lunedì 18 agosto 2014

Vegan Hot Dogs: due ricette sane E buone!

Devo scrivere il nuovo articolo per l'edizione autunnale della Newsletter della Co-op, e mi sono resa conto che l'articolo che avevo scritto per l'edizione estiva conteneva 2 ricette che potrebbero interessarvi. Quindi in ritardo quanto l'estate italiana, ve le passo adesso, nella speranza sempre che proviate anche voi a mangiare almeno una volta alla settimana con compassione!

Qui trovate l'articolo con le ricette in inglese, a pag. 4

Prima ricetta:

HEALTHY VEGAN HOT DOGS

INGREDIENTI
1/2 Cup (125g) fagioli cotti o in scatola (scolati e risciacquati). Io uso i Pinto, ma penso che i borlotti vadano bene.
1/2 tsp (2,5g) aglio in polvere
1/2 tsp cipolla in polvere
1 tsp (5g) coriandolo in polvere
1/4 tsp (125g) maggiorana in polvere
1/4 tsp (125g) macis  Se non lo trovate, va bene anche la noce moscata.
1/2 tsp (2,5g) farina di senape
1 tsp ( 5g) paprika spagnola (affumicata)
pepe q.b.
1 Cup (250g) farina d'avena (avena in fiocchi passata nel robot da cucina oppure farina integrale)
1/4 Cup (63g) glutine
1/4 Cup  (63g) lievito in scaglie
2 Tbs (30g) salsa di soia
1/2 Cup (125g) acqua
pellicola d'alluminio e carta da forno


PROCEDURA
Passare i fagioli nel robot da cucina finche' non diventano praticamente un impasto che metterete in una ciotola. Mescolare tutte le spezie insieme, e aggiungerle ai fagioli. Aggiungere tutti gli altri ingredienti e mescolare bene. Io uso le mani per impastare il tutto bene.
Preparare 6 (dipende da quanto saranno grandi i vostri hot dog) rettangoli di foglio d'alluminio e di carta da forno, di circa 20cmx15cm.
Prendete un pezzo dell'impasto, per un hot dog normale circa 1/4 Cup/65g, e rotolatelo su un tavolo e tra le mani e create un salsicciotto tipo würstel di circa 13 o 14 cm di lunghezza. Arrotolate l'alluminio attorno all'hot dog (se siete come me e il contatto del cibo con l'alluminio non vi piace, potete prima avvolgerlo in un rettangolo di carta da forno, poi nell'alluminio), e chiudetene le estremità come se fosse l'incarto di una caramella. Continuate a creare altri hot dogs con il resto dell'impasto, poi metteteli belli incartocciati in una pentola con cestello a vapore, incoperchiatela, fate bollire l'acqua e fateli cuocere a vapore per circa 40 minuti.
Metteteli poi a "riposare" nel frigorifero per 4 ore, o durante la notte.
Ora saranno pronti per essere grigliati, se volete,  per qualche minuto, oppure riscaldati in padella. Mettere l'hot dog nell' hot dog bun, il panino lungo apposta (noi li troviamo integrali), "condire" con senape, ketchup e crauti o pickle relish, che in pratica e' un condimento creato tagliando a pezzettini minuscoli i cetriolini sottaceto, e mangiare.


L'impasto di fagioli, spezie, farina e glutine

Eccolo pronto per essere avvolto nella carta da forno...

… tutti gli hot dog sono pronti per la cottura a vapore.
Eccolo pronto ad essere "scartato"!
Con l'hot dog bun
Il prodotto finale, coperto con i miei topping preferiti!


Seconda ricetta:

BUNNY-DOGS (gli hot dog del coniglietto)

Due parole di introduzione a questa: la prima volte che ho mangiato un bunny dog e' stato durante un evento vegan a Tucson, uno dei ristoranti vegani era presente con un hot dog cart, un carrettino come quelli che si vedono a New York City, per darvi un'idea, e non ci credevo che non fosse il solito hot dog vegano che si trova nei negozi qui, tipo Tofurky o LightLife, fatto solitamente con proteine vegetali idrolizzate ed olio, ma una carota. Ho scoperto poi che e' un'idea stra-usata nel mondo vegan/salutista, e vi posso assicurare che oltre ad essere originale, e' davvero buona! 

