sabato 30 ottobre 2010

A caccia di zucche!

La ricerca della zucca perfetta non e' facile...



... richiede gambe forti, scarpe comode e tanta pazienza...





... finche' non si e' soddisfatti di averLA trovata, e ci si puo' rilassare nella carriolona!!






C'e' chi ha poi bisogno di un "shaved ice" (la versione poverella americana della granita) prima di entrare nel "corn maze", il labirinto creato attraverso campi di pannocchie (la foto e' fatta dall'aereo... il labirinto e' il disegno in "bianco" e le pannocchie sono il verde intorno!!)....


I miei "mostri" sperduti nel corn maze!



Una pausa veloca tra i girasoli...



... e la classica foto ricordo! Dopo le zucche, siamo andati a raccogliere le mele!




E stasera intagliamo le zucche, dopodiche', come tradizione vuole, ci godremo "The Nightmare Before Christmas" di Jim Burton.
Booo-ONA NOTTE!!






mercoledì 27 ottobre 2010

Con un alluce nella politica locale.

Quando ero una giovincella, non me ne e' mai fregato molto della politica. In Italia, tutto mi sembra sia un bel concerto, dove gli "strumentisti" (gran tromboni, senza offesa per quelli "veri") seguono uno spartito con tutti i crescendo e i diminuendo che fanno scalpore, ma senza nessuna possibilita' per chi si trova al di fuori di questa orchestra, di intervenire e far sentire la propria voce. Non ho mai neanche pertecipato ad una manifestazione quando andavo al liceo, forse troppo paurosa o troppo "goody-two-shoes", troppo "brava ragazza" per unirmi ai cori e ai pugni alzati. Pero' mi sono sempre goduta i giorni senza scuola ugualmente...


Qui negli US ho proseguito nella tradizione soprattutto con la scusante che, essendo una aliena, non posso votare, quindi a che pro interessarsi?


Ma da quando ci siamo trasferiti qui nell'estremo sud dell'Arizona, dove la gente, uomini e donne, va a caccia per sport, dove Barack Obama e' ancora ritenuto un mussulmano, dove una (parziale) riforma sanitaria che va incontro ai bisogni di tutti i cittadini, non solo quelli piu' abbienti e' considerato un gesto terroristico di comunisti, ecco io qui ho scoperto di avere una voce, per quanto flebile e ho finalmente capito che starsene seduti di lato a guardare senza contribuire e' uno spreco.

Allora visto che tra meno di una settimana ci sono le elezioni chiamate "mid-terms" in quanto a meta' del termine di mandato presidenziale e che i cittadini di Sierra Vista sono chiamati a votare nuovamente, oltre che per i candidati al senato (e speriamo che Glassman vinca su McCain, che e' diventato vagamente senile secondo me) e al congresso, quelli per governatore ed altre cariche statali e locali, anche per un referendum che consenta la continuazione di una tassa sulla proprieta' secondaria, chiamata "override" (visto che si appoggia a quella primaria) in supporto alle scuole pubbliche locali. Per 3 anni, i referendum e' stato bocciato, grazie soprattutto all'abbondanza degli "snow birds" i pensionati che vengono a vivere qui in inverno (dove il clima e' temperato) mentre in estate tornano ai loro lidi, solitamente nel nord (Washington State, Oregon, Montana etc) e grazie anche all'assenteismo alle urne generale. Quest'anno genitori ed insegnanti stanno disperatamente cercando di far passare il referendum in modi tipici americani, proteste pacifiche (e se passate l'icrocio della strada 92 e Fry Boulevard, suonate il clacson quando vedete il gruppo di donne con cartelli con messaggi quali "Honk if you went to public school" oppure "Someone paid for your education"...e se ne vedete uno tenuto in mano da una tipa con occhiali e cappellino e una fagiolina nel marsupio, suonate il clacson 2 volte, perche' sono io!!) e scritte sulle macchine (quelle proprie, badate bene) e ovviamente anche con lettere al giornale locale.

