martedì 4 agosto 2009

Back to school, ed altre considerazioni

Ieri e' ricominciata la scuola. Ma non era finita l'altroieri? Sicuramente il fatto chele ultime 9 settimane sono immerse in una sorta di foschia contribuisce a questa impressione.

Tanti sono i pensieri che mi frullano (si', frullare e' proprio il termine giusto), mentre i miei 3 pargoli "piu' vecchi" si preparano al mattino e io allatto l'ultima arrivata: il primo ovvio e' "ma dove sono andati questi ultimi 14 anni?" Mi ricordo, sembra ieri, quando andavo a farmi lunghe passeggiate nel nostro vicinato di Ventura, Cali., con baby Chris nel passeggino (comprato usato, viste le nostre risorse di allora), il tempo sempre bello, mai troppo caldo ne' freddo. Poi il trasloco in New Jersey, io alla guida del vecchio pulmino Plymouth, J con la sua amata Firebird, 3000 e + miglia (quasi 5000 Km!!) con 1 cane, 2 gatti, Chris di 2 anni e mezzo e io incinta di 3 mesi di Emily!! Che avventura!
Poi scoprire di essere incinta ancora misteriosamente di Vivian, mentre Emily aveva solo 15 mesi... poi traslocare ancora, altre 2500 miglia per tornare nel "far west" solo 2 anni fa, questa volta con 3 gatti, 1 cane e 3 pargoli, felice di poter finalmente, pensavo io ignara del destino, dedicarmi un po' ai miei hobbies, basta con i pannolini e le notti in piedi... che naive!!

Un altro pensiero e' sicuramente la enorme differenza della scuola superiore qui negli US, la tipica High School , paragonata a quella italiana, perlomeno quella che mi ricordo. Mi sembra gia di sentire il coro che canta "gli americani sono ignoranti, la scuola americana non insegna niente"..., vero vero, almeno in parte. Quale freshman (primo anno di high school), nel primo semestre di scuola di Chris avra' come materie "health", non sono sicura esattamente di cosa parleranno, presumo nutrizione (oioi), educazione sessuale, droghe, etc.; educazione fisica (bene); scienze; algebra; produzione televisiva (sua scelta, tra decine e decine di materie elettive.... che figata, se lo chiedete a me) e inglese. Nel secondo semestre, invece di avere health, avranno una materia chiamat "future focus" dove esamineranno le varie carriere, i diversi indirizzi lavorativi...

Ok, certo, una come me che e' uscita dal classico, leggermente con la puzza sotto il naso, potrebbe chiedersi, ma dov'e' filosofia? O fisica? O greco e latino? Considerato che sono solo 4 anni di scuola uguali, a parte le materie elettive, per tutti, la mia impressione e' che cerchino di preparare la maggior parte degli studenti alla vita "dopo la scuola", la realta' che significa trovare un lavoro e sapersi mantenere. E cercano di aiutare sia chi ha un quoziente di intelligenza di 170 e entrera' a Yale, sia chi invece preferisce una carriera come meccanico o costruttore di case quando avra' 18 anni... Nel corso dei 4 anni poi, avranno diversi incontri con i vari counselors, che li guideranno nelle scelte delle materie elettive piu' appropriate a seconda dell'indirizzo verso cui si sentono orientati... avrei voluto averlo io un counselor al liceo!
L'impressione che ho e' che la high school qui sia "costruita" per cercare di creare la futura forza lavorativa, tutto poi sempre condito con una certa dose di "fun" come le "dances", serate "discoteca" per gli studenti diverse volte all'anno, partite di baseball e football della squadra della scuola contro altre scuole (grosso momento di socializzazione) e la possiilita' di partecipare ad attivita' agonistiche per la scuola (Chris fara' parte della squadra di nuoto, e io vorrei che provasse anche tuffo, ma lui non se la sente... il tutto poi con la possibilita' di ricevere borse di studio alla fine dei 4 anni grazie ai propri successi agonistici) e club dopo scuola (come chesso' "super mario club" al venerdi' pomeriggio, per gli sfegatati videogamers, oppure il club degli scacchi... insomma ce n'e' per tutti i gusti!!). Lo so, lo so che per noialtri italiani tutto questo sembra una perdita di tempo... ma pensate che per insegnare alle elementari e richiesta una laurea, per fare l'infermiera e' richiesta una laurea...non e' meglio "scremare" la popolazione studentesca quando e' ancora giovane, invece di mandarli tutti all'universita' da cui usciranno con lauree poco "usabili" almeno in Italia in questo momento, per poi ritrovarli disoccupati?

