martedì 8 maggio 2012

Famiglie americane: una faretra piena di misoginia (Il culto Quiverfull)

*** AGGIORNAMENTO 13/8/2015: ho pubblicato un nuovo post sui Duggar e gli sviluppi degli eventi che hanno circondato le molestie di Josh sulle sorelline ***


Che la religione in America sia una cosa da invasati, e' risaputo. I cattolici italiani, anche quelli più bigotti, quelli più indottrinati, più fedeli ai dogmi, impallidiscono di fronte al radicalismo religioso dei cristiani di qui. Non tutti, ma una gran parte di sicuro predica e razzola in piena contraddizione con il messaggio del Vangelo, diffondendo odio e intolleranza, invece di amore per i propri vicini, amici e non.

Ho iniziato questo post tempo fa con l'intenzione di descrivere e dettagliare una tipologia della famiglia americana che negli ultimi anni ha guadagnato tanti "ammiratori" che, come me, ne sono erano stranamente affascinati. Nel corso della mia ricerca pero', mi sono imbattuta in numerose testimonianze e informazioni che definire incredibili o da medioevo non basta, e questo post e' diventato qualcos'altro: il fatto che in questo momento, nel 2012, nello stesso paese dove e' nato e si e' formato il movimento femminista esistano ideologie misogine, retrograde ed abusive che sembrano tratte da un racconto medievale, mi fa' ribollire il sangue dalla rabbia.
Sapete che amo l'America e quello che rappresenta, miei figli sono americani e ne sono fiera. Questa e' una delle eccezioni: sarei insincera se dicessi che questa parte d'America non mi fa' assolutamente paura. E' quasi da brivido.

Ma cominciamo dal principio.

Se avete anche solo una minima conoscenza di questo paese, sapete che avere 4 figli in America e' normale, normalissimo, soprattutto per chi vive lontano dalle grandi città ed ha la possibilità di accedere/vivere in case invece di appartamenti, dove e' possibile avere spazi più consoni a famiglie numerose. Infatti qui la mia inaspettata quarta gravidanza non ha suscitato molto stupore, se non forse per la nostra eta', considerata ovviamente un po' avanzata, e per il fatto che i primi 3 figli erano già grandicelli.  Conosco personalmente molte famiglie di 4 figli, diverse con 5 e persino un paio con 6 figli. Difficile trovare una sola spiegazione al fenomeno, ma in parte puo' essere il fatto che lo stile di vita, il modo di crescere i figli qui e' piu' rilassato (i miei figli praticamente vivono a piedi nudi, anche in New Jersey dove faceva un bel freddo d'inverno non hanno mai indossato la "maglietta della salute", tanto per fare un paio di esempi che li differenziano da come sono stata cresciuta io), o forse e' perche' c'e' piu' "spazio" dal punto di vista logistico (noi abbiamo sempre avuto 4 camere da letto e 2 bagni sin dalla prima casa che abbiamo acquistato in California nel '93), oppure può essere anche il fatto che tendenzialmente gli americani hanno una visione piu' ottimistica del futuro che gli italiani, fatto sta' che le famiglie numerosa qui "abbondano", rispetto ad altri paesi occidentali per lo meno.

Ultimamente la famiglia  numerosa, e parlo di 4 figli e più, e' diventata una sorta di moda, grazie a persone tipo Angelina Jolie, con la sua squadra di pallacanestro cosmopolita, che gira il mondo con la prole con agilita' e naturalezza (3 mesi in Francia, 1 mese a Venezia, poi si va in a Los Angeles... ma 'sti bambini, una struttura, una routine non gliela dai? Mah...), ed altri come ad esempio Tori Spelling, che ha appena annunciato di aspettare il quarto bebe' mentre l'ultima nata ha poco meno di un anno, e sembra non abbia nessuna intenzione di fermarsi li'.
La nonchalance con cui queste "donne famose" sfornino pargoli, tornino come per magia alla loro taglia pre-panza in 2 settimane e riescano a condurre una vita professionale e una vita sociale intense, apparentemente senza detrarre niente dall'essere madre dell'anno, erroneamente semplifica il complesso e difficile equilibrio necessario perché l'equazione più figli = più gioia sia vera, e proietta nel mondo un'immagine che non sottolinea la fatica, i costi, i sacrifici enormi cui "noi" famiglie normali dobbiamo sottoporci per funzionare. Queste vip-mamas hanno romanticizzato a livello internazionale la multi-maternita' rendendola quasi un sport competitivo.