Ho scritto la mia lettera e l'ho mandata ieri all'editore, il quale mi ha chiamato per dirmi che, sfortunatamente, la deadline per pubblicaziione di lettere inerenti le elezioni di martedi' era due settimane fa e che quindi non potra' pubblicarla. Mi ha detto che gli dispiaceva perche' e' una lettera ben scritta.
La professoressa responsabile del gruppo di attivisti pro-override cui ho mandato una copia, l'ha a sua volta mandata in giro ed ho ricevuto un sacco di email di complimenti, tant'e' vero che parte della lettera verra' usata in parte del testo della pagina pubblicitaria che il gruppo di attivisti comprera' domenica sul giornale locale.

Mi sa che ormai scrivo meglio in inglese che in italiano.

Questo il testo:

To the Sierra Vista Herald Editor:

Before we moved to Sierra Vista about 3 years ago, like all prospective residents we did our homework: we checked the availability of houses for our family and we checked the schools, because it was important to us that our children would receive a good education, and would be offered some, if not all, of the programs that were available in the school district we were going to leave. We felt we could get this in Sierra Vista, so we moved here.

Today, we would think twice before moving to Sierra Vista: in the last 3 years we have learned that Arizona ranks #50 for state funding to education, and we have seen art, music and physical education classes being eliminated in the elementary schools; they were actually "dumped" on the classroom teachers, who already had the difficult task to cram the daily lessons, test taking, discipline into shorter school days (yes, that was another change we saw: shorter school days) .We have also seen the average class size swell up to well over 30 students per teacher.

And if the override doesn't get voted in, another school will close, likely increasing the class size even more, cutting more classes and programs...

So to those folks who don't want the override to be continued, I ask: how can you say that you care about our community and our children's education and at the same time being against the override, without feeling like a talking and walking oxymoron?
A few weeks ago I read a letter of a man (I'm presuming childless) who says there's no need to teach art or music in schools, because, and I quote "So many of our children have been told that they have so much talent in music that they think they can make it to the big time and make millions." First of all I would suggest this gentleman to go to one of the concerts of our Buena HS chorus (I only watched them perform for a bit during BHS Open House and I was blown away by their talent!) and see for himself. Second, we have all watched the American Idol auditions on TV, and we have all felt the pain, but this is not what art and music classes in school are for: music and art should be taught in the classroom because it might the only place where a child hears other kinds of music beside, let's say, country or rap or heavy metal. It's about teaching how to appreciate music and art in your life and using them to better yourself, maybe even to save yourself. I know many people who are suffering from depression, for example, and turn to music or art to cope with their illness. And guess what? It turns out that you don't have to be Mozart or Madonna to listen to music, to pick up a guitar and sing a tune or even to sing at a karaoke bar; you don't need to be Michelangelo or Van Gogh to draw or paint or create a cup out of clay. And most of us who had the pleasure to be exposed to music and art since childhood, know this.

I would also like to argue how important teaching physical education to young children in school is, especially in this country where one person in three is obese: children need to be educated about the advantages and benefits of moving and exercising. They need to be exposed to different activities and sports so that, as they grow older, moving and exercising will become an important part of their life.

I read in one of these letters that if we want our kids to have "extra classes", we can pay for them. My o my, what an elitist position that is. Only the wealthy can take music or art... way to go backwards!

I read that we should cut the salary of the administrators instead of asking for the override... look, like many parents in town, I don't particularly care if this superintendent leaves tomorrow, however how can you think that even halving his salary would help? It would be a drop in the bucket.

I realize a lot of these folks are still upset about the mishandling of money that happened a few years ago (so I was told), but instead of punishing the children or the teachers, you should take your protest to the source of the problem, make sure that whoever made the mistake is made accountable and doesn't repeat it. Do they even realize that the collateral damages to this war waged against the district and its administration is our children, their future and, by extension, this community's future?

My last thought is about money, which I hear, makes the world go 'round. Do you know how much you would save by eliminating the override, if your own a $166,000 home for example?

