martedì 28 febbraio 2012

American Bumper Stickers: la vita, Dio, le armi e "l'uomo nero"...

Sto preparando un post sulla scuola americana, centrato sulla strada che porta al college, ma sono spinta da una forza cui non so resistere a scrivere qualcosa in merito alla situazione  politica americana del momento, soprattutto perche' oggi sono in corso le elezioni primarie repubblicane in Arizona (e Michigan) e i 4 candidati repubblicani rimasti "in gara" sono cosi' ovviamente inadeguati a coprire quella che senza dubbio e' una delle cariche piu' importanti nel mondo, che la rielezione di Obama diventa ogni giorno che passa quasi scontata. (e incrocio le dita...). Ribadisco la mia previsione (e quella di numerosissimi commentatori politici): Mitt Romney ricevera' la nomina per "default", quando gli altri "3 moschettieri" cadranno pesantemente, schiacciati sotto il peso di una retorica cosi' antistorica e anacronistica da far venire i brividi. Di paura vera.

Una divertente (e stupefacente, per i contenuti) analisi comparata del perche' ne' Romney ne' Santorum sono ancora emersi come candidati capaci di "battere" Obama e' stata fatta ieri sera da Jon Stewart sul suo Daily Show (questo il link). Guardate e stupitevi, vi fara' sentire meno tristi sulla situazione politica italiana. La nostra potrebbe diventare orribile in pochi mesi...

Gli US sono un paese dove, nonostante l'avanzamento sociale, il razzismo esiste ancora, spesso e' latente, nascosto e negato vigorosamente in pubblico (per farvi un esempio, vi riporto il commento di una "parente" americana su facebook in merito alle proteste lanciate da alcuni afro-americani causate dallo "skit" di Bill Crystal agli Oscar: "Chi, io? Razzista? Assolutamente no... pero' questi neri che si lamentano sempre se uno li prende in giro, che hanno un mese intero dedicato a loro, hanno un loro canale tv... E noi cosa abbiamo??" Giuro non me lo sono inventato...), ma filtra comunque e lo si percepisce in situazioni sociali e mai l'ho testimoniato piu' chiaramente da quando Obama e' stato eletto. 
Ci sono milioni di persone che vivono in un mondo loro, Bill Maher lo chiama "the republican bubble", la bolla repubblicana, impermeabile ai fatti e alla realta', odiando un presidente che non esiste, che e' frutto della loro bigotta immaginazione, disprezzandolo per principio, incapaci di riconoscere i risultati realizzati durante la sua presidenza. 
Per capire la radice di questo disprezzo, guardatevi questo adesivo che ho "trovato" sul paraurti di una macchina al supermercato locale:

"Pro-vita (anti-aborto), pro-Dio, pro-armi, anti-Obama"

Mi e' quasi venuta voglia di applaudire perche' e' difficile concentrare tante cagate in un rettangolino, ma ci sono riusciti: trovo che un messaggio cosi' aggressivo, contraddittorio e ipocrita sia proprio il poster di quello che sta succedendo politicamente negli US dal 2009 ad oggi.  
Il bigottismo e il razzismo "latente" di cui accennavo prima, sono il "motore" che spinge i detrattori di Obama ad odiarlo, e non uso la parola "odio" con leggerezza:  ho ascoltato con le mie orecchie conversazioni in cui veniva paragonato all'anticristo, al diavolo, a Hitler, e questo prima ancora che venisse eletto. 
Come dimenticarsi i cartelloni della gente nelle piazze americane, in cui Obama, gia' eletto presidente, veniva paragonato ad una scimmia, uno schiavo, Hitler, "The Joker".... Se Obama fosse stato un presidente dal colore meno "offensivo" per i bigotti americani, quelli che lo ammettono senza vergogna e quelli che lo sono di nascosto, sono sicura che non avrebbe ricevuto la meta' delle offese che ha ricevuto nel corso di questi 3 anni e mezzo di presidenza. 
Obama e' l'unico presidente che sia mai stato diprezzato "in his face", in faccia, ad esempio durante lo State of the Union,  il discorso annuale mi sembra del 2010, quando un rappresentante al congresso  ha urlato "You lie!" mentre Obama faceva il discorso, e piu' recentemente la Governatrice dell'Arizona, tal Jan Brewer, e' stata fotografata mentre scuoteva con rabbia l'indice sotto il naso di Obama quando e' dovuta andare a riceverlo all'aeroporto di Phoenix... Certamente, Bush ha ricevuto la sua meritatissima dose di critiche, molte anche velenose e piene di rabbia e frustrazione, ma quando erano nella sua presenza, anche i suoi critici ed opponenti piu' forti sapevano, perche' e' parte proprio dello spirito patriottico con cui crescono gli americani, di essere davanti al Presidente e non avrebbero mai osato togliergli il rispetto che questa carica comporta.