Ma l'interesse e la curiosità per la famiglia davvero numerosa ha raggiunto l'apice con l'enorme successo della famiglia Duggar in tv, magari ne avete sentito parlare anche in Italia:  qualche anno fa il canale Discovery  aveva fatto un documentario su questa famiglia inconsueta,  che la parola numerosa non definisce accuratamente perché il termine corretto sarebbe conigliera (anche se dal punto di vista specistico bisogna puntualizzare che i Duggar avrebbero la possibilità di scegliere, mentre i conigli no...).

Chi sono questi Duggar? Jim-Bob e la moglie Michelle fanno tana, con i loro 19 (si', ho scritto diciannove!!) figli in Arkansas, stato notoriamente destrorso, conservatore e iper-religioso,  e sono diventati famosi con questo documentario, quando ancora di figli ce ne erano solo 14 (il titolo era "14 figli, e ancora incinta!"), facendo un gran scalpore, non solo per il numero della prole, ma soprattutto per il modo apparentemente pacato e tranquillo in cui questa famiglia funzionava: i figli sempre vestiti bene, sempre educati ed obbedienti, la madre che non la si sente mai alzare la voce, la casa sempre in ordine o quasi, considerato il numero di persone che vi abitano, una famiglia enorme senza debiti ne' mutuo... insomma, per un po' sono quasi stati una fonte di ispirazione se non di invidia da parte di tanti, inclusa io.

Come il resto d'America, li ho trovati affascinanti ed ho avuto l'opportunità' di osservarli "in azione", perche' il documentario ha fatto così tanto successo che TLC (acronimo E ossimoro, The Learning Channel) ha creato un reality show dal titolo "16 kids and counting!", "16 figli e si continua a contare!", diventato poi "17" poi "18 kids and counting!" e "19 kids and counting!".

Se siete anche voi curiosi sulla motivazione che spinge una coppia a sottoporsi alla gioia e incredibile trauma di 20+ gravidanze (l'ultima e' stata una "stillbirth", dove il feto era morto in utero verso le 18 settimane) ) in poco più' di 20 anni, questa e' la loro spiegazione: dopo la nascita del primo figlio, Michelle aveva cominciato a prendere la pillola ma era rimasta incinta ed aveva perso la gravidanza. Scioccati che una cosa così potesse succedergli, Michelle e Jim-Bob cercarono consiglio da un medico cristiano e decisero di lasciare decidere a Dio il numero di figli.

Questo paragrafo si trova sul loro sito:
"They (Michelle and Jim-Bob) prayed and asked God to forgive them, and to teach them to love children like He loves children. They asked God to bless them with as many children as He saw fit in His timing."
"Pregarono e chiesero a Dio di perdonarli, ed insegnargli ad amare i figli come Lui ama i figli. Chiesero a Dio di benedirli con tanti figli quanti Lui ritenesse giusto secondo il Suo programma"

Be', certamente capisco e condivido il loro dolore per la perdita di un bambino, e' successo anche a me come a milioni di donne, e capisco i sensi di colpa... ma la loro reazione ad un evento così e' a parer mio un po' troppo radicale.

Certamente sin dal principio, c'erano diversi -OK, moltissimi- campanelli d'allarme in questo ritratto perfetto di famiglia, tanti piccoli e, da soli, insignificanti, dettagli e particolari "strani":