Three dollars a month. Yes, 3 meager, stinking dollars every month of the year. That's what you will be saving.

Is our children's future worth $3 a month? I hope your answer is yes, so for God's sakes and our children, please vote yes for the override.


Monica S.

Se riesco, la traduco domani.




martedì 26 ottobre 2010

Halloween Cinquain (la cinquina di Halloween)

Black Cat
Startling, dark
Raising fur, yowls, screeching
Prowls, spikes up fur and caterwauls
feline
(by Vivian S.)



Tra le tantissime carte che tornano a casa da scuola si trovano, ogni tanto, delle gemme.
E' bello quando sono i figli ad insegnare.

venerdì 22 ottobre 2010

Ah. l'America...

... insomma, e' un venerdi' sera che non vedo l'ora di spaparanzarmi di fronte alla flat screen, con un ciotolone di popcorn (debitamente vegan), surround sound a manetta, Avatar nel dvd... visto che ieri mattina la Fagiolina si e' svegliata e mi ha svegliato alle 4:30 e sono stanca stravolta...
C'e' qui per uno dei soliti sleepover Blake, la BFFAE (Best Friend Forever And Ever) di Emily e non ho voglia di cucinare per niente. Zero. Zip. Nada.

Allora riaccendo il computerino, accedo il sito di Papa John's e ordino via computer 3 pizze (2 con verdure e no formaggio, una semplice col formaggio) e una ventina di "breadsticks", cioe' la versione americana dei grissini (cio' che non mangiamo, arricchisce il freezer), e' in memoria il nostro indirizzo, la carta di credito e POOF... tra mezz'oretta si mangia. Yeah!

Posso rimanere sciammannata in pigiama (ho fatto la doccia un'ora fa...) e pigramente godermi la serata.

Certo, la pizza lascia un po' a desiderare per gli italiani (io sola), ma siamo nel mezzo del deserto del sud Arizona e sarebbe piu' facile trovare un taco autentico (o semi-decente) che una pizza degna di tal nome. Ma poi quando si ha fame, si sopperisce alla mancanza di autenticita' con la felicita' di essere liberi senza dover smanettare prima e lavare poi pentole e padelle.

Mi basta poco per essere felice....

giovedì 21 ottobre 2010

Sono razzista?

Una delle tante differenze tra l'Arizona (e il Southwest in generale) con il New Jersey (e il tri-state in generale, New Jersey-New-York-Connecticut) e' il numero assurdamente inferiore di veicoli che infestano le strade. Ne ho parlato spesso di come mi si apre il cuore quando sono in macchina e davanti e dietro a me ci sono miglia e miglia di autostrada vuota, con le montagne che fanno da contorno, il cielo azzurro con qualche nuvoletta di cotone che sembra ldi essere nella sigla iniziale dei Simpsons.... Forse sono una che si accontenta di poco, ma dopo 9 anni nello stato con la piu' alta densita' di popolazione degli US, il New Jersey, dopo 5 anni nello stato dove anche le autostrade a 6 corsie sono sempre intoppate a meno che non le navighi alle 3 del mattino (la California), il sud dell'Arizona mi sembra davvero il paradiso terrestre!
Anche gli automobilisti hanno una personalita' diversa: quelli in New Jersey e New York, sempre incazzati, irascibili, con la mazza da baseball (arma scelta di solito per gli atti di "road rage") sempre pronta, e il dito medio perennemente in attivita'. Se sei fermo al semaforo rosso e arriva il verde e il tuo piede destro non scatta immediatamente a pigiare l'acceleratore, e' garantito il concerto di clacson in si bemolle dietro di te; e' normale osservare spazzatura, mocci di sigarette, cartacce tirate dal finestrino, in autostrada e in strade statali. In un tragitto medio di 30 chilometri, puoi aspettarti che ti venga pericolosamente tagliata la strada almeno 10 volte... ma, aspetta un attimo... di che posto sto parlando? Per un attimo li', pensavo di stare descrivendo la vita dell'automobilista italiano, che e' per molti versi, il gemello di quello trovato in NJ e NY. Forse e' per questo che ho sempre odiato profondamente guidare in New Jersey e New York: tanto per confermare la mia paura intrinseca, in 9 anni di residenza sulla Jersey Shore, ho guidato la macchina per andare a trovare i miei suoceri a Long Island, NY solo una volta, ed e' successo perche' non avevo scelta: era morta mia suocera e J si era precipitato a Long Island dal lavoro, io ho dovuto aspettare che i bambini rientrassero da scuola per partire. E tra l'altro ero cosi' tremolante che invece di prendere l'uscita solita della NJ Turnpike che porta all'Outer Bridge Crossing (uno dei ponti che collegano il New Jersey con Staten Island NY) ho preso quella per il Goethals Bridge, aggiungendo diverse miglia al solito percorso.

