lunedì 31 dicembre 2012

Dodici mesi in dodici, no tredici... no quindici foto!

Un altro anno e' finito.  Non so bene come riassumerlo, perche' ogni anno, ogni mese, ogni giorno hanno dei momenti bellissimi ed altri... be', meno belli. 
L'anno prossimo portera' tanti cambiamenti, che anticipo come sempre. A me i cambiamenti piacciono, mi eccitano, penso che mi tengano viva, anche se faccio un po' fatica ad accettare che i miei "bambini" cosi' dolci e carini, siano ormai degli adolescenti. E ho detto tutto!

Allora invece di riassumerlo in parole, "riassumo" questo 2012 in foto a caso...


GENNAIO

Violet impara l'arte culinaria


FEBBRAIO

Emily sul palco del "Cochise Cowboy Poetry and Music Gathering", recita la sua poesia vincente, "Rattler Joe" 


MARZO

La neve marzolina scende sulla piscina....


APRILE

Mai sottovalutare le capacita' artistiche dei toddlers...  l'auto-tatuaggio e' stato fatto con uno sharpie, pennarello permanente.... 


MAGGIO
(non ho saputo scegliere, cosi' le foto sono 3)

Al secondo simposio "Healthy You", con Rip Esselstyn, autore del bestseller "Engine 2 Diet"...  posso dire di avere una cotta per lui? Ha 48 o 49 anni, e non solo ha un fisico della madonna, e' anche estremamente inteligente...

Chris alla sua prima Prom

Chris inizia a lavorare a The Cove, la piscina della citta'


GIUGNO

Il mio giuramento che ufficializza che sono americana (notare Violet...)


LUGLIO

L'artista colpisce ancora! Questa volta con lo yogurt (di latte di soya) colorato. Una volta c'erano 3 colori...


AGOSTO

Sono fortunata...


SETTEMBRE

Qui non ha ancora 12 anni, ma e' gia' una teenager in tutto... 


OTTOBRE

"Brokeback Mountain" secondo Violet... perche' per i bambini il bigottismo e l'omofobia sono concetti inesistenti.


NOVEMBRE

Il mio primo voto per il presidente!


DICEMBRE

No comment

E questa mattina.... LA NEVE DI FINE D'ANNO!!  Auguri a tutti, ci si sente l'anno prossimo!


mercoledì 19 dicembre 2012

Nonostante...

Nonostante gli eventi di una settimana fa, io preferisco ancora crescere i miei figli qui che in Italia.
Chissa' se riusciro' a raccontare tutte le ragioni, un giorno, sul blog....
Intanto, si comincia con questa: un presidente che vuole agire.

Qui sotto il video del fantastico discorso fatto oggi in occasione di una conferenza stampa, e copio sotto il suo testo, cosi' potete, se volete, seguirlo mentre parla, o leggerlo. E' piuttosto lungo, ma almeno l'inizio e' da applauso: il video dura una mezz'ora, ma il discorso sulle armi prende i primi 9 minuti. Seguono ventina di minuti di domande, la maggior parte sul "fiscal cliff", ma alla fine ci sono 2 domande sul controllo delle armi. Le ho evidenziate in rosso, se vi interessa approfondire la situazione e farvi una vostra opinione in merito.




PRESIDENT OBAMA:

Good morning everybody.
It’s now been five days since the heartbreaking tragedy in Newtown, Connecticut; three days since we gathered as a nation to pray for the victims, and today a few more of the 20 small children and six educators who were taken from us will be laid to rest. We may never know all the reasons why this tragedy happened. We do know that every day since, more Americans have died of gun violence. We know such violence has terrible consequences for our society. And if there is even one thing that we can do to prevent any of these events, we have a deep obligation, all of us, to try.
Over these past five days, the discussion has re-emerged as to what we might do not only to deter mass shootings in the future, but to reduce the epidemic of gun violence that plagues this country every single day. And it’s encouraging that people of all different backgrounds and beliefs and political persuasions have been willing to challenge some old assumptions and change some long-standing positions.
That conversation has to continue, but this time the words need to lead to action. We know this is a complex issue that stirs deeply held  passions and political divides. And as I said on Sunday night, there’s no law or set of laws that can prevent every senseless act of violence in our society.
We’re going to need on making access to mental health at least as easy as access to a gun. We’re going to need to look more closely at a culture that, all too often, glorifies guns and violence. And any actions we must take must begin inside the home and inside our hearts.
But the fact that this problem is complex, can no longer be an excuse for doing nothing. The fact that we can’t prevent every act of violence, doesn’t mean that we can’t steadily reduce the violence and prevent the very worst violence. That’s why I asked the vice president to lead an effort to include members of my Cabinet and outside organizations to come up with a set of concrete proposals no later than January, proposals that I then intend to push without delay.
This is not some Washington commission. This is not something where folks are going to be studying the issue for six months and publishing a report that gets read and then pushed aside.
This is a team that has a very specific task to pull together real reforms right now.
I asked Joe to lead this effort in part because he wrote the 1994 crime bill that helped law enforcement bring down the rate of violent crime in this country. That plan — that bill also included the assault weapons ban that was publicly supported at the time by former presidents, including Ronald Reagan.
The good news is there’s already a growing consensus for us to build from. A majority of Americans support banning the sale of military-style assault weapons. A majority of Americans support banning the sale of high-capacity ammunition clips. A majority of Americans support laws requiring background checks before all gun purchases so that criminals can’t take advantage of legal loopholes to buy a gun from somebody who won’t take the responsibility of doing a background check at all.
I urge the new Congress to hold votes on these measures next year in a timely manner.
And considering Congress hasn’t confirmed a director of the Bureau of Alcohol, Tobacco and Firearms in six years — the agency that works most closely with state and local law enforcement to keep illegal guns out of the hands of criminals — I’d suggest that they make this a priority early in the year.
Look, like the majority of Americans, I believe that the Second Amendment guarantees an individual a right to bear arms. This country has a strong tradition of gun ownership that’s been handed down from generation to generation.
Obviously, across the country there are regional differences. There are differences between how people feel in urban areas and rural areas. And the fact is, the vast majority of gun owners in America are responsible. They buy their guns legally and they use them safely, whether for hunting or sports shooting, collection or protection.
But you know what? I am also betting that the majority — the vast majority of responsible law-abiding gun owners would be some of the first to say that we should be able to keep an irresponsible, law-breaking few from buying a weapon of war.
I’m willing to bet that they don’t think that using a gun and using common sense are incompatible ideas; that an unbalanced man shouldn’t be able it to get his hands on a military-style assault rifle so easily; that in this age of technology we should be able to check someone’s criminal records before he or she can check out at a gun show.
That if he we work harder to keep guns out of the hands of dangerous people there would be fewer atrocities like the ones in Newtown or any of the lesser known tragedies that visit small towns and big cities all across America every day.
Since Friday morning, a police officer was gunned down in Memphis, leaving four children without their mother. Two officers were killed outside a grocery store in Topeka. A woman was shot and killed inside a Las Vegas casino. Three people were shot inside an Alabama hospital. A four-year-old was caught in a drive-by in Missouri and taken off life support just yesterday.
Each one of these Americans was a victim of the everyday gun violence that takes the lives of more than 10,000 Americans every year — violence that we cannot accept as routine.
So I will use all the powers of this office to help advance efforts aimed the at preventing more tragedies like this. We won’t prevent them all, but that can’t be an excuse not to try. It won’t be easy, but that can’t be an excuse not to try.
And I’m not going to be able to do it by myself. Ultimately, if this effort is to succeed, it’s going to require the help of the American people. It’s gonna require all of you. If we’re going to change things, it’s going to take a wave of Americans — mothers and fathers, daughters and sons, pastors, law enforcement, mental health professionals, and, yes, gun owners — standing up and saying, enough on behalf of our kids.
It will take commitment and compromise, and most of all it will take courage.
But if those of us who were sent here to serve the public trust can summon even one tiny iota of the courage of those teachers, that principal in Newtown summoned on Friday, if cooperation and common sense prevail, then I’m convinced we can make a sensible, intelligent way to make the United States of America a safer, stronger place for our children to learn and to grow.
Thank you.
------------------------------------------------------------------------------------------------------------