  • i nomi di tutti i figli iniziano con la lettera "J" (c'e' gente che si vanta di saperli tutti, e in ordine... ma diamine!). Embe', direte? Meta' americani ha nomi coordinati dai genitori, nomi strani, inventati, cognomi che diventano nomi... questi 20 hanno tutti la stessa iniziale, niente di male... fosse la sola "stranezza", sarei d'accordo, ma....
  • le femmine indossano solo e sempre gonne lunghe e abiti un po' da suora. I maschi non indossano MAI jeans e maglietta, ne' calzoni corti, ma sempre e solo polo e pantaloni khaki, anche in un episodio in cui partecipavano ad una corsa! In un altro in cui giocavano con l'acqua in estate, i "costumi da bagno" che indossavano sembravano essere usciti da foto del 1910. Se vi interessa abbigliarvi come una vergine sul Titanic, o una Duggar, questo e' il link.
  • Homeschooling. Ora, non ho assolutamente niente contro l'homeschooling, anzi la trovo una soluzione valida per chi non "si fida" della sistema educativo impartito dalla scuola pubblica o privata, o per chi preferisce il controllo dell'insegnamento per insegnare in modo piu' "homemade" materie che magari in scuole convenzionali sono tralasciate o insegnate poco. Nel caso dei Duggar pero', non si tratta di una scelta bensì di un precetto da ubbidire, una regola dettata dall'organizzazione IBLP (Institute in Basic Life Priciples) che seguono e  secondo cui homeschooling e' un dovere. IBLP determina l'intero curriculum scolastico, basato sulla bibbia e sul vangelo. Ovviamente, l'insegnamento di scienze e' dominato dal creazionismo e da convinzioni anti-scientifiche che ci sarebbe da ridere se non fossero agghiaccianti perché questi, oh, CI CREDONO PROPRIO!!!  Su uno dei siti che i Duggar raccomandato tra le risorse per l'homeschooling,  si possono leggere tutte le "verità" scientifiche da insegnare, e in particolare c'e' un articolo che "prova" che dinosauri e uomo sono vissuti contemporaneamente poco dopo la creazione, circa 6000 anni fa. Volete farvi due risate? Leggetelo qui.
  • Il divieto per i figli di avere contatti con il resto del mondo che non siano approvati dai genitori (e dall'organizzazione IBLP): niente televisione (ok, probabilmente una decisione saggia), solo dvd a tema religioso o dal contenuto ritenuto innocuo e sempre assolutamente allineato con la loro ideologia. 
  • Il divieto di ascoltare musica che non sia dal messaggio religioso. Sembra incredibile, ma nel sito della famiglia Duggar, ogni membro viene elencato con cibo preferito, vacanza preferita, etc, e sotto canzone preferita, tutti ma tutti inclusi i ragazzi più grandi citano una canzone religiosa... chi sono Adele e Ce-Lo Green? Quando un 16enne dice che la sua canzone preferita e' "Yeld not to temptation" "Non cedere alla tentazione", lo trovo molto sospetto. 
  • Il divieto di leggere libri non "approvati", inclusa la serie di Harry Potter, oppure The Giver, libro bellissimo anche se un po' triste, di letteratura giovanile americana che viene letto normalmente nelle scuole medie americane. Tutti i libri che i figli possono leggere fanno parte di una lista, e basta.
  • Il divieto di celebrare feste "pagane" come Halloween
  • I loro computer hanno accesso solo a circa una settantina di siti "approvati". Nel caso in cui i figli più grandi vogliano aver accesso illimitato ad internet, devono farsi dare una password dai genitori e un fratello o sorella deve controllare la sessione di net-surfing. Il motivo principale, che capisco, e' evitare accesso ad immagini e siti pornografici, ma altrettanto importante per loro e' che non vengano esposti ad informazioni contrastanti o sovversive...
  • Il divieto di ballare, perche' ballando si perde controllo del proprio corpo.
  • Tutte le figlie meno una, vogliono diventare mogli e madri "da grandi",  cioè verso i 20 anni. La ragazza che vuole proseguire gli studi, una volta finita la "high-homeschool", vuole diventare infermiera e lo farà attraverso CollegePlus, un college a distanza, cristiano ovviamente...
  • Anche i ragazzi, non solo le ragazze, non vengono incoraggiati a proseguire gli studi finita la scuola dell'obbligo. Il paragone con il medioevo calza ancora, "educare" la mente induce attività cerebrali che potrebbero mettere in questione i dogmi.  
A tutti gli effetti questi figli vengono cresciuti in isolamento da influenze esterne o stimoli esterni non approvati, non religiosi. Vivono in una bolla religiosa da cui osservano il mondo esterno come visitatori in un aquario, peccato che non hanno capito che sono loro quelli imprigionati. 
Da madre, capisco le paure e le ansietà ma più che un'educazione, mi sembra che questi ragazzi ricevono un indottrinamento, senza possibilita' di confrontarsi e scambiare idee ed opinioni diverse con persone cresciute in modo diverso. E' un sistema simile a quello che adottavano in Cina per fermare la crescita dei piedi delle bambine, bendarli stretti stretti per impedirne la crescita.