Anyways, il traffico e gli automobilisti del New Jersey sono due tra i moltissimi aspetti della East Coast che non mi mancano per niente.
Ma dopo 3 anni qui, mi rendo conto che non e' che gli automobilisti qui siano piu' maturi, piu' responsabili o che guidino "meglio". Si tratta di una questione di matematica e statistica invece: la realta' e' che il numero di automobilisti e' decisamente minore quindi le probabilita' che durante un'uscita in auto tu incroci uno stronzo al volante sono inferiori.

Poi succede come stamattina, le bambine avevano perso lo scuolabus che arriva alle 7:25 e noi dobbiamo uscire dalla porta di casa alle 7:23 in punto, ed ho quindi ho dovuto accompagnarle in macchina, visto che nonostanta la distanza minima da casa a scuola, meno di un chilometro, non avevamo tempo, faceva freddino e Emily ha mezza tonnellata di zaino da trasportarsi.
In caso non lo sappiate, ovunque negli US ci sia una scuola, il limite di velocita' scende a 15 miglia all'ora nella strada adiacente la scuola stessa, non ci sono santi. Di solito la gente rispetta con reverenza il limite, visto che spesso c'e' una macchina della polizia parcheggiata in posizione strategica, quindi come nel caso della nostra scuola, il traffico, per quanto minimo, rallenta automaticamente e tutti rispettano i segnali stradali, gli stop, le strisce pedonali... eccetto questa troiona di stamattina che con il suo Chevrolet Tahoe, il solito SUV enorme che spero le succhi il portafogli e l'anima, ha deciso che aspettare allo stop della strada laterale che si immette nella strada della scuola era una cosa inferiore al suo stato di mignottazza, e si e' sfiondata di fronte al mio pulmino, senza nemmeno fare un gesto di scusa, senza preoccuparsi che avrei potuto tamponarla (vabbe', magari no, visto che, andando a 15 all'ora sarebbe stato difficile, ma se fossi stata un po' distratta...).

Ma come, ho pensato, ora anche gli Arizoniani cominciano a guidare come dei rinco?
Poi l'ho visto ed ho capito tutto. Come una carta d'identita', c'era in bella esposizione sul vetro dietro l'adesivo dei New York Yankees.

Nordici di cacca, tornatevene a casa!

Mi sa che sto diventando razzista al contrario.

mercoledì 20 ottobre 2010

Madri da week end

Sono una madre a tempo pieno e ho poco tempo per me stessa e per gli hobby che mi mantengono, per quanto possibile, in equilibrio. Come tale,"ammiro" le donne che riescono ad avere una carriera e contemporaneamente essere "brave" madri. E ad andare in palestra, cucinare manicaretti, tenere la casa pulita e immacolata e a farsi la doccia tutti i giorni! Grazie al fatto che J ha un buon lavoro, non "ho bisogno" di uscire di casa per lavorare (ne ho tanto qui di lavoro), pero' sono sicura che potrebbero servirci dei $ extra soprattutto in momenti come quelli che abbiamo passato da poco, in cui tutto si rompe o cade a pezzi: invece ho sempre scelto di non lavorare, qui negli US, un po' per pigrizia, e un po' perche' il costo del "child care" sarebbe stato quasi quanto uno stipendio e non ne sarebbe valsa la pena. Cosi' andiamo avanti con uno stipendio, abbiamo una vita discreta anzi diciamo che siamo anche fortunati e ci possimao permettere fin troppo, ma tiriamo al risparmio in molti lati della nostra vita, ad esempio guidando 2 vetture che ormai cominciano ad odorare di antiquariato... se non di sfascio! Il fatto che per me lavorare non sarebbe valso la pena, mi ha reso la scelta facile e giustificabile agli occhi di chi, come mia mamma ad esempio che si preoccupa sempre, pensa che una donna non si possa realizzare pienamente al di fuori dell'ambiente di lavoro. I beg to differ.