INGREDIENTI

4 carote tagliate della stessa lunghezza dei buns
1/4 Cup (63g) aceto di riso o aceto di sidro di mele
1/4 Cup (60ml) acqua
2 Tbs salsa di soia (o tamari, che e' senza glutine)
1/4 tsp aglio in polvere o 1/2 spicchio d'aglio schiacciato
una spruzzatina o due  di estratto di fumo (liquid smoke, lo potete trovare penso in negozi specializzati in aromi/spezie strane)
pepe a piacere


PROCEDURA
Riempite (quasi) una pentola d'acqua e portatela ad ebollizione. Aggiungete le carote ed abbassate la fiamma a medio. Quando le carote sono cotte abbastanza che si possono bucare facilmente con una forchetta, in pratica al dente, toglietele dall'acqua di bollitura e passatele sotto acqua fredda per fermarne la cottura.
Unite tutti gli altri ingredienti in un contenitore ermetico e mettevi a marinare le carote per almeno 3 ore. Scuotetelo ogni tanto, per muovere la marginatura bene in giro. Sappiate che più a lungo marinate le carote, e più prenderanno il sapore dell'aceto.
Passatele al forno riscaldato a 175C, o su una griglia per 10/15 minuti.
Mettetele nel bun e, come per gli altri dogs, copritele con i condimenti che volete. Enjoy!

(Mi dimentico sempre di fare le foto quando li preparo, quindi niente immagini… dovrete prepararli voi!)

17 commenti:

  1. wow, grazie!
    io ho gia' dato una grande svolta al consumo di legumi in famiglia facendoci degli "hamburger" alla buona, tipo la tua prima ricetta (ma senza tante spezie) e poi dandogli la forma circolare... provero' anche gli hot-dog :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Marica! Le spezie della ricetta davvero danno l'odore e il sapore dell'hot dog alla ricetta!
      E comunque con un paio di modifiche sempre nelle spezie, uno può preparare salsicce, "breakfast links", kielbasa, etc.

      Elimina
  2. Io faccio le polpette di legumi, (non propriamente con quegli ingredienti, che non ho in caso, dato che non sono di mio uso comune), ma gli hot dog non li ho mai fatti, piacerebbero ai miei uomini.
    La ricetta delle carote, mia verdura preferita, non credo che la riproporrei....odio l'aceto e tutto ciò che è conservato in aceto, ma è un mio problema, a chi piace, penso che gradirà la ricetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Moky, da quando sono vegana, ho scoperto un casino di spezie al di la delle solite italiane che mi hanno aperto la porta su un mondo gastronomico che non conoscevo!
      Per quanto riguarda la ricetta dei Bunny Dogs, l'aceto di riso e' meno forte dell'aceto di vino cui siamo abituati e, se fai come me che sono sempre di corsa e non mi preparo mai in anticipo, puoi marinare le carote anche solo per un paio d'ore. Il sapore dell'aceto non lo senti, anche perché e' diluito. Prova!

      Elimina
    2. E qui scopro l'esistenza di due Moky che pensavo fossero la stessa persona