And now I’m gonna let the vice president go, and I’m gonna take a few questions.
And I will start with Ben Phillips (ph).
QUESTION: Thank you, Mr. President.
I’d like to ask you about the other serious issue ensuing  this town right now, fiscal cliff.
OBAMA: Correct.
QUESTION: Haven’t you betrayed some of the voters who supported you in the election by changing your positions on who should get a tax increase and then by -- by including Social Security benefits now into this mix?
And more broadly, there seems to be a deepening sense that negotiations aren’t going very well right now. Can you give us a candid update, are we likely to go over the cliff?
OBAMA: Well, first of all, there’s no reason why we should. Remember what I said during the campaign, I thought that it was important for us to reduce our deficit in a balanced and responsible way. I said it was important for us to make sure that millionaires and billionaires paid their fair share. I said that we were going to have to make some tough cuts, some tough decisions on the spending side, but what I wouldn’t do was hurt vulnerable families only to pay for a tax cut for somebody like me.
And what I said was that the ultimate package would involve a balance of spending cuts and tax increases. That’s exactly what I’ve put forward. What I’ve said is that in order to arrive at a compromise, I am prepared to do some very tough things, some things that some Democrats don’t want to see and probably there are a few Republicans who don’t want to see either.
But the only way that we’re going to be able to stabilize the economy, make sure we’ve got a platform for long-term economic growth, that we get our deficits under control, and we make sure that middle- class families are protected, is if we come up with something that members of both parties in Congress can support. And that’s the plan that I’ve put forward.
I have gone at least halfway in meeting some of the Republicans’ concerns, recognizing that even though we campaigned on these issues, even though the majority of Americans agree with me that we should be raising taxes on the wealthiest few as a means of reducing the deficit. I have also said that I’m willing to identify some spending cuts that make sense.
And, you know, frankly up until about a couple of days ago, if you looked at it, the Republicans in the House and Speaker Boehner I think were in a position to say: “We’ve gotten a fair deal.” The fact that they haven’t taken it yet is puzzling, and I think, you know, a question that you’re going to have to address to them
I remain optimistic, because if you look at what the speaker has proposed, he’s conceded that income tax rates should go up, except right now he only wants to have them go up for millionaires. If you’re making $900,000, somehow he thinks that you can’t afford to pay a little more in taxes. But the principle that rates are going to need to go up, he’s conceded.
I’ve said I’m willing to make some cuts. What separates us is probably a few hundred billion dollars. The idea that we would put our economy at risk because you can’t bridge that cap doesn’t make a lot of sense.


So, I’m going to continue to talk to the speaker and the other leaders up in Congress, but ultimately they’ve got to do their job. Right now, their job is to make sure that middle-class taxes do not go up and that we have a balanced, responsible package of deficit reduction. It is there for all to see. It is a deal that can get done, but it is not going to be -- it cannot be done if every side wants 100 percent. And part of what voters were looking for is some compromise up here. That’s what -- that’s what folks want.
OBAMA: They understand that they’re not going to get 100 percent of what they want. And for some reason, that message has not yet taken up on Capitol Hill. And when you think about what we’ve gone through over the last couple of months -- a devastating hurricane, and now one of the worst tragedies in our memory, the country deserves folks to be willing to compromise on behalf of the greater good and not tangle themselves up in a whole bunch of ideological positions that don’t make much sense. So I remain, not only open to conversations, but I remain eager to get something done. I’d like to get it done before Christmas. There’s been a lot of posturing up on Capitol Hill instead of just going ahead and getting stuff done. We’ve been wasting a lot of time. It is the right thing to do. I’m prepared to get it done, but they’re going to have to go ahead and make -- make some adjustments.
And -- and I’ll just give you one other example. The speaker is now proposing what he calls Plan B. So he says, “Well, this would raise taxes only on folks making $1 million or more.” What that means is, an average of a $50,000 tax break for every millionaire out there. At the same time as we’re not providing unemployment insurance for 2 million people who are still out there looking for work. It actually means a tax increase for millions of working families across the country, at the same time as folks like me would be getting a tax break. That violates the core principles that were debated during the course of this election and that the American people determined was -- was the wrong way to go.
And so my hope is, is that the speaker and his caucus, in conjunction with the other legislative leaders out there, can find a way to make sure that middle-class families don’t see their taxes go up on January 1st, that we make sure that those things that middle- class families count on like tax credits for college or making sure that they’re getting some help when it comes to raising their kids, through things like the Child Tax Credit, that that gets done, and that we have a balanced package for deficit reduction, which is exactly what I’ve put forward.
QUESTION: Will you give more ground if you need to or (inaudible)
OBAMA: The if -- if you look at the package that I’ve put forward, it is a balanced package by any definition. And the -- we have put forward real cuts in spending that are hard to do in every category. And by any measure, by any traditional calculation, by the measures that Republicans themselves have used in the past, this would be a -- as large a piece of deficit reduction as we’ve seen in the last 20 years. And if you combine that with the increased revenue from the wealthy paying a little bit more, then you actually have something that would stabilize our deficit and debt for a decade, for 10 years.
Now, the notion that we would not do that, but instead the speaker would run a play (ph) that cut -- keeps tax cuts for folks making $500,000 or $700,000 or $800,000 or $900,000 a year and gives more tax breaks to millionaires and billionaires and raises taxes on middle-class families and then has no cuts in it, which is what he says he wants, doesn’t make much sense.


OBAMA: Let’s -- let’s just think about the logic for a second. The -- the thinking about voting for raising taxes, at least on folks over a million, which they say they don’t want to do, but they’re going to reject spending cuts that they say they do want to do. That defies logic. There’s no explanation for that.
I think that any objective person out there looking would say that, you know, we put forward a very balanced plan, and it’s time for us to go ahead and get it done. That’s what the country needs right now. Because I think folks have been through some -- some wrenching times. We’re still recovering from a very tough recession. And what they’re hoping for is a sense of stability, focus, compromise, common sense over the next -- next couple of years. And I think that we can provide it, but this is a good test for it, OK.
Carol Lee (ph)? (inaudible)
QUESTION: Thank you. Just a follow on Ben’s question. What is your next move? Are we in a position now where you’re just waiting for the speaker to make a move...
(CROSSTALK)
OBAMA: I’m going to reach out to all the leaders involved over the next couple of days and -- and find out what is it that’s holding this thing up. What is holding it up? If -- if the argument from Republicans is we haven’t done enough spending cuts, that argument is not going to fly because we’ve got close to a trillion dollars of spending cuts. And when you add interest then it’s more than a trillion dollars in spending cuts.
If the argument is that they can’t do -- they can’t increase tax rates on folks making $700,000 or $800,000 a year, that’s not a persuasive argument to me and it’s certainly not a persuasive argument to the American people.
You know, it may be that members of their caucus haven’t looked at exactly what we’ve proposed. It may be that if we provide more information or there’s greater specificity, or we’ve worked through some of their concerns that we can get some movement there.
But, you know, the fact of the matter is, is that -- what would violate my commitment to voters is if I ended up agreeing to a plan that put more of the burden on the middle-class families and less of a burden on the wealthy in an effort to reduce our deficit. That’s not something I’m going to do. What would violate my commitment to voters would be to put forward a plan that makes it harder for young people to go to college, that makes it harder for a family with a disabled kid to care for that kid. And there’s a threshold where -- that you reach where the balance tips even in making compromises that are required to get something done in this town where you are hurting people in order to give another advantage to folks who don’t need help.