Si', probabilmente Chris non potrebbe competere con un ragazzino italiano della sua eta' in un test su capitali europee, o eventi della prima guerra mondiale... ma chiedetegli cosa fara' dopo la high school e vi dira' con sicurezza che dovra' fare un'universita' che gli dia la possibilita' di trovare un lavoro che lo renda indipendente... e nel 2013 avra' la possibilita' di metterlo in pratica... come madre, preferisco saperlo un po' meno erudito in storia e geografia, e un po' piu' capace di vivere.

7 commenti:

  1. Ciao Moky, bello rileggerti in un post "impegnato", sollevi un annoso problema: quanto la cultura (e di come la si mette in pratica) sia utile o meno alla societa'. Nella mia esperienza, (di piccolo ebreo), c'e' anche la consapevolezza che l'ignoranza genera brutte cose e che dove non arrivano i genitori dovrebbe poter arrivare la scuola... Del resto proprio su queste pagine ci raccontavi di esseri umani intimamente convinti che Mr. Obama fosse l'anticristo...
    Enjoy!
    JJ

    RispondiElimina
  2. è meraviglioso leggere un tuo post! sono d'accordo con jj, in linea di massima, certo sarebbe bello avere un po' e un po', ma visto che non è un mondo perfetto, temo di non saper ancora scegliere. In quanto madre ci avrai pensato molto e molto più di me, perciò...diciamo che mi fido!!! ;-)

    Cmq interessante quesito...altro che naive! ;-)

    RispondiElimina
  3. Ciao, è un piacere rileggerti!

    Quello sulla scuola è un discorso che mi sembra di avere già fatto.

    Credo che il sistema americano sia un po' troppo elitario e utilitaristico, caratteristica quest'ultima che è un bene ed un male allo stesso tempo.

    Forse bisognerebbe unire le migliori caratteristiche delle scuole italiane (e perché no, europee) con il pragmatismo del sistema USA.

    Formare questi nuovi cittadini con una cultura di base più ampia ed allo stesso tempo dare loro gli strumenti per orientarsi meglio nel futuro.

    ---Alex

    RispondiElimina
  4. ciao e ben riletta Moky!
    certo che fa impressione sentire che la scuola ricomincia, qui nello stivale ne parleremo attorno alla metà di settembre!!
    4 what concerns school: sono d'accordo con Alex sulla necessità di trovare un buon mix tra i 2 sistemi.... penso che l'umanesimo e la praticità possano (e debbano) andare d'accordo. non a caso i grandi manager delle multinazionali spesso hanno un background "classico" che poi sfruttano nel mondo degli affari!
    a presto e tienici informati sulle dinamiche high-school, io ne sono affascinato!!

    RispondiElimina
  5. ma quante maternita' misteriose :)
    non c'e 2 senza 3 :-))))

    RispondiElimina
  6. adoro il modo in cui gli insegnanti americani ti prendono sotto la loro ala protettrice e t'indirizzano gradualmente verso il mondo del lavoro, stando al tuo talento e a ciò che sai fare meglio. in italia ti diplomi e cadi in depressione se non vuoi continuare gli studi.

    ps: anche se non c'entra niente, sai mica dirmi come sono nate le "dirt cups"? c'è una storia per sta ricetta? le ho realizzate sul mio blog http://lilthing.splinder.com/post/21087833 ma giuro che non sono riuscito a trovare niente di approfondito.

    RispondiElimina
  7. Carissima, anche per me, senza una neonata, il tempo vola e non so dove...
    Ora scrivo gli aggiornamenti sul mio Blog, se ci riesco...
    Alina inizia la High school l'anno prossimo, se va tutto bene.
    Io come insegnante mi stupisco delle poche materie che studiano.
    Sai come la penso sulla American and Italian school.
    Un abbraccio a tutti e magari ci sentiamo per volunteering.
    Qui la scuola inizia l'8 settembre.

    RispondiElimina

Ogni commento e' benvenuto, quando contribuisce alla conversazione!