Nel bene e nel male, sono una mamma a tempo pieno. Mi guardo in giro, parlo con amici e famigliari e mi dico : meglio cosi' che essere una mamma da week end!

Le mamme da week end scelgono di diventare madri non perche' sono colme d'amore e vogliono completarsi e completare la coppia, ma perche', avendo ben superato i trenta, l'orologio biologico fa tic-toc e se non lo diventano adesso non la diventeranno piu'; diventano madri perche' tutte le attrici e semi-celebrita' in tv lo diventano e cosi' si fa gruppone. Perche' e' l'ultima moda. Ovviamente hanno una carriera piu' o meno avviata e mai si sognerebbero di lasciarla, anche perche' non si puo' mai sapere, un domani se io e lui ci lasciamo... (gia' perdente in partenza, no?); queste neo mamme cui mi riferisco, non hanno calcolato bene il "dopo parto", sono rimaste in gravidanza e invece di cercare una babysitter o un childcare, hanno pensato "qualcuno provvedera' " e cosi' dopo un paio di mesi a casa col frugoletto-novita', dovendo tornare a lavorare, le neo-mamme devono per forza lasciare il loro bebe'... a chi? Ma ai nonni, ovvio! I nonni che ovviamente vista l'eta' della neo-mamma, non sono piu' sgarzellini, ma toccano o superano i settanta e cosi', sia per aiutare la figlia o la nuora che per amore verso il nipotino, invece di godersi finalmente il meritato "riposo" che arriva con la pensione (dico "riposo" anche se qui tutti i senior sono sempre molto attivi tra golf, volontariato, etc.), invece di dedicarsi alle attivita' e agli hobby cui avevano rinunciato durante gli anni in cui avevano cresciuto i loro figli, si ritrovano ancora a fare da genitori, ma ai loro nipoti. Altro giro, altro regalo!
E se questa neo-mamma deve lavorare per forza, per potersi pagare il mutuo, o per poter tirare a fine mese? Allora i nonni, offrendo i loro servizio-babysitter gratis, sono l'unica possibilita'. Capisco benissimo.
E invece no: queste neo-mamme utilizzano il servizio giornaliero di babysitteraggio gratuito (quelle 8/9 ore con bambino pesante e urlante) per potersi pagare le rate del macchinone della madonna appena comprato, o per potersi fare le vacanze nei Caraibi etc.
Ma allora la domanda e': invece di spendere 40mila dollari o piu' per un SUV che in citta' non ti serve, che non stai mica facendo la Parigi-Dakkar, e sfruttare i genitori o i suoceri che magari non hanno piu' neanche tanto le forze (e credetemi, avere un bambino di 1 anno a 44 anni e' faticoso, immaginarsi a 70 anni!), ma allora comprati una Panda e mandalo al child-care, all'asilo o pagati una nanny! Ecchecacchio! Ma non si vergognano?
Mah. Cosi' queste neo-mamme si ritrovano a fare la mamma il sabato e la domenica, cioe' 2 giorni su 7 (perche' gli altri 5 o e' troppo presto o troppo tardi per fare il genitore). Bello e conveniente. Madri al risparmio.