And we had an extensive debate about this for a year. And not only does the majority of the American people agree with me, about half of Republican voters agree with me on it this.
So, you know, at some point there’s got to be I think a recognition on the part of my Republican friends that, you know, take the deal. You know, they will be able to claim that they have worked with me over the last two years to reduce the deficit more than any other deficit reduction package; that we will have stabilized it for 10 years. That is a significant achievement for them. They should be proud of it. But they keep on finding ways to say no as opposed to finding ways to say yes.
OBAMA: And I don’t know how much of that just has to do with, you know, it is very hard for them to say yes to me.
But, you know, at some point, you know, they’ve got to take me out of it and think about their voters and think about what’s best for the country.
And -- and if they do that -- if they’re not worried about who’s winning and who’s losing; you know, did they score a point on the president; did they extract that last little concession; did they, you know, you know, force him to do something he really doesn’t want to do just for the heck of it; and they focus on actually what’s good for the country, I actually think we can get this done.
QUESTION: You mentioned the $700,000, $800,000 -- are you willing to move on income level? And are there specific things that you would do...
OBAMA: You know, I’m not going to get into specific negotiations here. My point is simply, Carol (ph), that if you look at Speaker Boehner’s proposal and you look at my proposal, they’re actually pretty close. They keep on saying that somehow we haven’t put forward real spending cuts. Actually, you know, there was I think a graph in the New York Times today that showed. They’re the same categories, right? There’s a little bit of tweaks here and there. There are a few differences, but, you know, we’re right there.
And on the revenue side, there’s a difference in terms of them wanting to preserve tax breaks for folks between $250,000 and $1 million that we just can’t afford. I mean, keep in mind, I’m in that income category. I’d love to, you know, not -- not pay as much in taxes, but I also think it’s the right thing to do for us to make sure that people who have less, people who are working, people who are striving, people who, you know, are hoping for their kids, that they have opportunity.
That’s what we campaigned about. It’s what we talked about. And this is not a situation where I’m, you know -- I’m willing to compromise. This is not a situation where I’m trying to, you know, rub their face in anything. And I think anybody who looks at this objectively would say that coming off my election, I have met them at least halfway in order to get something done for the country.
And so, I noticed that there were a couple of headlines out there saying, you know, “Oh, you know, we’re now in the land of political posturing.” And, you know, it’s the usual he said/he said atmosphere. But look at the facts. Look at where we started. Look at where they started. My proposal is right there in the middle. We should be able to get this done. Let’s get it done. We don’t have a lot of time.
Carrie (ph)? Where’s -- there you are.
QUESTION: Thank you, Mr. President.
OBAMA: Yeah.
QUESTION: What is your level of confidence that if you are able to reach a comprehensive deal with the speaker, that he will be able to bring his members on board to get it passed? Essentially, do you still trust Speaker Boehner in this process?
OBAMA: There is no doubt that, you know, the speaker has challenges in his caucus, and I recognize that. I’m often reminded when I speak to the Republican leadership that the majority of their caucus’s membership come from districts that I lost. And so, sometimes they may not see an incentive in cooperating with me in part because they’re more concerned about challenges from a tea party candidate or challenges from the right. And, you know, cooperating with me may make them vulnerable.
You know, I recognize that. But, goodness, if -- if this past week has done anything, it should just give us some perspective. If there’s one thing we should have after this week, it should be a sense of perspective about what’s important.
And, you know, I would like to think that members of that -- that caucus would say to themselves, “You know what? We disagree with the president on a whole bunch of things. We wish the other guy had won. We’re going to fight him on a whole range of issues over the next four years. We think his philosophy is all screwed up.”
But, right now what the country needs is for us to compromise, get a deficit reduction deal in place, make sure middle class taxes don’t go up, make sure that we’re laying the foundations for growth, give certainty to businesses large and small, not put ourselves through some sort of self-inflicted crisis every six months. Allow ourselves time to focus on things like preventing the tragedy in Newtown from happening again. Focus on issues like energy, and immigration reform and, you know, all the things that will really make a determination as to whether or not our country grows over -- over the next four years, 10 years, 40 years.
And -- and, if you just pull back from the immediate, you know, political battles, if you kind of peel off the partisan war paint, then we should be able to get something done.
And -- and, you know, I think -- I think the Speaker would like to get that done. I think an environment needs to be created within not just the House Republican caucus but also among Senate Republicans that say the campaign is over, and let’s see if we can do what’s right for the country. At least for the next month. And then, you know, we can reengage in all the other battles that they’ll want to fight.
QUESTION: If you don’t get it done, Republicans say they would try to use the debt limit as the next pressure point. Will you negotiate with them in that context?
OBAMA: No. And, I’ve been very clear about this.
This is the United States of America. The greatest country on Earth, the world’s economic superpower. And, the idea that we lurch from crisis to crisis, and every six months, or every nine months that we threaten not to pay our bills on stuff we’ve already bought, and default and ruin the full faith and credit of the United States of America, that’s not how you run a great country.
OBAMA: So I’ve put forward a very clear principle. I will not negotiate around the debt ceiling. You know, we’re not going to play the same game that we saw happen -- saw happen in 2011, which was hugely destructive. It hurt our economy. It provided more uncertainty to the business community than anything else that happened. And, you know, I’m not alone in this. You know, if you go to Wall Street, including talking to a whole bunch of folks who spent a lot of money trying to beat me, they would say it would be disastrous for us to use the debt ceiling as a cudgel to try to win political points on Capitol Hill.
So we’re not going to do that. And -- and -- which is why I think that, you know, part of what I hope over the next couple of days we see is a recognition that there is a way to go ahead and get what it is you’ve been fighting for, these guys have been fighting for spending cuts. They can get some very meaningful spending cuts. This would amount to $2 trillion, $2 trillion spending cuts over the last couple of years.
And in exchange, they’re getting a little over a trillion dollars in revenue. And that meets the pledge that I made during the campaign, which was two to -- two dollars and fifty cents of spending cuts for every revenue increase. And that’s an approach that I think most Americans think is appropriate. But I will not negotiate around the debt ceiling. We’re not going to do that again.
QUESTION: (inaudible)
OBAMA: Yes, I’ve got David Jackson (ph).
QUESTION: Thank you, Mr. President.
Getting back to the gun issue.
OBAMA: Yeah.
QUESTION: You alluded to the fact that Washington commission  doesn’t have the greatest reputation in the world.
OBAMA: Right.
QUESTION: What makes you think this was going to be the difference given the passage of time and the political power of gun rights movements like the National Rifle Association?
OBAMA: Well, this is not -- this is not going to be a commission. Joe is going to gather up some key Cabinet members who have an interest in this issue. We’re going to reach out to a bunch of stakeholders. We’re going to be reaching out to members of Congress who have an interest in this issue. It’s not as if we have to start from scratch. There are a whole bunch of proposals that have been thought about, debated, but, hopefully, also some new ideas in terms of how we deal with this issue.
But their task is gonna be to sift through every good idea that’s out there and even take a look at some bad ideas before disposing of them, and come up with a concrete set of recommendations in about a month.
And I would hope that our memories aren’t so short that what we saw in Newtown isn’t lingering with us, that we don’t remain passionate about it only a month later.
And as soon as we get that, those recommendations, I will be putting forward very specific proposals. I will be talking about them in my State of the Union, and we will be working with interested members of Congress to try to get something done.
And -- the idea that we should say, “This is terrible. This is a tragedy. Never again,” and we don’t have the sustained attention span to be able to get this done over the next several months doesn’t make sense.
I -- I have more confidence in the American people than that. I have more confidence in the parents, the mothers and fathers that I’ve been meeting over the last several days all across the country from all political persuasions, including a lot of gun owners who say, “You know what, this time we’ve got to do things differently.”
QUESTION: What about the NRA?
OBAMA: Well, the NRA is -- is an organization who has members who are mothers and fathers, and I would expect that they’ve been impacted by this, as well. And, hopefully, they’ll do some self- reflection.
And -- and here’s what we know, that any single gun law can’t solve all these problems. We’re gonna have to look at mental health issues. We’re gonna have to look at schools. There’re gonna be a whole range of things that Joe’s group looks at. We know that issues of gun safety will be an element of it, and, you know, what we’ve seen over the last 20 years, 15 years is the sense that anything related to guns is somehow an encroachment on the Second Amendment. What we’re looking for here is a thoughtful approach that says we can preserve our Second Amendment, we can make sure that responsible gun owners are able to carry out their activities, but that we’re gonna actually be serious about the safety side of this, that we’re gonna be serious about making sure that something like Newtown or Aurora doesn’t happen again.
And there is a big chunk of space between what, you know, the Second Amendment means and having no rules at all. And that space is what Joe’s gonna be working on to try to identify where we can find some common ground.
So I’ve got...
(UNKNOWN): (OFF-MIKE)
OBAMA: I’m gonna take one last question.
OBAMA: Go ahead. Jake (ph)?
QUESTION: It seems to a lot of political observers that you made the political calculation in 2008, in your first term, and in 2012 not to talk about gun violence. You had your position on renewing the ban on semi-automatic rifles that then-Senator Biden put into place. But you didn’t do much about it. This is not the first issue -- the first incident of horrific gun violence of your four years.
Where have you been?
OBAMA: Well, here’s where I’ve been, Jake.
I’ve been president of the United States dealing with the worst economic crisis since the Great Depression, an auto industry on the verge of collapse, two wars. I don’t think I’ve been on vacation. And -- So, you know, I think all of us have to do some reflection on how we prioritize what we do here in Washington.
And, as I said on Sunday, you know, this should be a wake-up call for all of us. To say that if we are not getting right the need to keep our children safe, then nothing else matters. And, it’s my commitment on to make sure we do everything we can to keep our children safe. A lot of things going -- are involved in that, Jake, so making sure they have decent health care and a good education, making sure that their parents have jobs. Those are all relevant as well.
Those aren’t just sort of side issues. But, there’s no doubt that this has to be a central issue. And, that’s exactly why I’m confident that Joe is going to take this so seriously over the next couple months.
All right? Thank you, everybody.






