lunedì 17 ottobre 2011

Da adesso, si tira la cinghia...

Ottobre e' stato finora un mese generoso, metereologicamente se non finanziariamente: le giornate sono ancora calde ma non piu' torride, e ci permettono di buttarci in piscina in un'acqua ancora sui 31 gradi, grazie ai pannelli solari;  alla sera poi si dorme al fresco, grazie al clima del deserto che ci regala uno sbalzo di temperatura di piu' di 20 gradi tra giorno e notte. Mi sembra ancora strano preparare la casa per Halloween in calzoncini e canotta, ma anche il solo pensiero mi rende felice. L'aria condizionata non la accendiamo dai primi di settembre, e per chi conosce l'ossessione degli Americani, primo della lista J, con il vivere in un'aria artificialmente portata a temperature per loro umane, per noialtri italiani da orsi polari, e' quasi un miracolo! Le ultime settimane sono cosi' trascorse senza le solite battaglie abbassa/alza il termostato, a conferma ancora una volta che non tutti i mali nuociono. Mi spiego: quest'anno tra  spese volontarie come la vacanza in California, e quelle involontarie, tipo visite dentistiche, ospedale, il trainer per il cane, etc., ci siamo trovati a dover, per la prima volta da quando ci siamo trasferiti in Arizona, rivedere il nostro budget famigliare, negli ultimi 4 anni molto rilassato, e dopo un weekend di "studio" finanziario, abbiamo deciso che e' necessario tirare un po' la cinghia. Non e' la prima volta, ne' purtroppo sara' l'ultima, ma questa volta la necessita' e' resa ancora piu' impellente dallo spettro del college per Chris (tra meno di 2 anni) e anche dalla realta' dei nostri 2 veicoli che stanno lentamente raggiungendo l'eta' del rottamaio...
Le nostre spese fisse (mutuo, telefono, elettricita', assicurazioni varie, etc) sono piu' di $3000 al mese, cui si aggiunge il cibo (in media $300+ alla settimana) e poi tutte le spese non previste di cui parlavo prima, e con 4 figli ogni giorno e' un imprevisto. Ecco che allora il non accendere l'aria condizionata per diverse settimane, a meno che non sia assolutamente necessario, e' diventato parte del nostro piano d'attacco per riuscire non solo a sopravvivere, ma anche a gustarci un po' la vita. No, non viviamo una vita di lussi e non siamo (grazie a me!) una di quelle famiglie tipiche americane che spende in modo stravagante, non sono una delle casalinghe che utilizza l'IPad per la lista della spesa, ne' i miei figli, pur essendo certamente piu' viziati di come ero io alla loro eta', posseggono tutti i vari gadget elettronici, piattaforme videogiochi, libri che vorrebbero. Cerco di essere una "smart shopper", una consumatrice informata, e tuttavia negli ultimi mesi mi sembra sempre di arrivare a fine mese col cappio al collo.
In questa luce, immagino che di viaggi in Italia nel futuro ce ne saranno pochini, anzi zero. Mi spiace che i miei ancora non abbiano conosciuto Violet, speriamo riescano almeno loro a venire a trovarci nei prossimi anni.

Meno male che l'inverno inizia tardi qui, o il pensiero di 6/7 lunghi mesi di freddo (come in NJ) oltre a quello di dover rispettare alla lettera i limiti del nuovo budget per i prossimi X mesi, sarebbe in questo momento troppo deprimente.  Meno male che c'e' il sole e la piscina. Mi devo accontentare!

9 commenti:

  1. non deve essere per niente facile mandare avanti una famiglia di sei persone! :-/

    RispondiElimina
  2. Non saprei dire se si tratta di una congiunzione astrale oppure se c'è una ragione individuabile ma capita sempre anche a me in autunno di dover fare i conti con...i conti!

    Forse che sia il clima estivo a farci rilassare i cordoni della borsa?

    Qui ha appena iniziato a fare freddo sul serio ma le giornate sono ancora lunghette (almeno fino a quando non terminerà l'ora legale) ed il tempo sereno. Dopo, almeno per il mio stato psicologico, sarà il dramma! ;-)

    ---Alex

    RispondiElimina
  3. qui fa freddissimo, sembra pieno inverno, abbiamo acceso i caloriferi e indossato i berretti...

