venerdì 25 gennaio 2008

Cosa ci faccio qui negli U.S.?

Bella domanda... a volte me lo chiedo anch'io... ma visto che ci sono persone che non conoscono le mie vicende storiche, provvedo a dare un "breve" ma dettagliato riassunto.
Sono nata nel lontano 1966 a Milano. Ho sempre avuto un'attrazione per l'America, forse accentuata dai ricordi di una nonna (dal nome America!), emigrata da bambina e poi tornata indietro in Italia, che parlava sempre dei "bei tempi" a Nuova York-a...
Diplomata al Liceo Classico Manzoni di Milano, scelgo di non continuare gli studi e di iniziare a lavorare. Fortunatamente amando l'inglese sono sempre riuscita a trovare lavori dove, in qualche modo, l'inglese doveva essere utilizzato. Mantengo una corrispondenza con una ragazza di Chicago grazie alla quale corono il mio sogno di andare in America nel 1988, quando prendo 3 settimane di ferie e parto alla volta di Chicago. Geri, la mia penpal, mi porta in giro per Chicago e mi regala il biglietto per New York, per andare a trovare i suoi zii, Uncle Frank, che vive a Brooklyn, e Uncle Pat che vive a Wantagh, Long Island. Torno in Italia con le lacrime agli occhi e la vita continua. Cambio altri lavori, mentre sul fronte sentimentale e' un disastro, ma dopo un lunga (troppo) storia con uno di 12 anni piu' vecchio (non solo anagraficamente, ma mentalmente), trascorro 3 anni fantastici, libera come una farfallina... diciamocelo pure, a divertirmi!! Dopo 3 anni di divertimento, all'eta' di 26 anni, comincio a sentire l'orologio fare tic-tac, e mi spavento perche' il panorama maschile intorno a me e' un po' deprimente. E qui interviene il fato: la mia penpal, Geri, si sta per sposare e sono ovviamente invitata al matrimonio. Ovviamente non so cosa fare, anche perche' ho iniziato da poco a lavorare per la DHL, a 10 minuti di macchina da casa, buono stipendio, boss caruccio... sono ancora in prova, ma il fato (ancora) vuole che il boss mi dia una settimana di ferie. Parto, vado a Chicago, e al matrimonio sono seduta al tavolo della famiglia, dove conoscevo gia' i suoi zii. Sono seduta di fianco al cugino di Geri, che vive in California e continua a portarmi dei cocktails, "Skip's special"... se non avete mai visto un matrimonio americano, e' una pacchianata con orchestra, cantanti, bridesmaids dai vestiti ORRIBILI... si balla e si beve per ore e ore, ovviamente viene annunciato che c'e' un guest che e' venuto dall'Italia, io che salto sul tavolo un pelino brilla... insomma, mi ricordo di avere bevuto, mangiato e ballato fino probabilmente all 11 di sera. Il giorno dopo ritorno a Milano, atterro distrutta e vado al lavoro... e' lunedi'. Il venerdi' arriva una telefonata a casa, Marta risponde e urla "Moky, e' in ingleseeeeee". Ed era J, il cugino di Geri, quello seduto di fianco a me al matrimonio, che mi chiama dalla California. Parliamo per 1 ora. E cosi' anche il giorno dopo... poi mi arrivano i fiori... poi il regalo per il compleanno... e poi telefonate su telefonate (14 anni fa, ha speso $914 a luglio e $720 ad agosto... lo so perche' ho ancora le bollette da qualche parte). Siccome suo padre era un flight engineer per American Airlines, decide di usare il suo free pass e venirmi a trovare alla fine di agosto... e io faccio la pazzia e mi compro il biglietto per Los Angeles, just in case. La vacanza insieme e' un sogno, Venezia, Lago di Como... poi J si ammala tornati a Milano ed e' a letto (nel letto dei miei!!) per 2 settimane. Quando si rimette in sesto (deve essere stato il troppo sesso...) il 9 settembre 1993 partiamo insieme per Los Angeles, mentre una mia collega porta le dimissioni al mio capo... Ci sposiamo il 6 Novembre davanti al Judge of Peace di Ventura (ora Uncle Frank e' anche il "mio" Uncle, e Uncle Pat e' mio suocero...), compriamo una bella casettina il 3 dicembre.... ci sposiamo in chiesa in Italia a giugno del '94... e a luglio del '95 nasce Christopher! Rimango incinta ancora all'inizio del '98, e ad aprile lasciamo la California con 1 bambino, 1 cane, 2 gatti ed io incinta di 3 mesi con nausee ridicole, che gestisco succhiandomi liquerizie a go-go, mentre ovviamente guido il pulmino (J guida la sua macchina) e ci facciamo la traversata coast to coast fino al New Jersey, dove J e' stato trasferito. Novembre '98, nasce Emily. Novembre 2000, nasce Vivian. E cosi' arriviamo a luglio del 2007, quando ripartiamo, questa volta con 3 gatti, 1 cane e 3 bambini (ringrazio il cielo per il dvd in macchina!!) alla volta dell'Arizona, dove J ha ricevuto un trasferimento. E cosi', la mia vita spericolata americana continua.