L'altro lato della medaglia, quello che probabilmente affascina di più il pubblico, me compresa, lo si vede in questi esempi:
  • Come ho scritto sopra, i figli si comportano sempre bene e sembrano sempre felici e sorridenti. Anche i teenagers....
  • I genitori non urlano mai e non ricevono mai (almeno di fronte alla telecamera) rispostacce dai figli adolescenti, quelle tipiche che ogni tanto ricevo e che elargivo a mia volta ai miei. Diciamo che vengono "rispettati" dai figli
  • Vivono in una casa di 650mq. che si sono costruiti da soli senza prestiti, mutuo, debiti.
  • Fanno volontariato, soprattutto in centro e sud America.
A questo punto, il ritratto di questa famiglia rimane un po' annebbiato, si' sono leggermente fanatici, ma brave persone, no? 

Per capire bene cosa succeda veramente, bisogna parlare di "quiverfull".
La prima volta che ho letto la parola "quiverfull" e' stata in una trasmissione televisiva in cui si parlava di questo movimento ultra-conservativo cristiano. La parola deriva da un verso della bibbia in cui i figli vengono paragonati a "frecce nella faretra" di un uomo potente, in pratica implicando che più la faretra e' piena (quiver-full) e più l'uomo e' potente. Quiverfull e' nato negli anni '80 in seguito alla pubblicazione del libro "Back home: beyond feminism and back to reality" di tal Mary Pride, in cui suggeriva che il ruolo delle donne secondo la bibbia e' quello di moglie e madre e di procreare figli sotto l'autorità di un marito, e che il controllo delle nascite va contro il verso della bibbia in cui i figli sono definiti non solo frecce ma anche "patrimonio" di Dio. 

Vi e' passato un brivido giù' per la schiena? Perché mica finisce li'....

Questo libro ha avuto molto successo soprattutto tra i fondamentalisti cristiani, evangelici e battisti, che hanno adottato questo principio e spesso creato delle loro mini-chiese in casa, "home-churches", molto furbamente direi, visto che le chiese non pagano tasse...  ma altri libri sono stati scritti sulla missione dei "veri" cristiani, ed e' così nato un movimento.

Tra le varie dottrine di quiverfull, (ed ecco perché nonostante i Duggar non lo menzionino nel loro sito, e' evidente che ne seguano i precetti), queste sono tra le più importanti:
  • i figli sono benedizioni di Dio quindi più figli, più si ama Dio. Utilizzare qualsiasi forma di controllo delle nascite, anche quella della temperatura basale, e' considerato un gesto contro il patto con Dio.
  • crescere ed educare i figli come "guerrieri di Dio, lontano dal mondo "pagano" che rovina l'unione con Dio. Ecco la necessita' dell'homeschooling
  • la famiglia come patriarcato. Il padre e' il leader, protettore e "pastore" della moglie e dei figli.
  • Quando l'eta' e' giusta, e' il padre che consente al figlio di fare la corte ad una ragazza, se la approva e dopo averne parlato al padre della ragazza, appunto, In pratica vengono "promessi" dai padri, ed e' la famiglia in controllo della corte. I ragazzi non possono mai essere lasciati soli, c'e' sempre uno chaperon (con tutti quei fratelli e sorelle, e' facile trovarne uno!) e il primo bacio della coppia avviene all'altare. Avrei tanti commenti da fare e già mi sto dilungando...
  • Il ruolo della donna nel matrimonio e nella famiglia e' definito da regoleben precise come: 
"Un marito ha bisogno di una moglie che lo rispetti come un uomo: una donna distrugge la mascolinità' di un uomo con "l'essere finanziariamente indipendente"

"Un marito ha bisogno di una moglie che lo accetta come leader"

"Un marito ha bisogno di una donna che continui a sviluppare la sua bellezza interiore ed esteriore: il taglio di capelli, ad esempio, può' dimostrare "obbedienza invece di  sfida" e "disciplina personale invece di inconsistenza".

"Un marito ha bisogno di una moglie che sia grata per tutto quello che lui ha fatto e sta facendo".

E via cosi'.

