mercoledì 11 luglio 2012

In coro con me, please?

Amo James Taylor, non e' una novità, infatti ne ho parlato sul blog diverse volte, e le sue canzoni sono parte importante della colonna sonora delle mie giornate; quando non capivo bene le parole, anche solo la musica era sufficiente ad incendiarmi l'anima, ma ora che riesco a capirne i testi, la sua musica e' diventata un'esperienza totale, "a full body experience" che coinvolge cuore e cervello: quando JT  inizia a cantare, devo cantare anche io, battere il piede, schioccare le dita, muovermi in sincrono (insomma...) con le onde sonore...

La tecnica con cui suona la chitarra e' riconoscibilissima, basta mezzo accordo per capire che la musica che sta per sbocciare e' sua, o un suo arrangiamento di pezzi scritti da altri artisti, come ad esempio "You've got a friend" e "Up on the roof" entrambe scritte da Carole King ma diventate suo cavallo di battaglia e da lui elevate all'olimpo dei grandi successi di tutti i tempi.
Tutte le canzoni di JT sono poesie capaci di toccarmi sempre, e non con la leggerezza di una carezza, ma con la forza dei monsoni (e qui in Arizona ne sappiamo qualcosa!!), perché i testi sono sempre ispirati alle battaglie con i suoi demoni personali, la depressione adolescenziale che lo spinse ad auto-ricoverarsi in un ospedale psichiatrico, la dipendenza dall'eroina, le storie d'amore finite... ogni poesia e' una confessione, lui racconta del suo sentirsi sempre "mai arrivato", sempre in viaggio, sempre alla ricerca di un posto dove fermarsi, anche se sembrerebbe che finalmente nel 2001 abbia trovato il luogo dove mettere radici, grazie alla terza moglie con cui ha avuto due gemelli (grazie ad una surrogate, considerata l'eta' di Kim). Questa lotta tra il voler rimanere e il "dover" partire e' raccontata benissimo in questa canzone per me bellissima, che ho nella testa da 2 giorni, quando dice "I knew I should stay, I knew I would go" sapevo che sarei dovuto rimanere, sapevo che sarei partito....


Spesso anche io mi sento così, e non potendo andare, mi accontento si farmi trasportare via da canzoni come "My Traveling Star" (con una "elle" non due come nel titolo del video qui sotto!!)
Se vi interessa approfondire "la storia" di JT, questa e' un'intervista molto bella fatta un paio d'anni fa.

Certo, James Taylor e' un'icona musicale che copre 4 decenni e come tale si potrebbe pensare che la sua musica non sia più attuale, ma anche e soprattuto di fronte ai vari Ce-Lo e Lady Gaga, il ruolo di James Taylor come menestrello della vita e' ancora oggi valido e contemporaneo, per chi come me ha bisogno ogni tanto di non sentirsi solo e di sognare.

Allora cantiamo tutti insieme, non importa se siamo stonati, non importa se siamo lontani...
(segue testo originale e la mia traduzione tentativa)....



(al minuto 1:14 si vede Kim, la moglie, anche lei che canta nel coro che e' parte della Boston Symphony Orchestra)


MY TRAVELING STAR 


Watch my back and light my way                            
 My traveling star, my traveling star
 Watch over all of those born St. Christopher's day
 Old road dog, young runaway
 They hunger for home but they cannot stay
 They wait by the door
 They stand and they stare
 They're already out of there
 They're already out of there

 My daddy used to ride the rails
 So they say, so they say
 Soft as smoke and as tough as nails
 Boxcar jones, old walking man
 Coming back home was like going to jail
 The sheets and the blankets and babies and all
 No he never did come back home
 Never that I recall

 Never mind the wind
 Never mind the rain
 Never mind the road leading home again
 Never asking why
 Never knowing when
 Every now and then
 There he goes again

 She had a cat and a dog named Blue
 My traveling star, my traveling star
 A big old stove and a fireplace, too
 Old road dog, young runaway
 She told me she loved me like it was true
 I knew I should stay, I knew I would go
 Run run run away
 Run run run away, boy
 Run before the wind
 Run before the rain
 Over yonder hill
 Just around the bend
 Never asking why
 Never knowing when
 Every now and then
 There you go again

 Tie me up and hold me down
 Oh, my traveling star
 Bury my feet down in the ground
 Oh, old road dog
 Claim my name from the lost and found
 And let me believe this is where I belong
 Shame on me for sure
 Sing me one more highway song
 My traveling star
 My traveling star