venerdì 14 dicembre 2012

"... They had their entire lives ahead of them..."

La scuola elementare vicino a casa, dov'e' andata Emily e dove sta ancora andando Vivian e dove andra' Violet in agosto 2014 ha circa 650 studenti. Come quella in Connecticut.
L'eta' dei bambini va' dai 5 ai 12 anni.  Come quella in Connecticut.
Spesso sono a scuola, conosco personalmente la preside, la counselor, l'infermiera, le segretarie e alcuni insegnanti e diversi studenti. Come le vittime della sparatoria di oggi.

Ogni mattina i bambini entrano in classe con la presunzione, LA PRESUNZIONE,  capite?, di rientrare a casa dopo 6 ore a scuola.

Per 20 di questi bambini, e per le loro famiglie, oggi e' stato l'ultimo giorno.

A causa di un ragazzo sui 20 anni, 20 bambini non sono tornati a casa oggi pomeriggio.
Io posso riabbracciare i miei e urlargli dietro quando non puliscono la camera, possiamo celebrare il Natale insieme, e posso continuare ad essere la loro mamma.

Un ragazzo sui 20, con accesso ad un fucile semi-automatico e due pistole (una simile a quella usata a Tucson per uccidere 6 persone e ferirne 13), ha deciso il futuro di questi bambini, e delle altre vittime adulte, e delle loro famiglie.

Si' va bene che non sono le armi ad uccidere, ma chi preme il grilletto. Ma se fosse un attimino meno facile comprare una di queste armi, se non fosse consentito in tutti gli stati di avere indosso armi a chiunque, se non esistessero Gun Shows, "Fiere delle armi", che come se fossero la Fiera del Mobile o quella dell'Artigianato, dove e' possibile acquistare armi DI TUTTI I TIPI (guardate bene questo video di uno dei più grossi gun shows degli US, che organizza fiere in 4 stati, incluso l'Arizona.... Una cosa DA BRIVIDI!! "A great family entertainment" Un gran divertimento per l'intera famiglia! Ma stiamo scherzando? No. Tutto vero, tutto tristemente vero.), incluse armi d'assalto, armi da guerra... Se non fosse facile "imbattersi" in armi potentissime tanto quanto imbattersi in un Starbucks, forse molte di queste tragedie non accadrebbero.

Come al solito si stanno gia' armando (pun intended!) i difensori del Second Amendment, i lobbisti della National Rifle Organization contro i "bleeding hearts liberals" che vorrebbero mica togliergli il diritto alle armi, ma soltanto limitarlo un po'.... Chissa' quante telefonate ed email saranno gia' intercorsi tra i CEO delle industrie di armi e i vari politici che si sono comprati...

E poi ho sentito una testa di rapa su CNN stamattina che diceva che bisogna "addestrare" gli insegnanti a reagire a situazioni del genere! Si' perche' gia' non fanno abbastanza, no?  Gia' perche' e' piu' facile reagire che invece andare a monte del problema...

Ma diobono.

QUI il video della dichiarazione di Obama oggi pomeriggio. Scommetto anche lui pensava alle sue bambine, perche' ha fatto fatica a non piangere.

Collegandomi col post precedente, forse preferirei avere Berlusconi al governo, che ricevere la notizia di un'altra sparatoria cosi'. Mah.





mercoledì 12 dicembre 2012

E noi americani ridiamo!!

Il 6 novembre noi americani l'abbiamo scampata bella. Oddio, il verbo "scampare" presume il farcela per un pelo, e una differenza di quasi 5 milioni di voti e 126 "electoral votes" proprio un pelo non e'... ma diciamo che per noi che amiamo il progresso, noialtri "illuminati" che non abbiamo paura delle 50 sfumature di colore della pelle di chi ancora cerca di scappare dalla miseria del paese di provenienza per tentare la sorte in questi lidi, ecco noi abbiamo tutti tirato un sospiro di sollievo, ci siamo dati qualche pacca sulle spalle, e siamo tornati alla nostra vita normale...
Mi ero finalmente un po' rilassata, quand'ecco che dalla mia patria natia arriva la notizia che per qualche momento ho pensato fosse un pesce d'aprile anticipato, un momento "gotcha!" per tirare sul il morale degli italiani che, da quanto leggo, e' bassino...