  • modestia nell'abbigliamento, per non tentare il proprio "fratello cristiano".
E i figli da quando raggiungono gli 11 anni ricevono una "giurisdizione", cioè un tipo di mestiere da fare (ottima idea), e gli viene assegnato un fratellino/sorellina più piccolo di cui prendersi cura... le ragazze più  grandi si occupano sempre del bucato e dei pasti e dell'homeschooling dei più piccoli.... ottima idea... o no? Sono ancora bambine, non e' giusto per me dar loro il peso e la responsabilità di un fratello...

A me questi fanno paura, perché con il livello con cui si moltiplicano, e' come se stessero preparando un'armata, mi sembra la guerra dei cloni....

Ma i figli? Questi ragazzi e bambini così gioiosi, così educati, così carini, tutti suonano il violino e l'arpa... anche se i precetti di queste famiglie sono medievali, insomma i figli sono fantastici, no?

Be', a questi ragazzi oltre ad essere insegnato che sempre e comunque devono mettere in pratica "J.O.Y.", cioe' "Jesus first, others second and your needs last", cioè "prima Gesu', secondo gli altri e e ultimo ciò' di cui hai bisogno tu", vengono inculcate sin da piccolissimi 49 "qualità del carattere" che devono rappresentare sempre, pena il rovinare la propria relazione con Dio. 
Ad esempio

"Gratitude vs. ungratefulness", gratitudine contro ingratitudine, cioe' ai ragazzi viene insegnato che per mantenere una buona relazione con Dio, e' necessario dimostrare a lui e agli altri che siamo grati per quello che abbiamo ricevuto, poco o tanto.
"Enthusiasm vs. apathy", enthusiasm contra apatia, ed ecco spiegato il comportamento sempre "cheerful" dei ragazzi. Devono dimostrare questa qualità, e magari dopo anni di lavaggio del cervello, e' diventata natura secondaria, ma per quanto un po' invidi Michelle e Jim-Bob per l'assenza di risposte "smart-ass" dai figli, sono assolutamente cosciente che e' parte del crescere, il testare limiti e regole, ed esprimersi con una certa libertà. 
Insomma, i figli si competano bene perché non hanno mai scelta. Perché l'idea di ribellarsi e pensare, e sbagliare, da soli gli e' stata completamente schiacciata sin da quando avevano 1 anno.
I Duggar, come altri quiverfull, adotta con i bambini più piccoli, i toddler da 1 ai 3 anni, il sistema di "insegnamento" chiamato "blanket training", in cui il bambino viene messo per terra su una coperta e gli viene chiesto di rimanervi seduto sopra per un certo periodo di tempo (dai 15 ai 45 minuti), per insegnargli a rispettare ed ubbidire alla volontà dei genitori ed imparare a giocare da solo, magari con un giochino. Usando un righello flessibile o la mano, ogni volta che il bambino cerca di uscire dai limiti della coperta, Michelle gli da una sculacciatina... 
La morale di tutta questa "spatafiata" che spero non vi abbia annoiato troppo e' che preferisco i miei figli con la loro boccaccia (a volte), con il loro desiderio di essere diversi da me, da noi, la loro curiosità e voglia di cambiare le regole e il mondo, che questi ragazzi, bravi, educati e sempre sorridenti, coi loro violini ed arpe, ma dal cervello tarpato.







38 commenti:

  1. Il post è interessantissimo, non conoscevo questo estremismo e tanto meno avrei pensato fosse anche passato in tv. Oltre al brivido alla schiena mi è salito tanto disgusto, vabbè la libertà di pensiero, ma a che punto finisce la libertà e comincia la dittatura (psicologica)?

    RispondiElimina
  2. secondo me prima o poi da questa famiglia esce un serial killer. Sono tutti cosi' repressi che c'e' da aver paura.

    valescrive

    RispondiElimina
  3. Ne avevo sentito parlare....
    Brrrrrr, mi fanno paura.

    ---Alex

    RispondiElimina
  4. @Eleonora: infatti. Credo si tratti di abuso, ma legalmente sarebbe un'accusa impossibile da provare... Le mogli "accettano" di vivere in sottomissione (molte pero' decidono di andarsene, e ne parlano in blog etc. Storie incredibili!) e i figli non conoscono un modo di vivere diverso. I figli sono le vere vittime.

