluche ?

    RispondiElimina
  9. ho appena finito di vedere 3 puntate del dr. house, direi che questo post è in linea con la serata!
    io trattengo il respiro finchè non ci dai un feedback :-) in bocca al lupo

    Zion

    RispondiElimina
  10. Aspettiamo i risultati del fagiolino, ma penso proprio che da quello che ti hanno detto andra' tutto bene.
    Pero' come si fa a dimenticarsi di precisare che il soft marker non era in realta' nulla di grave??!! Davvero indelicato.
    Buon anno!

    RispondiElimina
  11. moky finalmente un computer: mi sono letta tutta d'un fiatto questo post e gli altri in arretrato...
    il fagiolino è caparbio come la mamma,perciò nessun problema.
    auguri buon anno.
    i tuoi bimbi sono come sempre bellissimi...abbraccione
    ali

    RispondiElimina
  12. Cara Moky, stai tranquilla, andrà tutto benone. Leggo volentieri il tuo blog e sospiro di benevola invidia: hai 42 anni tre figli e sei in attesa di un quarto. Sei coraggiosa e brava, io mi sono fermata ad una per diversi motivi ma mi sarebbe piaciuta una famiglia numerosa come la tua. Un abbraccio davvero affettuoso. Jo Mason

    RispondiElimina
  13. Per essere solo il 2 di gennaio hai gia' un sacco di cose da raccontare:) Buon inizio e buona continuazione...

    RispondiElimina
  14. Con una mamma come te il fagiolino verrà su resistente a tutto, ci puoi scommettere! Te lo dice una che ti invidia tanto... io sono una di quelle che piangerebbero e urlerebbero tutto il tempo con un ago di dieci centimetri conficcato nella pancia... brrr!

    RispondiElimina
  15. Not bad for the beginning of the new year! :)

    Vedrai che andrà tutto benone, dearest.

    Baci
    Mauri
    --

    RispondiElimina
  16. In bocca al lupo Hot Mama!

    Passo giusto per un saluto veloce - la mancanza di sonno rende la ripresa molto ... LENTA!

    Enjoy (ma proprio tanta Joy!!!)

    JJ

    RispondiElimina
  17. Alex, ancora pochi giorni... e grazie!

    Fabio, non so neanche se sia stoicismo... piu' una high pain threshold... poi comunque, quando sono in ballo... io "abballo"!!!

    Valeria, grazie e ricambio... e un augurio per un 2009 con pochi medici a-hole!!

    Fabri, davvero... troppo divertente... ma dove a Milano o a Roma, no? Per fare 5 km andano in centro ci vuole mezz'ora o piu'...

    Chiara, mancavi solo tu (e pargolo)... ma adesso devi promettermi che verrai appena potrai, ok?? Tua mamma e' un mito... inaffondabile, bella questa!! Come Molly Brown!! The unsinkable!! Auguroni anche a te...

    Palbi... no, niente spaventi... per riposarmi mi riposo, ora dovrei anche ricominciare a muovermi pero'...

    Andrea, grazie e ricambio anche a te!! Il trucco con gli aghi e' non pensarci... oppure pensare all'alternativa...

    Pluto... auguroni anche a te... Letizia ed io abbiamo scoperto di aver avuto, da bambine, tutte e due un peluche che abbiamo chiamato Tobia... io un orsacchiotto (che e' ancora gelosamente nascosto nel mio nightstand) e lei una tartaruga... Comunque devo ancora ringraziarti per aver dato inizio, almeno nel mio caso, a questo scambio sociale attraverso i vari blog di italiani espatriati... posso dire con certezza che hai ampliato il mio "circle of friends"!!

    Zion, anche tu una fan di House... anche i miei lo guardano sempre... non preoccuparti vi terro'
    aggiornati!!

    Gao, l'ho pensato anche io... auguroni e buon anno anche a te e famiglia!!

    Ali, grazie!! Si', anche io lo spero e conto sul patrimonio genetico che il fagiolino ha ricevuto: in generale "testone-capatosta"...

    Jo, la bellezza della famiglia e' che non importa il numero o il sesso dei componenti, ma l'affetto che la tiene unita. Auguri anche a te per un ottimo 2009!!

    Regina, auguroni anche a voi nel Canyon!! devo venire a leggerti e scoprire come avete passato voialtri le feste...

    Aelys, l'importante e' sapere che non sei l'unica a dover attraversare difficolta', paure, dolori... a me aiuta molto il sapere di non essere sola su questa barca... in tutti i vari endeavour che devono essere affrontati, e' cruciale avere una support group...in questo caso, parlare con altre mamme che sono passate attraverso questa situazione prima di me...

    Maurizio, si' per essere stato un capodanno tranquillo, la realta' sottostante e' in un certo senso molto turbolenta!!

    JJ, parlando di turbo-lenta... allora, come va' con la piccolina? Il vostro nuovo boss e' il piu' duro (e soffice) che avete mai avuto, vero?? Aggiorna il blog, almeno qualche foto, oui?!

    RispondiElimina

Ogni commento e' benvenuto, quando contribuisce alla conversazione!