Dopo diversi giorni di pizzichi sulla chiappa, non essendomi risvegliata, si vede che e' proprio vero: Berlusconi, 76enne liftato ed arzillo, nonostante una condanna recente a 4 anni di carcere, torna nell'arena politica italiana (ma l'aveva mai lasciata? Vabbe' che io ho una percezione diversa del passare del tempo, scandito soprattutto dai cambiamenti dei figli, ma quanto e' durata la disinberluscazione per l'Italia? Un anno? Dieci mesi?); solo su questo fatto ci sarebbero da scrivere libri, e di sicuro in molti lo faranno. Io mi soffermero' a quello che percepiamo noi negli US di questa situazione.

Anzitutto... lo sapete quante risate ci siamo fatti qui grazie a Berlusconi?  Per la famosa legge "Mors tua, vita mea" che ci fa' guardare chi sta peggio per trovare sollievo ("Che schifo Bush... ma almeno non abbiamo Berlusconi!"), per anni qui i comici/satiristi politici hanno utilizzato la marea di materiale creato dalle "avventure del cavaliere", quelle che ovviamente arrivavano sui nostri lidi, per creare momenti di estrema ilarita', i miei preferiti sono ovviamente quelli di Jon Stewart nel suo Daily Show, e quelli di Stephen Colbert del Colbert Show.
Eccovi un piccolo saggio di alcuni degli spezzoni in cui Berlusconi viene preso per i fondelli, e con lui chi lo ha votato, appunto da Stewart:

17 Febbraio 2011 La Douche Vita  (gioco di parole, dove "douche" fa' riferimento "douche bag" cioe' la lavanda vaginale...)
17 Febbraio 2011  La Douche Vita - Italian stereotypes  (per continuare la serie su "come ci vedono gli americani"....)
9 Giugno 2009  Silvio Berlusconi Affair (La relazione extra-maritale di Berlusconi)

E da Colbert (da ricordare che "interpreta" la parte di un "giornalista di destra" che ama essere oltraggioso...):

15 Febbraio 2011 Italian Bunga-bunga parties & Egyptian democracy (L'avevo gia' postato sul blog, ma e' da rivedere)
17 Giugno 2009  Alpha Dog Of the Week: Silvio Berlusconi (anche questo gia' postato; dove Colbert chiama Berlusconi "Ball-usconi" per le "palle" che ha dimostrato, inteso come "faccia tosta"...)

Quando Berlusconi se ne e' andato, e' stata una perdita per i comici.
Infatti, in questo pezzo su CNN, vengono spiegate le motivazioni perche' ai comici sarebbe mancato Berlusconi... ma non per molto!!

Infatti, la prima cosa che ho pensato quando ho letto del ritorno del Sith, e' stata "Non vedo l'ora che ne parlino in TV!" E come un orologio svizzero, poche ore dopo che avevo sulla mia pagina FB linkato un paio dei video di cui sopra,  ieri sera e' arrivata l'ultimissima puntata di Jon Stewart su Berlusconi, intitolata, giustamente, "Bungover 4" (altro giochino di parole, utilizzando il film "Hungover"...).

E' un pezzo stupendo. Ha toccato tutti i punti sull'ineleggibilita' di tal personaggio che probabilmente nessuno nei media italiani avrebbe il coraggio di elencare.

Una delle parti piu' ilari e' verso il minuto 2:23, in cui Jon, dopo che una giornalista annuncia che SB vuole candidarsi per la quarta volta, Jon dice "He was convicted of tax fraud... 6 weeks ago..." He' stato condannato per frode fiscale... 6 settimane fa..."

Poi al minuto 3:19, quando dopo aver detto che Berlusconi torna "per un senso di responsabilita'", Jon dice "If you had a sense of responsibility, you would have stopped at the seventh girl... You had eight! When had Berlusconi ever showed a sense of responsibility? His family crest is a guy shitting in a swimming pool!!""Se tu avessi il senso di responsabilita', ti saresti fermato alla settima ragazza... Te ne sei fatte otto!  (Riferimento alla notizia data poco prima, che SB aveva avuto sesso con 8 donne ad un bb party... Da morire il commento di Stewart "Sex with eight women? That is the worst Bond villain ever!""Sesso con otto donne? Questo e' il peggior "cattivo" dei film di Bond" e compare l'immagine di un poster da film di James Bond, intitolato "OCTOPENIS"... ) Quando mai Berlusconi ha dimostrato senso di responsabilita'? Il suo stemma di famiglia e' uno che caga in piscina!"

Spero che riusciate a capire abbastanza in questi 5 minutini (se no chiedetemi, e magari trovero' il tempo di tradurlo) le motivazioni per cui noi americani ci stiamo ora pisciando sotto dal ridere alla faccia dell'Italia.

ITALY WHAT ARE YOU DOING? Chiede Jon Stewart.

Ve lo chiedo anche io.

Rendeteci la vita piu' difficile, qui in America, fateci soffrire... invece di darci sempre munizioni per ridere dei vostri rappresentanti... ne abbiamo a sufficienza qui da farci ridere e piangere per anni...

Non votate Berlusconi. Ha 76 anni, anche se tra tinta, botox e lifting ne dimostra 75.
Lo dico contro il mio interesse, visto che amo scompisciarmi dalle risate, poi ora che ho la cittadinanza americana posso ufficialmente dire che me ne sbatto, e posso ridere senza compiere alto tradimento, delle scelte italiane: preferirei continuare a ridere degli idioti politici americani che pensano che la vita cominci 2 settimane prima del concepimento (legge in Arizona, vi ricordate quando ne avevo parlato?) o quelli che hanno il coraggio di dire che essere gay e' una scelta.... Non voglio piu' ridere dell'Italia, quando cosi' tanti italiani stanno piangendo.

Per favore, se avete anche solo una briciola di auto-stima, se riuscite a trovare anche solo un micron di orgoglio patrio, votate qualcun altro, non importa chi. Perche' a nessuno piace essere preso per il culo dal resto del mondo, soprattutto a causa di un criminale pedofilo.

The Daily Show with Jon StewartMon - Thurs 11p / 10c
The Bungover 4
www.thedailyshow.com
Daily Show Full EpisodesPolitical Humor & Satire BlogThe Daily Show on Facebook

mercoledì 28 novembre 2012

Spirito natalizio: presente!!

Stamattina Emily era un po' in ritardo e non ce l'ha fatta a prendere lo schoolbus. Abbiamo, la Fagiolina ed io, dovuto accompagnarla in macchina a scuola, e siccome a quel punto eravamo quasi "in centro" (definizione molto generica, visto che come tante cittadine americane, Sierra Vista non ha un centro vero e proprio) e avevo una mini-lista spesa che includeva i popcorn da micro-onde che piacciono a Chris e che trovo solo a Walmart, da Walmart siamo andate.
Ovviamente, gia' che c'ero, prendo anche la carta da forno che era finita, i fazzolettini da tenere in bagno e degli acquerelli per bambini visto che Violet rompeva, vado alla cassa, e mentre la signora "scannerizza" la mercanzia cerco il portafoglio nella borsa.

Non c'e'. Shit.

Continuo a ravanare ma niente: il mio portafoglio e' assolutamente, categoricamente Missing In Action.

Dico a Maribel, la tipa alla cassa, se mi puo' tenere la roba nel carrello, che sarei scappata a casa per prendere i soldi.
A questo punto la ragazza (ricordo che per me tutte le donne sotto i 70 sono ragazze, ma in questo caso era sui 30) in fila dietro di me dice alla cassiera:

"That's ok, put them on my bill".

Pausa per realizzare che mi stava offrendo di pagarmi la spesa.