    @Valeria: probabile. Il "trucco" e' che tutto quello che e' negativo viene coperto ed insabbiato. Durante la mia ricerca ho scoperto che il figlio Duggar più' grande pare abbia commesso un atto impuro verso la ragazza di cui era promesso sposo (giovanissimo, fai conto a 17/18 anni) e per questo e' stato mandato ad un "camp" di riabilitazione, per purificarsi e diventare un futuro marito degno di una moglie (sottomessa)... Ma tutto e' coperto da un alone di mistero...

    @Alex: e poi qui urlano e strepitano contro i radicali mussulmani. Che differenza c'e'? Il burka? mah..

    RispondiElimina
  5. ho conosciuto da vicino questo genere di realtà perchè durante il mio soggiorno negli stati uniti la mia famiglia ospitante (miei parenti nemmeno lontani) erano proprio così. Sono stati mesi durissimi psicologicamente parlando, una lotta tutti i giorni per sopravvivere a un lavaggio del cervello a cui non credevo di poter essere sottoposta.
    Una famiglia loro amica aveva 7 figli, lei incinta dell'ottavo. Niente di strano, ma pensavano a come controllare una delle figlie molto vivace (meravigliosamente giocherellona, un vulcano di idee) perchè non in linea con le loro aspettative...volevano rivolgersi a qualcuno (della Chiesa) ventilando l'idea che lei fosse "troppo incontrollabile".
    A me non aveva dato questa impressione, era solo una bambina impegnativa come ce ne sono tante.
    Comunque, a prescindere, questo aspetto della società americana non solo mi spaventa, ma la condanno proprio avendola vissuta sulla pelle.
    La religione è vissuta come una emarginazione dal resto del mondo e una criminalizzazione (davvero) di ciò che è diverso. Volevano battezzarmi a tutti i costi per salvare la mia anima, e molto avevano paura a parlare con me perchè la mia impostazione era cattolica (non ho mai detto del mio agnosticismo o avevo paura mi dessero fuoco).

    E' faticoso parlare con queste persone. Non sono cattive, spesso, ma è impossibile farci un ragionamento.

    RispondiElimina
  6. Questo post è davvero interessante, avevo sentito parlare dei Duggar ma poi me ne ero dimenticata. Grazie per averci offerto questo spaccato di America.

    RispondiElimina
  7. Non avevo mai sentito parlare né dei Duggar né di quel tipo di educazione/indottrinamento. Mi ricordano un po' gli Amish come comunità ristretta e autrachica.
    La cosa che mi fa più paura è la scuola casalinga, senza confronto, senza scambi, senza stimoli oltre che senza un vero insegnamento.
    Ma quei bambini ben educati, ubbidienti, caritatevoli, generosi gli uni verso gli altri, specie quando penso ai miei due demonietti, mi fanno quasi invidia....
    Comunque l'America puritana (anche se non a questi livelli) non è una novità.

    RispondiElimina
  8. mi ricorda diverse cose del corso di preparazione al matrimonio... tipo il brano della bibbia in cui si dice che la moglie deve essere sottomessa al marito :-/, o il fatto che noi non possiamo decidere il numero dei nostri figli ma e' Dio a decidere :-/

    in italia pero' mi pare arrivino massimo a 6 figli con questo ragionamento... forse questi Duggar ehm si impegnano particolarmente :-/

    RispondiElimina
  9. Agghiacciante questa testimonianza, ma bellissimo il tuo blog che ho conosciuto così... Me lo leggerò pian piano per conoscerti meglio! Ho sempre considerato gli USA come la terra degli eccessi, grandi spazi ma anche grandi estremismi, sono affascinata dal tuo sguardo "dall'interno", grazie!

