giovedì 21 ottobre 2010

Sono razzista?

Una delle tante differenze tra l'Arizona (e il Southwest in generale) con il New Jersey (e il tri-state in generale, New Jersey-New-York-Connecticut) e' il numero assurdamente inferiore di veicoli che infestano le strade. Ne ho parlato spesso di come mi si apre il cuore quando sono in macchina e davanti e dietro a me ci sono miglia e miglia di autostrada vuota, con le montagne che fanno da contorno, il cielo azzurro con qualche nuvoletta di cotone che sembra ldi essere nella sigla iniziale dei Simpsons.... Forse sono una che si accontenta di poco, ma dopo 9 anni nello stato con la piu' alta densita' di popolazione degli US, il New Jersey, dopo 5 anni nello stato dove anche le autostrade a 6 corsie sono sempre intoppate a meno che non le navighi alle 3 del mattino (la California), il sud dell'Arizona mi sembra davvero il paradiso terrestre!
Anche gli automobilisti hanno una personalita' diversa: quelli in New Jersey e New York, sempre incazzati, irascibili, con la mazza da baseball (arma scelta di solito per gli atti di "road rage") sempre pronta, e il dito medio perennemente in attivita'. Se sei fermo al semaforo rosso e arriva il verde e il tuo piede destro non scatta immediatamente a pigiare l'acceleratore, e' garantito il concerto di clacson in si bemolle dietro di te; e' normale osservare spazzatura, mocci di sigarette, cartacce tirate dal finestrino, in autostrada e in strade statali. In un tragitto medio di 30 chilometri, puoi aspettarti che ti venga pericolosamente tagliata la strada almeno 10 volte... ma, aspetta un attimo... di che posto sto parlando? Per un attimo li', pensavo di stare descrivendo la vita dell'automobilista italiano, che e' per molti versi, il gemello di quello trovato in NJ e NY. Forse e' per questo che ho sempre odiato profondamente guidare in New Jersey e New York: tanto per confermare la mia paura intrinseca, in 9 anni di residenza sulla Jersey Shore, ho guidato la macchina per andare a trovare i miei suoceri a Long Island, NY solo una volta, ed e' successo perche' non avevo scelta: era morta mia suocera e J si era precipitato a Long Island dal lavoro, io ho dovuto aspettare che i bambini rientrassero da scuola per partire. E tra l'altro ero cosi' tremolante che invece di prendere l'uscita solita della NJ Turnpike che porta all'Outer Bridge Crossing (uno dei ponti che collegano il New Jersey con Staten Island NY) ho preso quella per il Goethals Bridge, aggiungendo diverse miglia al solito percorso.

Anyways, il traffico e gli automobilisti del New Jersey sono due tra i moltissimi aspetti della East Coast che non mi mancano per niente.
Ma dopo 3 anni qui, mi rendo conto che non e' che gli automobilisti qui siano piu' maturi, piu' responsabili o che guidino "meglio". Si tratta di una questione di matematica e statistica invece: la realta' e' che il numero di automobilisti e' decisamente minore quindi le probabilita' che durante un'uscita in auto tu incroci uno stronzo al volante sono inferiori.

Poi succede come stamattina, le bambine avevano perso lo scuolabus che arriva alle 7:25 e noi dobbiamo uscire dalla porta di casa alle 7:23 in punto, ed ho quindi ho dovuto accompagnarle in macchina, visto che nonostanta la distanza minima da casa a scuola, meno di un chilometro, non avevamo tempo, faceva freddino e Emily ha mezza tonnellata di zaino da trasportarsi.
In caso non lo sappiate, ovunque negli US ci sia una scuola, il limite di velocita' scende a 15 miglia all'ora nella strada adiacente la scuola stessa, non ci sono santi. Di solito la gente rispetta con reverenza il limite, visto che spesso c'e' una macchina della polizia parcheggiata in posizione strategica, quindi come nel caso della nostra scuola, il traffico, per quanto minimo, rallenta automaticamente e tutti rispettano i segnali stradali, gli stop, le strisce pedonali... eccetto questa troiona di stamattina che con il suo Chevrolet Tahoe, il solito SUV enorme che spero le succhi il portafogli e l'anima, ha deciso che aspettare allo stop della strada laterale che si immette nella strada della scuola era una cosa inferiore al suo stato di mignottazza, e si e' sfiondata di fronte al mio pulmino, senza nemmeno fare un gesto di scusa, senza preoccuparsi che avrei potuto tamponarla (vabbe', magari no, visto che, andando a 15 all'ora sarebbe stato difficile, ma se fossi stata un po' distratta...).

Ma come, ho pensato, ora anche gli Arizoniani cominciano a guidare come dei rinco?
Poi l'ho visto ed ho capito tutto. Come una carta d'identita', c'era in bella esposizione sul vetro dietro l'adesivo dei New York Yankees.

Nordici di cacca, tornatevene a casa!

Mi sa che sto diventando razzista al contrario.

6 commenti:

  1. quanno ce vo' ce vo'
    valescrive

    RispondiElimina
  2. :-)

    ma guarda che in California le autostrade a 6 corsie non sono sempre intasate.. quello forse accade a LA e dintorni :-P
    noi qui a SD stiamo benissimo... e io riesco a guidare proprio perche' le strade sono poco affollate e tutti sono calmi e tranquilli... ho capito che nel NJ non potrei mai guidare :-)

    RispondiElimina
  3. Leggevo la tua descrizione del traffico del NJ e di Ny e ho pensato....ma sta parlando di Roma!!!
    quanto vorrei anche io scappare in un posto più vivibile!

    RispondiElimina
  4. VALERIA: e si', ce voleva proprio!!

    MARICA: e' vero, San Diego e' meno caotica, pero' quando siamo venuti a marzo e siamo poi saliti ad Anaheim, ci abbiamo messo 2 ore!!! Noi non ce lo ricordavamo cosi' brutto il traffico tra SD e OC...Immaginati com'era vent'anni fa!! Girare a Los Angeles richiede immense dosi di valium, secondo me... e il NJ ti farebbe tornare in Italia...

    SUYSAN: si', le similitudini sono tante... sara' forse l'altissima percentuale di italo-americani presenti nel nordest americano?

    RispondiElimina
  5. per un attimo, ho temuto fosse un'auto ITALIANA!!!!

    ps cmq niente marshmallows. se li sono mangiati quelli delle poste :'(

    RispondiElimina
  6. ZION: io spero che arrivino... con le poste italiane non si puo' mai sapere... forse il fatto che ho messo nel pacco altre prelibatezze vegane ha destato la curiosita' dell'impiegato postale medio?
    Ci riprovo appena vado a Tucson da Whole Foods (dove li trovo, i mmallows etc).

    RispondiElimina

Ogni commento e' benvenuto, quando contribuisce alla conversazione!