"Jesus, no thanks. I can go home and be back in a few to pay. I do have the money, I just forgot my wallet home"
... che magari pensava che fosse una scusa, quella di aver lasciato i soldi a casa, per dare uno snack alla piccola gratis (quando faccio la spesa con Violet a seguito, le prendo sempre qualcosa da mangiare che non abbiamo in casa di solito, nel caso di oggi un sacchettino di frutta "freeze-dried"[si dice "congelata e seccata" in italiano? Mah...])

"It's ok, it's Christmas. It happened to me before, and someone did it for me..."

Altra pausa, durante la quale considero sinceramente l'offerta... ma non posso accettare, avesse avuto una faccia da miliardaria magari, ma era una persona normale, una bambina nel carrello anche lei come me, come te.
La ringrazio profusamente, le spiego che offrire di regalare $35 ad una totale estranea in un momento imbarazzante e' un gesto bellissimo, ma non posso accettare. E ci abbracciamo.

Torno a casa (tra i pianti di Violet che voleva i "suoi" acquerelli), cerco il portafoglio che trovo giustamente (visto che ieri ero finalmente tornata in palestra dopo qualche settimana di pigrizia, e ogni muscolo stava ancora piangendo) nella borsa, creata e generosamente inviatami da Claudia, grazie ancora... che uso appunto per portarmi il cambio dopo la prova sadomasochistica cui mi sottopongo periodicamente... Evviva!

Torno da Maribel, cassa #5 del super-Walmart, e pago la mia spesuccia. Con lo spirito elevato da un gesto spontaneo di bonta'. Poi in macchina dalla radio la voce del Boss che canta "Santa Claus is coming to town" ha dato la spinta finale per confermarmi che si', il Natale sta arrivando davvero.

Parafrasando un po' un bel film che mi e' piaciuto tanto, forward or backward, just pay it.
E ora e' il mio turno, perche' la gentilezza e' davvero contagiosa!


E' capitato mai anche a voi di essere i recipienti di un atto di generosita'/gentilezza spontaneo?



lunedì 26 novembre 2012

Chit-chat

Certo che uscire in maniche corte e senza calze il 26 di novembre e' sempre piacevole, almeno per me che non amo il freddo. Quest'anno la neve sta tardando, solitamente durante il weekend del ringraziamento le montagne si imbiancano... forse perche' quest'anno il ringraziamento e' arrivato un po' prima del solito.

Quest'anno a Natale dovremo ancora una volta essere piu' frugali di quello che vorremmo, ma davvero la prossima primavera, con Chris che si "gradua" dalla high school, Emily dalla middle school e Vivian dalla elementary school, sarebbe bello riuscire a farci una vacanzina visto che quest'anno abbiamo fatto astinenza...  niente di troppo stravagante, solo qualche giorno a Disneyland e magari una sosta all'oceano. Poi Chris comincera' il college, e anche se i primi 2 anni penso stara' locale, al Cochise Community College, che costa una frazione delle universita' statali (lasciamo stare le Ivy League...),  per i prossimi 10 anni avremo 1 figlio (o 2 contemporaneamente)  all'universita' quindi soldi ne gireranno pochi e, collegandomi con uno dei miei post precedenti, saremo ben tirati e tornare in Italia sara' impossibile. (eEcco perche' mi sarebbe piaciuto farlo quest'anno... vabbe', mica e' obbligatorio che un bambino conosca i nonni, no? Infatti Violet pensa che la mia amica Marlis sia sua nonna!!)

Anyways, quest'anno Violet si sta proprio godendo tutte le varie celebrazioni e festivita', mesi fa era il suo compleanno, poi Halloween, poi il Ringraziamento, ma non piu' di tanto, e ora il Natale... oddio, questa pensa che tutti i giorni sia Natale! Stamattina ha salutato Vivian e Emily che tornavano a scuola dopo la pausa Thanksgiving, urlando "MERRY CHRISTMAAS!!".... e ancora non abbiamo tirato fuori l'albero!!
Ieri mi ha dettato la lettera per Santa. Da qualche parte conservo ancora le lettere degli altri, capolavori di tenerezza e comicita'...
Quella di Violet di quest'anno non e' un'eccezione:

Dear Santa,
I want a bicycle and then I want a microphone and I want a game. I like presents from you, 'cause I like to open them up. And then I want you to be my friend. And then I want you to come back tomorrow. (nel "dettato" ha detto "FOR HALLOWEEN", ma ho cancellato il riferimento "back to the future"...)
I love you, from Violet

Dear Santa, io vorrei che si facesse un'intera notte nel suo letto, invece di venirci a "trovare" tutte le sante notti! Spesso non la sento nemmeno. Mi sveglio al mattino e me la trovo in mezzo, calda come un fornetto e, per la famosa legge fisica che piu' sei piccolo, piu' spazio occupi (esiste, no?), io sono in bilico da una parte, J dall'altra, e in mezzo con tanto spazio che ci potrebbe dormire il "famoso" elefante che se ne e' andato dal salotto, ronfa beata la Fagiolina! E' un problema comune di tutti i genitori: quando cominciano a dormire bene di notte, decidono che hanno paura, hanno un incubo, o si sentono soli, e vengono ad assicurarsi che i due esseri da cui durante il giorno fanno di tutto per scappare, siano ancora vivi!

Sono in ritardo con l'articolo per la newsletter della Co-op. Stasera lo comincero', prometto!



sabato 24 novembre 2012

It is what it is.

Grazie dei commenti al post precendente. Rispondero' a tutti prima o poi, intanto vi ringrazio comunemente: ogni parola che avete detto, ogni suggerimento che avere dato, sono preziosi, utili e riconfermano molte idee che ho gia' esplorato, pensieri che avevo contemplato.

Avete tutti ragione per quello che riguarda i miei genitori, confermate in tanti quello che mi ripete J, e cioe' "You're still their daughter, but you're not their kid anymore", sono ancora la loro figlia, ma non sono piu' la loro bambina: capisco istintivamente che sia vero, ma razionalmente penso sia sbagliato.
Non importa, dovrei sbloccarmi, ma non riesco. Questa situazione mi ha offesa profondamente.

Questo non toglie niente dal fatto che riconosco tutto quello che di "giusto" e' stato fatto dai miei genitori, e che ovviamente voglio loro bene. Ma il loro comportamento mi ha ferita. Non si tratta di essere permalosi o "touchy":  come ha scritto Titti nei commenti, con la lontananza i rapporti si sfilacciano. Proprio per questo, perche' siamo lontani e le sfumature, o interi gruppi di informazioni, ci sfuggono, visto che non li vediamo ne' li viviamo, bisognerebbe esprimere i propri sentimenti con piu' ardore, con piu' forza che non in una relazione dove si vive vicini: per usare un termine un po' retro, bisognerebbe assicurarsi di "pump up the volume" quando vivi una relazione, qualsiasi essa sia, a distanza, se vuoi essere capito: il parlarsi in sordina, il non chiarirsi subito crea, appunto, quello che e' successo a me con la mia famiglia di provenienza.
Questa mia situazione e' la prova: chi pensa che a non fare onde, a mantenere il quieto vivere si vive meglio, in realta' crea piu' danno di chi e' vocale, e parla ad alta voce. Punto a caso, la sottoscritta.

La possibilita' che i miei figli vivano vicino a me quando saranno adulti e' bassina. Incrocio le dita che i miei problemi di oggi possano aiutarmi ad avere delle relazioni positive con tutti e 4 anche nel futuro, e che tra di loro continui ad esistere il mutuo rispetto che evidentemente e' mancato con le mie sorelle.

mercoledì 21 novembre 2012

The elephant in the room.