Giuro che io i miei nipoti, se mai saro' fortunata ad averne e se saranno vicini (visto come ci si muove negli US ne dubito), li voglio coccolare, viziare per quelle 2 orette e poi via! Sono figli dei loro genitori, non miei.
Se scegli di diventare mamma, e' tua responsabilita' non quella dei tuoi genitori, di crescere tuo figlio. Altrimenti prenditi un gatto, che costa meno e puoi lasciarlo a casa per 10 ore da solo senza problemi.

venerdì 8 ottobre 2010

La soluzione sbagliata

Come hanno fatto le sue sorelle, la fagiolina e' un'avida "allattatrice". Lo so, in Italia allattare dopo i 12 mesi e' guardato con sospetto e spesso con schifo, ma ci sono centinaia di studi che confermano i benefici che il latte materno offre non solo alle mamme (tanto per citarne uno importante, la percentuale di tumori all'apparato riproduttivo e al seno diminuisce in modo esponenziale, piu' a lungo allatti e piu' diminuisce il rischio), ma anche ai "toddler" cioe' ai piccolini sopra i 12 mesi (QUI un articolo consuntivo di Dr. Newman, famoso pediatra canadese che ha scritto diversi libri). Magari scrivero' un post sull'argomento perche' purtroppo c'e' tanta ignoranza sull'argomento e vale la pena parlarne, lo dico anche perche' dopo diversi anni come La Leche League Leader, ho aiutato tantissime madri disperate, sperdute senza informazioni e supporto.

Uno dei "problemi" che nascono quando si allatta un bambino in fase verbale, e' quello di creare un codice con cui il bambino comunichi il suo desiderio di allattare, senza che tutto il parco giochi capisca. Mi ricordo ancora una mia amica la cui bambina chiedeva "milky" quando voleva allattare e una volta al ristorante aveva iniziato a chiedere "milky, milky milky" e ovviamente la mia amica aveva detto "Later", piu' tardi... la piccolina invece aveva cominciato ad alzare al voce "MILKYYYY... WANNA MILKYYY"... e dai tavoli vicini arrivavano occhiatacce, e una signora anziana si era sporta e aveva detto "Why don't you get her a cup of milk?" Praticamente "E comprale un bicchiere di latte!!"

Con Emily e Vivian non ne ho mai avuto bisogno, loro venivano da me e mi toccavano 2 o 3 volte la pancia e io capivo e a seconda delle situazioni dicevo si' o no. Con Violet ho pensato che, usando la parola italiana "ciuccia" avrei risolto qualsiasi eventuale problema.
Ovvio che non ho pensato a tutto, perche' Violet, che parla tanto ma ovviamente pronuncia tutto a modo suo, ovviamente non riuscendo ancora a pronunicare il suono "ci", dice anche la parola ciuccia a modo suo, e cioe' "TI-TI" che, come volevasi dimostrare, e' esattamente uno dei termini piu' volgari in inglese per definire il seno! (Come dire "tetta"...)
Ancora non e' successo in pubblico, ma in casa ogni volta che Violet chiede "TI-TI", J e ovviamente anche Chris, muoiono dal ridere, rinforzando ancora di piu' l'uso del termine.

Aspetto il momento in cui, con la sua vocina forte e chiara, chiedera' "ti-ti" in chiesa o durante un evento scolastico dei fratelli...

P.S.: Rileggendo il mio post precedente, mi rendo conto di essere stata, come al solito, piuttosto diretta e "severa"nel mio giudizio dei membri di Facebook: non tutti i facebookkari sono idioti e solitamente quelli che trovo interessanti nei loro blog, offrivano spunti interessanti anche su FB. Sono io che ormai ho poca pazienza e sono i parenti e amici che usano Facebook come psicoterapia per i loro problemi che mi fanno imbestialire...

mercoledì 6 ottobre 2010

Facebook, ovvero l'incredibile inutilita' del "social network"

"Socializing on the internet is to socializing what reality tv is to reality" Aaron Sorkin, regista di "The Social Network" intervistato da Stephen Colbert
("Socializzare su internet sta a socializzare come la reality tv sta alla realta' ")

