domenica 15 luglio 2012

La Zona Crepuscolare

Ti svegli un mattino e tutto sembra normale, ma quando cerchi di comunicare con persone con cui eri convinta di essere riuscita ad avere una forma di dialogo fino al giorno prima, ti accorgi che non parlano più la tua lingua, e mentre tu continui a parlare come prima, emettendo gli stessi suoni dagli stessi significati di prima, loro rispondono con frasi che, per te, non hanno alcun senso.

Dici "Ma avete visto che cosa orribile e' successa?" e la loro risposta e' "Barbabietole ed elefanti amano scodinzolare il tango!"

What the hell?

"Ma non capite, perche' fate finta di niente? Non vedete la verita'?"
"Ah, noi qui ci commuoviamo."

Ambe'.

Non capisci cosa sia cambiato, anzi forse pensi che per queste persone non e' cambiato niente ed invece sei tu che hai perso la capacita' di comprendere, ti senti novello Gregor Samsa e speri sia solo un brutto sogno.

Sembra la premessa di un episodio di "The Twilight Zone" ma e' la realta', la mia per essere precisi, delle ultime settimane.
Mah. Sono passata anche io nella zona crepuscolare (segue musica lugubre e piena di suspense).
Vi terro' aggiornati...


16 commenti:

  1. David adora The Twilight Zone! Forse non hai "perso la capacita' di comprendere"...hai guadagnato sanita' mentale! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basilico, si' dai... diciamo che ho una caterva di difetti, ma sono una molto pragmatica. Non capisco come si faccia ad accettare certe situazioni come se fossero normali, quando normali non sono. Te l'avevo scritto, come ha detto mio marito, che nonostante il fatto che sia un major pain in my ass e' sempre molto razionale: si tratta della famiglia da cui non vedevo l'ora di andarmene, quindi la sensazione di vivere in una realtà' parallela mi riporta indietro di 30 anni... mi fa sentire giovane, a guardare il lato positivo...

      Elimina
  2. Barbabietole ed elefanti amano scodinzolare il tango! --- mi ha fatto troppo ridere ... peccato che in questa situazione da ridere ci sia poco ... coraggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CeciliaChristine: in questi casi, la lontananza mette tutto in prospettiva, ma anche rende tutto meno... reale. Ecco perché la sensazione di essere nella twilight zone...

      Elimina
  3. io in una situazione del genere mi siederei ad aspettare O_o non saprei cosa fare!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zion, hai proprio ragione!! Infatti aspetto. Poi comunque non sempre ma spesso, i nodi vengono al pettine. Il che potrebbe essere un "rischio" anche per me volendo guardare...

      Pensa che mio suocero lo diceva spesso :When you don't know what to do, sit on your hands and wait", e lui par lave per esperienza, essence state un flight engineer per anni, quango qualcosa andava male su un aereo, invece di iniziare a schiacciare decine di tasti in preda al panico, lui si sedeva sulle mani, forse anche letteralmente, e aspettava che la situazione si sviluppasse....
      Non sapendo cosa fare anche io, mi lagno sul blog e aspetto...

      Elimina
  4. oggi come oggi se passi oltre nella twilight zone c'è rischio che incontri vampiri e ragazze carine ma scucchione.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fabio, ma va': la twilight zone per persone di mezz'eta' come me e' 'na pena... niente vampiri con 6-packs e ninfette virginali...

      Elimina
  5. Forse mi sono persa qualche tassello perché non capisco la similitudine.
    Ahhh, sto diventando di coccio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Titti, no figurati, non sei di coccio: qui in America si dice di essere nella twilight zone quando si vive una situazione i cui elementi e protagonisti sono così assurdi che ci si chiede se e' vero o solo un incubo, o una versione alternativa della realtà. Quando ti chiedi :ma come e' possibile che stia succedendo questo? Ecco, potresti essere nella twilight zone...

      Nella mia situazione, di cui conosci diversi dettagli, ecco, mi sembra di essere l'unica a vedere le cose come sono e volerne parlare. Per tutti gli altri protagonisti della situazione, e' tutto normale. Tutto bello. Tutto giusto. Allora mi chiedo, ma sono io o sono loro? Twilight zone?

      Elimina
  6. Non ci fare stare in pensiero....

    ---Alex

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alex, no, non stare in pensiero... mi conosci un po' e sai che
      - non ho tempo per menarmela troppo
      - trovo sempre una soluzione alle mie "menate"

      Per il momento, come ho scritto a Zion, osservo e aspetto. Potrebbe diventare piu interessante di un libro...

      Elimina
  7. Risposte
    1. MArica, tutto bene. Solo un po' il dispiacere di rendersi conto che, saranno anche passati 20 anni, ma certe dinamiche famigliari non sono cambiate. Quando metti insieme gli stessi ingredienti nello stesso modo, i risultati sono purtroppo, ancora gli stessi di una vita fa.
      Sto benissimo altrimenti!!

      Sempre di corsa!!

      Elimina
  8. spero migliori la situazione :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mel! La situazione e' come era prima, per il momento. Voglio evitare contatti diretti e quindi aspetto sviluppi futuri che so avverranno. Intanto una delle persone più infelici che calpestano la terra, mia sorella, mi ha mandato una email dicendomi che sono una persona piena di odio e che in pratica mi compatisce. E' sempre bello essere attorniati da famigliari che ti capiscono, ecco perché avere un oceano e 2000 miglia di continente che ci separano nel mio caso e' una benedizione. :)

      Elimina

Ogni commento e' benvenuto, quando contribuisce alla conversazione!