Mi piace vivere qui? Si', moltissimo. Tornerei in Italia? Quest'estate la mia risposta era "Si'" ora e' "Non sono sicura". In generale lo stile di vita americano mi si addice, la gente e' piu' rilassata, forse fin troppo, per quanto riguarda le apparenze, per cui non succederebbe mai di vedere una casalinga in pelliccia che va a fare la spesa. La prima cosa che ho adorato in California e' la liberta' dai codici non scritti di abbigliamento italiani, che esistono probabilmente non solo a Milano ma in tutte le citta' e certamente nei paeselli. Il lato negativo della medaglia e' che vabbe' essere liberi, ma un po' di gusto nella liberta'! Poi la gente e' mooolto cordiale, ti salutano tutti, e io saluto tutti, anche se non li conosco. Si chiacchiera del piu' e del meno con estranei ovunque si va, basta sorridere, ed e' un continuo "Hi, how you doing?" "Hello, how are you?"... e non parlo solo della provincia, era cosi' a Ventura, che ' una citta' abbastanza grande, era cosi' a Point Pleasant, paesello marino piccolino, ed anche a Sierra Vista. Ma la gente e' disponibile a sorriderti e a scambiare 2 chiacchiere anche a New York o Los Angeles...
Ci sono molte cose che mi mancano dell'Italia e di Milano, prima di tutto i miei e mia sorella, e poi le amiche con cui ho condiviso tanto e che mi hanno sopportato tanto... poi il profumo del pane fresco al mattino presto, i mercati rionali con tutti i colori e i suoni e la verdura fresca che ha sapore, i pomodori che sanno di pomodoro, non di corda bollita... mi manca l'ospitalita' degli italiani, che quando fai breccia nella loro riservatezza e ti invitano nelle loro case, ti offrirebbero il mondo se potessero... quante volte sono andata a casa di conoscenti qui e non mi e' stato offerto niente, magari se lo chiedevo, un bicchiere d'acqua... mi mancano gli abbracci che ci scambiamo tra amici, abbracci forti, caldi con il doppio bacio, mentre qui, invece degli abbracci, si avvicinano i toraci ma non troppo, e poi mettono un braccio intorno alla spalla dell'altra persona e gli danno 2 o 3 pacchette sulla scapola e si scambiano 1 "air-kiss".. e' come se avessero paura del contatto umano, mah. Mi manca il vedere e sentire la passione tra persone che, non importa l'eta', stanno discutendo e muovono le mani e alzano la voce, mentre qui, a meno che non siano italo-americani, sussurrano quasi, e non li senti discutere, meno che meno li "vedi" discutere, le mani sono ferme...
Ma ci sono anche moltissime cose che NON mi mancano dell'Italia, mi viene in mente per prima cosa essere a casa di amici e tutti che fumano intorno a te, e io che non fumo sono costretta a succhiare la loro merda nei miei polmoni; il casino incontrollato che gli italiani fanno quando sono in aeroporto, e io che sono felice di riuscire a passare per americana, grazie ai bambini e marito che parlano inglese, e faccio finta di non capire; le macchine parcheggiate sul marciapiede e nessuno che gli da una multa; i commenti senza gusto (quindi disgustosi) che uomini e ragazzi fanno alle ragazze che passano per strada, e nessuno che dice niente, anzi, lo ritengono un complimento e pensano che la ragazza se lo merita perche' ha la minigonna e una scollatura.... Insomma, a chi mi chiede se mi trovo bene qui, la risposta e' si', mi trovo benissimo, ho sempre avuto case grandi che non avrei mai potuto permettermi in Italia, ho visitato posti che prima mi ssarei sognata, ho una qualita' di vita che, per me, e' migliore di quella che ho visto in Italia quest'estate. Non siamo ricchi, ma riusciamo a permetterci moltissime cose che in Italia sembrano solo per ricchi, 3 computer, la piscina, mangiare fuori tutte le settimane, insomma il consumismo e' parte della mia vita, anche se cerco di limitarlo. Obiettivamente, non saprei dire se e' meglio vivere in Italia oppure qui. Non e' mai bianco o nero, giusto o sbagliato, soprattutto quando ad influenzare una scelta concorrono moltissime sfumature diverse. Cio' che rende bellissima l'Italia non e' cio' che rende bellissima l'America... io per il momento resto qui, poi domani si vedra'. A dopo!