      Elimina
  3. Grazie Moky. E' da un po' che gli hamburgers e gli hot dogs vegani mi avevano incuriosito. Al supermercato non mi hanno convinto. Ora vorrei provare a farli. Ci sono un po' di ingredienti che non ho mai visto (e magari ho sempre avuto sotto il naso anche al super), se non riesco a trovarli poi ti chiederò lumi.
    Ma hanno davvero lo stesso sapore degli hamburgers di carne, come ho sentito dire?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si', Luciano… ci sono 2 Moky nella blogosfera! Attenti a quelle due!!
      Per quanto riguarda i veg burger e dogs, devo dire che la mia esperienza qui e' che ci sono quelli buoni e quelli "meh", sia come prodotti che si comprano che quelli di auto-produzione. Non so in Italia, ma qui poi quasi tutti i veg dogs che si comprano contengono l'isolato di proteine vegetali, che e' un prodotto altamente trattato che noi evitiamo, e olio/grassi, che evitiamo anch'essi (devo scrivere un post sulle nostre scelte alimentari) e quindi dobbiamo per forza farli noi in casa :) Io il sapore della carne non me lo ricordo più ne' lo cerco, e secondo me no, ne' i veg burger ne' i veg dog hanno lo stesso sapore di quelli di carne, ma sono meglio! E' un po' come paragonare chesso', il sapore della pasta integrale con quella normale… Questa e' la ricetta dei veg-burger che facciamo sempre: facile,veloce e i burger si possono grigliate sul barbecue
      http://www.mokysblog.com/2012/07/i-veg-burger-piu-facili-e-piu-buoni.html

      Elimina
    2. Grazie, Moky. Ho salvato anche la ricetta dei vegan burger. Appena riesco a rimettermi in cucina (ne parliamo a settembre) voglio provarci. Spesso gli ingredienti sono nuovi e non so con quanta facilità si trovino, per la ricetta dei burger sarà più facile trovare tutto.

      Elimina
    3. Luciano, uno dei tanti aspetti positivi di mangiare vegan per me e' stato l'aprirsi di un mondo di ingredienti, spezie, verdure, etc., che non conoscevo e probabilmente non avrei mai conosciuto, e che ora adoro! Penso che tu posso trovare tutti gli ingredienti inusuali in mercatini o negozi specializzati.

      Elimina
  4. Graaaaaaandi i bunny dog!!! Li ho scoperti a casa tua e poi a Tucson, ricordi?????? Ottima anche l'altra ricetta!!! Ora mi salvo tutto!!! Due Moky????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siccome non avevi postato la ricetta sul tuo blog, Titti, ho pensato di farlo io!

      Elimina
    2. Hai ragione, lo farò al più presto!! ;-)

      Elimina
  5. Grazie Moky! Quindi quella è la ricetta dei wurstel vegan? Io ogni tanto li compro e mi piacciono molto, quando li uso, chi non sa che sono vegan non ci crede nemmeno perché il sapore è molto simile a quello dei w di carne (che non mangiavo da anni, anche prima di essere vegan)... Proverò a farli io... grazie per le ricette :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati! Non so esattamente quali siano le differenze, se ce ne sono, tra i würstel italiani e gli hot dog… diciamo che gli hot dog americani sono spesso più lunghi e/o larghi dei würstel che mi ricordo..
      La prima ricetta crea degli hot dogs come spezie secondo me uguali a quelli che si comprano, ma la consistenza e' diversa … io proverò altre combinazioni legumi/farine varie, per vedere, ma dal punto di vista del sapore, sono soddisfacenti! I bunny dogs possono fregare le persone che non sanno che si tratta di carote soprattutto se cucini le carote alla giusta "aldentatura"… Poi sai, quello che fa' gli hot dog sono i condimenti… Se li fai, spero ti piacciano!

      Elimina
  6. Mamma se hai talento!
    Non avevo mai pensato di poterli fare da me!
    GRAZIE! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, SognoAustraliano… figurati!! E' che ho qualche libro di ricette facili facili, oltre all'internet che regala tante idee. A me non piace cucinare molto, anzi mio marito si lamentava di aver sposato oltre all'unica italiana cui non piace il formaggio (davvero!), l'unica italiana che non ama cucinare. Ma ci sono alcune ricette che non mi rompe preparare… Spero tu li faccia prima o poi!

      Elimina

Ogni commento e' benvenuto, quando contribuisce alla conversazione!