Il fatto che ancora oggi ci siano persone che dubitino che Obama sia nato in America, che pensano sia mussulmano, o comunista, o uno "snob" perche' incoraggia i giovani a prendere una laurea o a frequentare scuole di specializzazione o imparare un mestiere attraverso l'apprendistato, be' la dice lunga sulla testardaggine illogica dei repubblicani.  

Quando Barack Obama e' stato eletto quasi 4 anni fa, se da una parte l'America piu' progressista e illuminata ha esultato, si e' commossa e ha salutato l'elezione del primo presidente "bi-racial" non solo americano ma anche di una democrazia occidentale (non ho statistiche sicure, ma penso che sia vero) come la conferma che "the times have changed", i tempi stavano davvero cambiando, "l'altra" America, quella che frequenta la chiesa ogni domenica e usa la Bibbia come libro di scienze, storia,  geografia ed educazione civica, l'America che  si considera "pro-life", cioe' a favore della vita, se si trova in utero (o come ho sentito dire da un comico "life begins at the erection", la vita comincia all'erezione...), e che contemporaneamente e' a favore della pena di morte e delle armi, ecco, questa "altra America" ha avuto una gran paura e immediatamente ha iniziato la campagna per non farlo rieleggere; prima ancora che gli fosse data l'opportunita' di fare il presidente, di firmare la prima legge o proporne un'altra, questa "altra" America aveva deciso di non considerare con obiettivita'  nessun atto che Obama avrebbe fatto, ma di andargli sempre comunque contro. Dalla "riforma" sanitaria, diventata legge dopo mesi di battaglie in congresso alla fine delle quali della proposta iniziale,  universale ed inclusiva, e' rimasto ben poco, al "bail-out" di Wall Street e quello di General Motors, ad ogni passo Barack Obama si e' trovato di fronte un muro di somari che, come somari hanno continuato a rifiutarsi di accettare che un uomo che non fosse bianco fosse diventato presidente e, non potendo usare fisicamente i metodi collaudati dalla maggioranza anglo-bianca per 3 secoli , ad esempio linciaggio, impiccagione, rogo di croci fuori dalla casa, lo hanno fatto prendendo in ostaggio il processo democratico, continuando a fomentare paure e sospetti degni di quelli che crearono il maccarthismo e la caccia alle streghe comuniste di 60 anni fa, e a spingere l'ascesa straordinaria di un movimento monocromatico e monotematico (fare di Obama "a one-term president", presidente per un solo termine) come il "tea-party".
Sicuramente vedere Obama nella Casa Bianca, sua moglie e le sue bambine scorazzare nei giardini della Casa che gli schiavi africani avevano costruito 200 anni fa, ha confermato che l'America di oggi non e' piu' quella di 50 anni fa. E non esiste rivoluzione senza reazione, e ogni cambiamento incontra sempre resistenza. Ma l'ignoranza cieca faccio sempre fatica a capirla.










8 commenti:

  1. Intanto penso che la politica internazionale si stia imbarbarendo.
    Sia da destra che da sinistra si assiste a scontri personali, su dogmi piuttosto che su programmi e sulla base del bene comune.