video

17 commenti:

  1. Io, ci sono dei momenti che partirei immediatamente e lascerei l'Italia e tutti i problemi che comporta vivere qui....ma poi so che mi mancherebbero gli amici, i fratelli, i nipoti, la mia quotidianità....forse solo un grande amore ti puo far fare una scelta così drastica...da come ne parli però non mi sembra che si stia male!!!!

    grazie per questo riassunto di ventanni di vita!!!!

    RispondiElimina
  2. Hai ragione Suy, e' stato un grande amore... aiutato da uno spirito avventuriero di sicuro. Non si sta male, dipende anche dallo spirito di adattamento. Allora ti aspetto???

    RispondiElimina
  3. anche io faccio sempre fare i giri sulle palle del toro a tutti i miei parenti americani, quando vengono a trovarmi!
    :)
    molto simpatico :))) e poi loro apprezzano!
    Zion

    RispondiElimina
  4. il rapporto umano tra le persone. un ottimo tiolo per un mio prossimo post :)

    RispondiElimina
  5. Non sai come ti capisco. Ci sono esperienze simili e stesso modo di sentire le cose.
    Per me la cosa peggiore e' essere lontana dai miei affetti.
    Comunque anche io dico: si vedra'...
    Grazie per il tuo racconto di vita che mi ha fatto sorridere e commuovere.

    RispondiElimina
  6. wow che sintesi! spero fra una decina d'anni di avere una visione d'insieme cosi' precisa della mia vita!

    RispondiElimina
  7. Zi, Plu, Ko & Fab... sembrerebbero i nomi di un gruppo di marziani... comunque, "The bull's balls squashing" e' una tradizione che non si puo' assolutamente trascurare!!
    Aspetto il tuo post sul rapporto umano... ce ne sono di cose da dire! Koala, davvero abbiamo tanto in comune: io non voglio mai chiudere le mie porte a chiave, sempre lasciarle socchiuse, il futuro non e' mai certo. Com'e' che diceva James Dean: "Dream as if you'll live forever, live as if you'll die today".. un po' cupo, ma considerato il pulpito...
    Fabri, quando racconti la tua storia 1000 volte, e' come impararlo a memoria... tutto diventa chiaro come il sole!

    RispondiElimina
  8. grazie per la descrizione dettagliata..
    cio' che ti ha spinto e' la tua voglia di andare in America, lo spirito di adattamento che ti ha fatta restare e l'aver trovato un compagno avventuriero come te.
    Se io oggi dovessi partire per l'America, direi no, non so' il perche' ma l'America non mi ha mai attratta.
    Ad andarmene da qui lo farei pure, mi adatto molto facilmente alle situazioni, al contrario di persone che conosco che da napoli si sono spostate in umbria e son tornate perche' cadute in depressione a causa della lontananza dal luogo dove sono cresciute..

    buon week end

    RispondiElimina
  9. Cara Moki,
    sembra di leggere Oriana Fallaci, sei fantastica, difficile trovare qualche pecca nel racconto della tua vita. Non è romanzata ma vera, e per questo è leggibile con vero piacere. Forse avresti dovuto fare la scrittrice...ma sei sempre in tempo.
    mami e papi

    RispondiElimina
  10. una vita bella intensa!
    arrivo qui da zion, se non ti spiace tornerò a trovarti.
    buona notte moky!