"The elephant in the room" e' una metafora che si riferisce ad un problema o situazione ovvi ma di cui nessuno vuole parlare, che tutti riconoscono ma che tutti fanno finta di non vedere, quando invece e' li' bello grosso e cospicuo, proprio come un elefante in salotto.                                                                      

Questo post non e' facile. Non e' mai facile raccontare i propri "shortcomings", mettere in mostra le proprie mancanze, parlare di situazioni irrisolte e' sempre un po' imbarazzante, come spogliarsi in pubblico, mettendo a nudo le proprie imperfezioni fisiche che altrimenti teniamo saggiamente coperte sotto strati di vestiario. Ma e' anche molto terapeutico.

L'elefante nel mio salotto puo' essere riassunto con questa frase: e' da circa 4 mesi che non parlo con i miei genitori.
Per scelta, la mia.
Niente skype, niente email, niente posta, niente segnali di fumo, niente telefono. A parte un paio di messaggi email/skype da parte di mio padre cui ho risposto, niente. Zip. Nada. Zilch.  Not. One. Word.

Ho anche finalmente completamente tagliato i contatti con mia sorella, quella che ha sposato il fratello di mio marito e vive alle Hawaii: amputare relazioni incancrenite e' una necessita' che spesso evitiamo per un senso idealizzato di "famiglia", per paura di essere stigmatizzati, etichettati come "pecore nere". In questo caso, almeno per me, e' stato liberatorio oltre che necessario.

Ma iniziamo dal principio: e' una storia un po' lunghetta vi avviso, se volete leggerla, mettetevi comodi, altrimenti cambiate pagina e tornate al prossimo post, che sara' piu' conciso. Munitevi di un caffettone all'americana o un bel tazzone di te', magari una scodella di popcorn se l'orario si addice, e appoggiate il didietro su una bella poltrona comoda...

Devo elencare alcune premesse importanti, per inquadrare lo scenario (alcuni di voi ne hanno già sentito parlare diverse volte... scusatemi!)

  • Mio suocero, che e' ovviamente suocero anche di mia sorella, avendo lavorato per American Airlines, ha disponibili ogni anno, parte del "pacchetto pensione", 12 biglietti andata e ritorno che puo' far usare a "chiunque" (purche' faccia parte di una lista approvata). Avendo 4 figli, ogni figlio in teoria puo' usare 3 biglietti roundtrip all'anno per andare dove vuole, o comunque dove arriva American.
  • Quando avevamo deciso di venire in vacanza in Italia nell'estate del 2007, avevamo chiesto a mio suocero se potevamo usare tali biglietti (avremmo cercato di fare scambio con uno dei fratelli/sorelle per i 2 extra che ci sarebbero serviti, visto che allora eravamo in 5), ma lui ci aveva detto che sarebbe stato meglio trovare delle tariffe superscontate in internet, visto che comunque il costo dei biglietti e' si' gratis per noi che li usiamo, ma e' per lui piuttosto alto. E cosi' abbiamo fatto, siamo tornati in Italia comprandoci il biglietto.
  • Nel 2010 mia sorella, con marito e figlio, ha usato invece i biglietti "gratis" per tornare in Italia. Forse perche' erano in 3 invece di 5, o forse, come sospetto, non avranno nemmeno chiesto a mio suocero se potevano usarli (conoscendoli...).
  • Tale permanenza in Italia, di 5 settimane, non e' stata piacevole per i miei e nemmeno per mia sorella, in quanto suo figlio (allora dodicenne),  per dirla con mia sorella, e' uno "spirito indipendente", in pratica faceva quel che voleva (dal semplice rutto a tavola fatto apposta e quasi in faccia a mia madre, alla costante intromissione a sproposito durante le "telefonate" skype, spesso vestito solo in mutande [ok, era estate e a Milano faceva un caldo boia, ma non avevo mai conosciuto un ragazzino di 12 anni senza filtri sociali cosi'], al toccare la chitarra adorata di mio padre, le sue casse nuove,  ad andarsene in giro per il quartiere da solo, con mia madre preoccupatissima visto che anche lui non parla italiano; mio padre e' notoriamente un "fastidioso", ma noi come figlie lo sappiamo da sempre, tant'e' vero che prima della nostra visita 3 anni prima, avevo spiegato bene ai miei 3 figli che eravamo ospiti dei nonni, e che, come tali, dovevano rispettare le loro regole, i loro orari, dovevano chiedere prima di toccare, mangiare, etc....  Penso siano richieste normali di genitori normali con figli normali. Insomma, alla fine delle 5 settimane, pare che mia madre abbia detto a mia sorella che se avesse voluto tornare, sarebbe stato meglio si non si portava il figlio. Una nonna italiana, per dire cosi', deve averne proprio le palle piene. 
  • Come conseguenza di questa vacanza da dimenticare, mia sorella ha interrotto le comunicazioni con i nostri genitori per due anni, e quando era al telefono con me e aveva cominciato a parlare male di loro, io li avevo difesi, e come conseguenza, dopo avermi chiuso la telefonata in faccia con il classico "Devo andare. CLICK.", ha interrotto le comunicazioni anche con me per quasi 2 anni.

E' risaputo che, per ovvie ragioni finanziarie, non potremo tornare in Italia in vacanza per un bel po' di tempo/anni (il costo medio di un biglietto a tariffa stracciata, con 2 o 3 soste, da Tucson o Phoenix a Milano e' di circa $1500 a testa, moltiplicato per 6 persone, solo di volo sarebbero $9000!), ed e' altrettanto risaputo che quest'estate avevo in progetto, un'idea vaga perche' aspettavo la cittadinanza e il passaporto, di tornare solo con Violet, proprio chiedendo a mio suocero i biglietti, su consiglio di mio marito. Ero un po' reticente perche' ultimamente le voci di famiglia che giravano erano che Poppi (nomignolo di mio suocero) non aveva piu' i soldi "di una volta" (come la gran tetta di una balia, da cui hanno succhiato tutti senza sosta, in diverse proporzioni, per anni...), ma avevo comunque accennato a questa possibilita' proprio ai miei. Era a parer mio la sola opzione viabile affinche' Violet potesse conoscerli.

Verso meta' aprile, "out of the blue", la sorella che non mi parlava ... ok, siccome non mi parlano entrambe, chiamiamola la sorella hawaiana, ricomincia a telefonarmi, frequentemente. Ma non per riallacciare la relazione, bensi' perche' aveva bisogno di parlare con una persona che non l'avrebbe giudicata. Dico cosi' perche' in queste telefonate era praticamente 0 la percentuale di interesse che mostrava verso quello che succedeva nella mia vita.
Ok, aveva bisogno di parlare, le sorelle esistono anche per questo, non mi lamento anzi, ammetto che l'esperienza mi ha aiutato a perfezionare la tecnica che chiamerò "mindful un-listening", dove ascolti il tono della voce senza badare alle parole, e periodicamente intercali suoni di approvazione/stupore/angoscia/felicita'... i vari "oh no!" e "oh wow!" che soddisfano l'interlocutore senza in effetti interferire con i propri pensieri.

Poi un giorno mi telefona e mi dice che deve tornare in Italia in estate, DEVE! Prima che diciate che magari aveva delle motivazioni importanti e irrimandabili per tornare in Italia, vi assicuro senza entrare nei dettagli che in una ipotetica classifica, la sua motivazione non valeva una cicca succhiata confronto alla mia, cioè di fare conoscere ai nonni che non possono/vogliono viaggiare piu' la nuova nipotina, e viceversa.