Chi mi legge da un po' sa che, sin dal momento in cui mi ci sono iscritta, Facebook mi ha contemporaneamente eccitato e confuso e, tantalizzando la mia anima estroversa con la possibilita' di riconnettermi con il passato, mi ha derubato di tanto tempo ed energie preziosi; ciononostante, non riuscivo a staccarmici o a farne un uso limitato.
Nel momento in cui pero' mi sono resa conto che delle parole scritte da "amici" mi stavano turbando troppo, ho capito che era arrivato il momento di finalmente chiudere il mio "account". Facebook era diventato quasi una droga: la prima cosa che fai al mattino e l'ultima prima di andare a dormire, con molteplici puntatine durante la giornata. Francamente, con 4 figli, un marito, una casa e una vita da vivere, era una dipendenza distruttrice.
La cronaca della mia "avventura" su Facebook sembra davvero il resoconto di un'esperienza da tossicodipendente: ho iniziato perche' qualcuno me l'ha offerto e subito sono stata risucchiata nel vortice della curiosita', subito mi sono trovata coinvolta ed eccitata dalla prospettiva di tutti questi "amici" di cui avevo perso le tracce da decenni, e pur sapendo che aprendo Facebook avrei perso tempo importante in michiate, lo facevo ugualmente perche' la curiosita', il voyeurismo e francamente l'interesse morboso verso la vita (o assenza di tale) altrui erano irresistibili.
Proprio come una droga.
E come per una droga, ho dovuto toccare il fondo. Ho dovuto leggere un passato riassunto malamente in 4 righe, senza contesto, senza elaborazioni, senza soluzioni... e ho dovuto leggere, mordendomi le labbra, i commenti di risposta di persone che conosco bene per essere ottimo esempio di inettitudine e ingratitudine, giudici con le loro parole banali di situazioni private o comunque su cui non hanno nessuna giurisdizione morale; ho dovuto toccare con mano per cosi' dire, l'immaturita' di persone che ritenevo mature e la banalita' di questo sistema di botta e risposta, che non da' la possibilita' si un approfondimento e dove spessissimo manca un vero interesse, per capire che era giunta per me l'ora di dire addio a Facebook.

Presenti esclusi, Facebook per me si e' rivelato come un conclave di coglioni... vabbe', magari solo cretini e stupidi, che lo usano come piattaforma per strombazzare le loro scoregge mentali... e mi includo pure io, non credete!! Ho pensato al fatto che anche questo blog e' la piattaforma per le mie stupidate, con la differenza che qui esiste un contesto, una storia, che ho la possibilita' di spiegarmi, di elaborare le mie opinioni, invece di starnutirle in 1 secondo e mezzo, lasciando che infettino tutti coloro che sono caduti nella "ragnatela".
Forse sono troppo vecchia per questo tipo di socializzazione; e' vero che preferisco di gran lunga contatti piu' "veraci", quindi il "social network" virtuale mi ha coinvolto come se fosse una serie di amicizie vere. Invece e' solo un palcoscenico per insicuri. Come ha detto Sorkin nell'intervista con Colbert qui sotto, su Facebook, e' tutta una performance. Siamo tutti attori.
E a parte pochi esempi in cui la sua utilita' e' stata comprovabile, ad esempio quando Betty White e' stata richiesta come "host" di Saturday Night Live a furor di (FB) popolo, per il resto non credo che molte delle petizioni di Facebook siano finite in niente piu' di una bolla di sapone.

Di buono c'e' che questa esperienza mi ha consentito di realizzare l'inutilita' di Facebook nella mia vita. Inutilita' totale.

Morale: lasciato Facebook, sono riuscita a coltivare la mia bellezza sa interiore che esteriore, cioe' da quando mi sono disintissicata, riesco a leggere un pochino di piu'... e mi sono pure depilata per bene!! ("simia docet"...)

The Colbert ReportMon - Thurs 11:30pm / 10:30c
Aaron Sorkin
http://www.colbertnation.com/
Colbert Report Full Episodes2010 ElectionMarch to Keep Fear Alive