    RispondiElimina
  11. Hee-haw, Mat!! Welcome to Arizona!! The Mokster

    RispondiElimina
  12. Ciao Moky, grazie della tua visita sul mio blog!

    Ho letto la tua storia e sono qui a pensare. Sì, perchè è da qualche mese che sento l'impulso di lasciare Milano, l'Italia, il mio paese per andare via... qui mi sento sempre più stretto. A parte tutto lo squallore della politica e della vita pubblica, che ormai ha raggiunto livelli di schifezza intollerabili, è anche che sento la voglia di esplorare qualcosa di nuovo e di rimettermi in gioco completamente e radicalmente.

    Forse è come dici tu, la vita ti sorprende quando meno te lo aspetti. Io cerco comunque di essere l'artefice del mio destino attraverso le scelte (giuste o sbagliate che siano) che faccio.

    Thanks for your visit and your post. I'll add you in my blogrool. Feel free to do the same if you want!

    Cheers from Milano!

    mauri
    --

    RispondiElimina
  13. Hey Mauri. Scappare da una realta' deprimente e che appare senza futuro fa parte dell'istinto di sopravvivenza. Ci vorrebbe che tutte gli italiani che sono, delusi, insoddisfatti, che non ce la fanno a tirare alla fine del mese, che sognano un'Italia diversa ed esemplare, insomma tutti questti italiani (presumo il 99% della popolazione!) davvero agissero in modo rivoluzionario, e non parlo di spranghe e .45, parlo di una rivoluzione pacifista, nessuno che vada a votare e tutti in strada, ma tutti... invece poi si ha paura di perdere quel poco che si ha, si ha paura che, ad abbandonare il proprio cadreghino, il vicino ce lo freghi... allora tutto rimane uguale. Non e' tutto oro quello che luccica qui negli States, ma la verita' e' che esiste ancora la possibilita' di "farcela", di migliorare il proprio futuro, "The pursuit of happiness" e' un dogma sacrosanto qui. Dovrebbe esserlo anche in Italia!

    RispondiElimina
  14. davide c. dave19@hotmail.it28 gennaio 2008 11:53

    che storia meravigliosa..ma è reale??io partirei subito per l america..ma forse per qualsiasi luogo lontano da qui..dall italia..dai ricordi che vorrei poter dimenticare..ti invidio moky..sei stata molto fortunata..spero di averne anche io un pò di questa cosi tanto desiderata fortuna..spero non ti dispiaccia se ti leggerò di tanto in tanto..baci davide.

    RispondiElimina
  15. Niente affatto, Davide... Hugs!

    RispondiElimina
  16. "Non e' tutto oro quello che luccica qui negli States, ma la verita' e' che esiste ancora la possibilita' di "farcela", di migliorare il proprio futuro"... Moky, quanto hai ragione su questa cosa! E' vero, se provi a migliorare la tua vita qui in America con un colpo di testa potresti non farcela, ma almeno avrai l'appoggio incondizionato delle persone che ti sono intorno. In Italia, invece, troveresti un coro di voci disilluse, che ti sconsiglierebbero perfino di provarci. Gli italiani sono sempre più vecchi e pessimisti e onestamente con tutto quello che subiscono giorno dopo giorno non si può che dargli ragione...

    RispondiElimina
  17. Oh Moky, che meraviglia di storia! Bellissima e avvincente! E come ti invidio! Anch'io ho l'anima nomade e avrei voluto fare le tue scelte, mollando tutto, ma non me ne è capitata l'occasione! Sto leggendo pian piano tutto il blog e ti lascio il segno! Un abbraccio!
    Titti (Milano)

    RispondiElimina

Ogni commento e' benvenuto, quando contribuisce alla conversazione!