    Poi bisogna che ripeta il mio mantra degli ultimi mesi: non si può battere posizioni illogiche con la logica ed il buon senso.
    La gente che mette questi bumper sticker è completamente abbacinata dalla propaganda, dagli slogan. Non si è mai soffermata a pensare a cosa effettivamente vogliono dire gli slogan che ripetono ossessivamente.
    Come da noi si incontrano persone convinte che in Italia la sinistra abbia governato negli ultimi 40 anni e che Scalfaro fosse di sinistra (anche Monti!!!).

    ---Alex

    RispondiElimina
  2. alex ha decisamente centrato il punto.
    E Moky, grazie per questo lucido post sulle questioni politiche americane. Io per fortuna ascolto una radio di informazione che dà parecchio spazio alle primarie americane, così riesco a tenermi informata anche se i giornali ne parlano molto poco. Ma purtroppo quello che accade lì negli USA influenza davvero il nostro paese, perchè volenti o nolenti i nostri politici inetti lo citano sempre come modello (tralascio tutti i legami economici, ovviamente).

    Anche qui c'è stata, ai tempi dell'elezione di Obama, una discreta campagna anti-Obama. Molti hanno scritto falsità e per strada sentivo che parlavano proprio di Obama come di un terrorista musulmano (pensa te).
    Orribile ignoranza.

    RispondiElimina
  3. @Alex: esatto, la politica dei dogmi, non del benessere della "polis"... anzi, da quando la corte suprema ha approvato la legge "Citizen united", e' diventata la politica del denaro, non che non lo fosse anche prima, ma da un annetto a questa parte ha avuto la benedizione dell'entita' legale piu' alta degli Stati Uniti.

    So benissimo cio' di cui parli, l'irrazionalita' la si trova da entrambe le rive del fiume... io ormai, a parte sul blog dove mi sfogo piu' o meno liberamente, non dico piu' di tanto a nessuno, a meno che non mi venga richiesta direttamente un'opinione.

    Ma come??... Andreotti non era di sinistra? Pensavo che in Italia l'elettorato non fosse cosi' fanatico come quello americano...

    RispondiElimina
  4. @ Zion: grazie... tutti i giorni avrei cosi' tanto da scrivere su quello che sento (e vedo)... poi non ho tempo... la situazione politica e sociale in alcune parti degli US e' in questo momento da far rabbrividire... in Virginia sta per passare una legge che obbligherebbe tutte le donne che vogliono fare un aborto, ad avere un'ecografia (transvaginale)... che pero' devono pure pagarsi loro!! Una roba da medioevo!! Il sud degli Stati Uniti pullula di bible-stompers che farebbero invidia all'inquisizione...

    RispondiElimina
  5. Stasera saltello di blog in blog, e scopro tesori.
    Mai viste tante cagate in un rettangolino, hai proprio ragione...ma sono davvero così tanti come sembra da qui oltreoceano a condividerlo?
    Mi sembra impossibile...
    A presto!

    RispondiElimina
  6. @Why: ciao e benvenuta! Anche a me piace saltellare di blog in blog, quando riesco (mai abbastanza!!)
    A mio parere l'influenza piu' nefasta e' quella dei fanatici religiosi -cristiani in questo caso. Non ho assolutamente niente contro la religione, qualsiasi religione, quando ti guida e ti aiuta ad essere una persona migliore, ad accettare gli altri... quando pero' diventa non solo un paraocchi, ma soprattutto la scusa per la propria chiusura mentale, allora ho gia' capito che la possibilita' di comunicare non esiste. E qui negli US purtroppo gli invasati religiosi sono tanti. :) Vieni ancora a trovarmi!

    RispondiElimina
  7. @ Fabio: almeno tu lo nomini con ragione... :)

    RispondiElimina

Ogni commento e' benvenuto, quando contribuisce alla conversazione!