    RispondiElimina
  4. Qui inizia il freddo ma il tempo è ancora clemente e io giro senza calze...
    Mandare avanti una famiglia di dieci creature (io conto anche i pelosetti che, bene o male incidono sul bilancio) dev'essere un'impresa titanica dal punto di vista economico.
    Ma la fortuna di vivere in un bel posto con un clima favorevole è impagabile.
    Risparmiare sull'aria condizionata e autoprodurre oltre che riciclare secondo me è la via giusta per non farsi mancare niente e vivere bene.

    RispondiElimina
  5. tieni botta moky! 99% rulez !

    RispondiElimina
  6. @Marica: cerco di non pensarci!! Se non avessimo 4 figli, guideremmo 2 macchine nuove, andremmo in vacanza quando e dove vorremmo... ma il "trade-off" e' in nostro favore adesso!! (anche se la fatica e le paure sono tante!!)

    @Alex: magari fosse un evento astronomologico... sicuramente l'estate non ha aiutato, la vacanza... mi preoccupa il pensiero che a novembre abbiamo 2 compleanni da celebrare, e poi c'e' il Natale... o well... anche io soffro d'inverno... mi piace all'inizi, poi dopo 2 settimane voglio che torni l'estate!! Coraggio!!

    @DestinazioneEstero: ma davvero, ad Istambul fa gia' freddo? Allora davver, smetto di lamentarmi... anche se ci sono tanti che adorano il freddo e festeggiano l'arrivo dell'inverno... E tu?

    @Titti: senza calze? ma che, sei americana??? :) E' da giugno che la famiglia e' composta da 9 membri... non ho mai scritto il post che avrei dovuto, ma Zen, il labrador, ha trovato una nuova casa, grazie all'intervento del Labradoor Rescue of Arizona (la trainer, che abbiamo pagato una cifra irripetibile, ci aveva raccomandato di trovare un'altra sistemazione per lui, perche' richiedeva "rehab, not training", sue parole... Quindi ora i pelosi di casa sono Jack, T.J. e Kudo...

    @Palbi: grazie!! Si', 99% rules!!

    RispondiElimina
  7. Beh, se spendete 3000 $ al mese vuol dire che ne entrano abbastanza. Noi siamo in tre con uno stipendio da 980$.
    Eli

    RispondiElimina
  8. Anche noi stiamo pensando di rottamare una delle auto e stiamo facendo qualche lavoretto in casa...spese, spese, spese.
    E parlando delle "smart shopper", lo vedi il programma Extreme Couponing?? C'e' da rimanere a bocca aperta a vedere come certe tizie riescono a risparmiare il 90/95% sulla spesa. Certo, noi siamo un po' p[iu' picky sul mangiare e su certi prodotti per il bagno, ma ogni volta che lo vedo, vengo sempre invasa dalla voglia di essere un po' piu' "smart" nel mio "shopping":))

    RispondiElimina
  9. @ Eli: certo che non state bene per niente. Non capisco se vivete qui o in Italia, perche' con uno stipendio da $980 al mese e una famiglia di 3 persone, siete ben al di sotto del livello di poverta' e spero che sfruttiate tutti i vari sussidi, federali e dello stato in cui vivete, per aiutarvi un pochino. Se vivete in Italia, la situazione e' sempre dura, ma almeno avete la sanita' pubblica, forse l'unica nota positiva. Mi dispiace. Spero che cambi la marea anche per voi. In effetti, in questa prospettiva, no mi dovrei proprio lamentare.

    @Regina: EXTREME CUPONING!!!! Pensa che volevo scrivere un post, perche' da quando abbiamo registrato l'episodio con la cuponer vegan, ho inziato ad utilizzare i coupon un po' piu' seriamente di quello che ho fatto negli utlimi 4/5 anni! Niente di drammatico e anche patetico come nello show, ma sicuramente passo piu' tempo a cercare, ritagliare... Sono d'ccordissimo, anche la tipa vegan comprava delle merdate che io non userei mai (27 bottiglie di senape gialla... Jim se non e' grey poupon si lamenta...) pero' il concetto e' da utilizzare!! Ho ri-iniziato a comprare il giornale della domenica!!! :)

    RispondiElimina

Ogni commento e' benvenuto, quando contribuisce alla conversazione!