Vi assicuro che non pensavo lo avrebbe davvero fatto. Ma con l'eta' mi sto rincoglionendo, si vede.
Dopo diverse telefonate quasi ossessive dove non mi parla d'altro che di andare in Italia, comincio a sospettare che, cazzo, quella ci sarebbe andata davvero e, non dovendo aspettare il passaporto, mi avrebbe battuto sul tempo.
Che c'e di male, no?
Be', non avendo nemmeno lei soldi per il viaggio, ovviamente deve chiedere al suocero il biglietto, e vista la sua situazione finanziaria precaria.... Ecco, il mio errore e' stato quello di aver taciuto IN QUEL MOMENTO, di no aver espresso la mia opinione, e di non averle detto quello che pensavo. Invece sono stata zitta e ho continuato ad ascoltare. La ciliegina e' stata mia cognata Nancy, un'idiota per natura, che alla mia richiesta di verificare la "lista dei possibili passeggeri", si e' scatenata in una serie di sms in cui mi ha detto che suo padre non ha piu' soldi, e come oso chiedergli di usare i biglietti (non avevo ancora chiesto niente in realta') e mi chiama meschina...
Mentre quella mi chiama meschina, mia sorella, proprio nel giro di poche ore, chiama mio suocero con una "sob story" ("voleva andare a trovare i genitori" secondo Poppi... forse perche' la visita di 2 anni prima era stata cosi' fantastica!), e siccome mio suocero e' un buono, ed ha 87 anni quindi certi famigliari hanno ormai sviluppato il talento di manipolazione dell'anziano a perfezione, nel giro di pochi giorni, tipo meno di una settimana dallo scambio di messaggi isterici di mia cognata, mia sorella era a Milano. A farsi i cazzi suoi, lasciandomi con il fiele in bocca e senza possibilita' di tornare in Italia. Con Violet. Probabilmente per i prossimi 15 anni, almeno. L'importante e' che lei sia andata, pero'

Non c'e' stata una briciola di buona fede in questo suo maneggiare, lei sapeva benissimo che, facendo tutto di fretta, mi stava fregando, sapete perche'? Durante una di quelle telefonate in cui fungevo da orecchio, mi aveva detto che, quando sarebbe tornata da questo viaggio, lei e il marito ci avrebbero "dato i loro 3 biglietti, cosi' l'anno prossimo noi avremmo potuto andare tutti insieme in Italia". Siccome non solo erano anni che non chiedevamo scambio biglietti con nessuno, ma specificamente in questa situazione era un'eventualita' che non avrei nemmeno considerato (se mio suocero non aveva soldi per pagare i nostri 5 biglietti del 2007, come avrei potuto pensare che avesse i soldi per 6 persone nel 2013? Bisogna essere o cretini o completamente egoisti ed incoscienti anche solo a immaginare uno scenario del genere!)
Eccolo, lo "smoking gun", la prova che il suo comportamento non era innocente ne' inconsapevole dell'effetto che avrebbe avuto su di me, ma che invece ha agito solo ed esclusivamente nel suo interesse sapendo benissimo che me lo stava mettendo in quel posto: e cosi',  per cercare di lenire i suoi sensi di colpa, mi ha fatto un'offerta che non solo non avevo richiesto, ma che non avrei mai potuto accettare. Per pacificarmi.

Ho detto sopra che forse mi sto rincoglionendo, non che mi sono rincoglionita, e il senso dell'olfatto mi funziona ancora, e questa sua "trovata" puzzava!

E ovviamente, una volta a Milano, ecco le sue belle immagini apparire su fb, lei e mia mamma in un abbraccio,  lei, mia mamma, e l'altra sorella, quella che ci aveva minacciati morte, ricordate? ritratte felici e piene d'amore... e io qui, inchiappettata. E fumante. Se mi leggete da un po', sapete che se esiste una cosa che mi fa infuriare, e' l'ingiustizia. E per me, forse sbaglio, questa e' una situazione ingiusta.

Inutile dire che, per rimanere in tema di immaturita', ho inserito anche questa sorella nel mio elenco mentale delle personae non gratae, e non ho nessun interesse ad avere nessun contatto con lei: come con l'altra sorella, non mi interessa avere un rapporto con persone, famiglia o no, che vivono la vita fingendo di essere queste eroine d'altruismo, queste persone dal gran cuore, persone che offrono al mondo questa facciata stupenda di positivita' esemplare, di pace e amore... No, il re e' nudo, l'aureola ha smesso di risplendere. Non mi fregate piu'.  "Fool me once, shame on you. Fool me twice, shame on me." Mi freghi una volta, devi vergognarti. Mi freghi una seconda, sono io a dovermi vergognare.

Davvero, molto meglio soli che male accompagnati.
L'amarezza che mi rimane nel cuore e' che ancora una volta, anche se le azioni sono fatte contro di me, sono i miei figli a riceverne le conseguenze. E questo si', lo trovo ingiusto.

Ma, e i miei? Che c'entrano i miei con le azioni piuttosto vili di mia sorella?
Purtroppo, quando questo stava avvenendo, ho provato a parlare con i miei e a suggerire che forse avrebbero potuto intervenire, dire qualcosa a mia sorella che avrebbero voluto magari conoscere Violet... Probabilmente le loro parole sarebbero cadute nel vuoto dell'anima ossessionata di mia sorella, ma non sarebbero cadute nel vuoto della mia di anima. Io avrei apprezzato il loro sforzo e il loro "provarci". E invece...

Mica gli chiedevo di impedire ad una loro figlia di andare a trovarli, solo di metterne in questione la tempistica, e di chiedere se questo suo viaggio avrebbe potuto interferire con il mio, e quello di Violet.

E' vero che non c'entravano direttamente, e' vero anche che mia sorella e' un'adulta e la loro opinione non avrebbe cambiato il risultato finale ma per una volta mi sarebbe piaciuto che difendessero attivamente la mia posizione, i "miei diritti", la mia famiglia, invece di nicchiare ed insabbiare, come avevano gia' fatto nel 2009 con l'altra sorella, quando (mo' la rimeno, eh?), dopo la sua visita qui di 4 giorni, meno di 3 settimane dopo la nascita di Violet, se ne era tornata a casa lamentandosi (minimo) che non mi ero comportata come una sorella, etc. Questa sua forma molto personale di ringraziamento era arrivata poi alle mie orecchie, non perche' i miei me ne avessero parlato, chiedendomi spiegazioni, cercando magari di mediare, ma grazie all'animo sempre inculatore altruista della sorella hawaiana, che premettendo la spiata con il classico "non t'arrabbiare", mi aveva generosamente portato a conoscenza delle assurdita' proclamate dall'altra.

Ecco spiegato il perche' non ho voglia di parlare con i miei. Non ho niente da dire loro. La delusione mi ha tolto ogni interesse. Mio marito mi dice sempre "Honor your father and your mother, that's what you need to do", onorare mio padre e mia madre. Mi dice di chiamarli e chiedere come stanno, scambiare 2 chiacchiere. Ma sono veramente bloccata dall'amarezza. Quando penso a quanto e' successo quest'estate, e nell'estate 2009, mi si riempie il cuore di delusione.

La prima morale della storia e' che perbacco,  il livello di immaturita' di tutta la mia famiglia, io inclusa, e' stupefacente.

La seconda morale di questa storia e' che se avete un rapporto buono e reale, basato su fiducia e comprensione con i vostri fratelli e sorelle, ritenetevi fortunati.

La terza morale della storia e' se avete anche voi un elefante in salotto, riconoscetelo, parlatene, non fate finta di niente.
Mi sento molto meglio. L'elefante se ne e' andato...