Proteggimi e illumina la mia strada
Mia stella viaggiatrice, mia stella viaggiatrice
Proteggi tutti quelli nati nel giorno di S. Cristoforo       (protettore dei viaggiatori)
Vecchio compagno di viaggio, giovane fuggitivo
Hanno fame della loro casa ma non possono rimanere
Aspettano vicino alla porta
Stanno li' e ti fissano
Se ne sono già andati
Se ne sono già andati

Mio papa' aveva l'abitudine di viaggiare sui treni
Così  dicono, così dicono
Soffice come del fumo, duro come dei chiodi
Un chiunque da vagone merci, vecchio camminatore
Tornare a casa era come andare in prigione
Le lenzuola, le coperte, i bambini e tutto il resto
no, non e' mai ritornato a casa
Non che mi ricordi

Senza curarsi del vento
Senza curarsi della pioggia
Senza curarsi della strada che lo avrebbe portato ancora a casa
Senza mai chiedere perché
Senza mai sapere quando
Ogni tanto 
ecco che se ne va ancora

Lei aveva un gatto e un cane chiamato Blue
Mia stella viaggiatrice, mia stella viaggiatrice
Una grande e vecchia cucina ed anche un caminetto
Vecchio compagno di viaggio, giovane fuggitivo
Mi disse che mi amava come se fosse vero
Sapevo che sarei dovuto rimanere, sapevo che sarei partito

Corri, corri, corri via
Corri, corri, corri via, ragazzo
Corri davanti al vento
Corri davanti alla pioggia
Oltre la collina laggiu'
Subito dopo la curva
Senza mai chiedere perché
Senza mai sapere quando
Ogni tanto 
ecco che te ne vai ancora

Legami e tienimi fermo giù 
Oh, mia stella viaggiatrice
Seppellisci i miei piedi giù nella terra
Oh, vecchio compagno di viaggio
Reclama il mio nome tra le cose smarrite
E fammi credere che e' qui che appartengo
Mi vergogno di sicuro
Cantami un'altra canzone da strada
Mia stella viaggiatrice
Mia stella viaggiatrice










9 commenti:

  1. Anche a me piace JT, anche se non conosco molte canzoni... (nel frattempo, cercando qualcosa su youtube, mi è venuta fuori Rhymes and reasons di J. Denver e mi sono fatta un po' di pianti ascoltandola... ma questa è un'altra storia!).
    Mi hai fatto venire in mente l'ultima scena di The bridges of Madison County... cito a memoria (per darti l'idea di quante volte ho visto questo flm): "I was wrong Robert I was wrong to stay but I can't go, let me tell you again why I can't go, tell me again why I should go"... sempre tra il desiderio di andare e la necessità di restare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. JT ha scritto tantissime canzoni che sono diventate popolari, ed anche parte della cultura mediatica italiana... ad esempio chissà' se ti ricordi la pubblicità' dell'Amaro Averna di secoli fa, "La tua cosa, poi, il tuo mondo...." la musica era "Wandering" di JT..
      Amo tanto anche John Denver... Siamo two peas in a pod, che dici?

      Ah, il finale di Bridges... sempre lacrime agli occhi...

      Elimina
    2. La tua CASA, non cosa... :)

      Elimina
  2. Indubbiamente è un grandissimo cantautore ma non ti mette malinconia? Le parole sono bellissime, una vera poesia. Io le accompagnerei con la chitarra di Gianfranco Angelin, lo conosci? A proposito lo vorrei chiamare per salutarlo con Aurelia (e Cesare...ah ah )
    Preferisco quel genere di musica!! Baci!!!!
    PS spero di non averti offeso un mito!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alcune canzoni sono malinconiche, altre no, ad esempio "Steamroller" (un blues di quelli coi fiocconi!) oppure "How sweet it is", or "I gotta stop thinking about you"...
      Non me lo hai offeso, figurati: giammai! Lo adoro troppo! E' stato ed e' una parte troppo importante della mia vita...

      Chiama, chiama... io aspetto un altro paio d'anni: ho visto che ignorare i genitori cementa la relazione....

      Elimina
  3. Anche io adoro JT anche se non capisco i testi mi basta ascoltare la melodia....ricordo che quando ero ragazza facevo faticate incredibili per cercare di tradurli, adesso con internet è tutto più semplice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Suysan, e' vero, ora con internet e' facile cantare in coro!!

      Elimina
  4. bellissima canzone...c'è sempre da imparare e "illuminarsi" su questo blog! sei troppo forte, e infatti "sei stata nominata" nel mio ultimo post! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C&C, grazie!! E grazie anche della citazione nel tuo blog!! :)

      Elimina

Ogni commento e' benvenuto, quando contribuisce alla conversazione!