    RispondiElimina
  10. Al di là del discorso figli, averne 19 in poco tempo equivale a ridurre la donna a "fattrice", con una concezione della donna che farebbe rabbrividire persino l'uomo medio di Atene dell'età di Pericle, o pre-Pericle, ma i loro figli sono così "bravi" perché privati della capacità di scegliere; gli è stato asportato chirurgicamente il libero arbitrio.
    Ora: se bisogna amare i doni che ci da Dio, perché odiare così tanto il "libero arbitrio"? Pensare con la propria testa fa paura e non solo a una setta di fondamentalisti, ma all'ordine costituito in genere. Questi non "fanno il male", così come loro lo concepiscono ovvio, non per scelta consapevole, ma perché non conoscono nulla di diverso da quello che gli è stato insegnato e chi vive in un guscio diventa provinciale e il provincialismo genera idee di superiorità del proprio piccolo gruppo, peggio poi se si ritiene di avere la verità in saccoccia da sbandierare ai quattro venti, e poi il passo verso i campi di sterminio è breve.
    Già l'esclusivismo religioso non è un buon punto di partenza per avere una società non razzista, se in più ci si aggiunge una mentalità da deserto, per citare una scrittrice araba, emigrata in Canada, ce n'è abbastanza da far venire i brividi.

    RispondiElimina
  11. Anche io ne ho sentito parlare negli States...e i brividi mi hanno percorso la schiena.
    Io non sopporto tutti questi estremismi e concordo con te "Vive la difference" detto alla francese.

    RispondiElimina
  12. Finalmente riesco a trovare due minuti per commentare. Conoscevo la famiglia Duggar anche se da noi non credo sia ancora andato in onda il programma di cui parli. Non mi ero fatta troppe domande ma mi era parsa un pochino strana. Troppo ben vestiti, ben educati e le ragazze con le gonne lunghe... Però non immaginavo le cose che hai raccontato. Mi dispiace ma non approvo :-(
    Se in America le famiglie sono composte da tanti figli va benissimo. Immagino che alcune delle motivazioni siano quelle che hai dato tu. Però 19 sono davvero tantissimi e concordo con chi ha commentato che così la donna si riduce a essere un corpo con il solo scopo di sfornare figli e questo mi sembra ben lontano dal volere lasciare decidere a Dio quanti figli deve avere una coppia! Tra l'altro mi par di capire che loro sono una famiglia benestante e quindi possono mantenere questa squadra di figli, anche se isolati dal resto del mondo, quello vero. Se una famiglia povera decidesse di aver 19 figli? Come potrebbe mantenerli. Comunque io sono contro tutti i tipi di estremismo. Li trovo assurdi. Non dico che dobbiamo uniformarci. Il mondo è bellissimo perchè composto da Paesi, persone, territori, usanze, cibi diversi. Mi dispiace per questi ragazzi. Chissà se decideranno di seguire le regole di mamma o papà o un giorno abbandoneranno questo club per vivere nel mondo reale

    RispondiElimina
  13. Molto interessante!
    Il fondamentalismo è la causa dei guai degli esseri umani...
    Evviva la sana imperfezione...la libertà.
    Ciao e grazie per i tuoi post così istruttivi.
    Chiara

    RispondiElimina
  14. @Zion: avevo capito da altri commenti che i tuoi parenti di qui erano leggermente estremisti. Non sapevo fossero "born-again" o comunque così "radical-religiosi".
    PArlare, dialogare con queste persone non e' faticoso, e' impossibile, perche' non sono aperti a opinioni diverse. Non possono esserlo perché sarebbe contro gli insegnamenti del loro leader,( nel caso dei Duggar e dei Quiverfull, tal Gothard, un pazzo scalmanato che sarebbe da lobotomizzare, leggiti per "divertimento" quello in cui crede sul suo sito, qui http://billgothard.com/about/whatibelieve/ in altri casi ci sarà' qualche altra figura di santone dalle verità' indiscutibili) e perché la porta della mente ad opinioni discordanti genererebbe pensieri, se non dubbi, e pensare e' un'attività che crea probemi....
    E' vero, non sono cattivi di per se, sono solo dei pecoroni che seguono pastori fuori di zucca!!

    @CeciliaChristine: sono contenta che il post ti sia interessato... e' uno spaccato d'America non molto conosciuto nemmeno qui!

    @Titti: secondo me gli Amish sono molto più' coerenti di questi "born-again christians", perché' almeno gli Amish hanno rinunciato a (quasi) tutto ciò che e' contro la loro religione del mondo esterno. Per quel che riguarda la scuola casalinga, mi trovi d'accordo anche se, come ho scritto, ci sono situazioni in cui e' un'opzione utile... ma altrimenti ho visto spesso genitori mettere i figli di fronte al computer per fare lezione... altri genitori invece insegnano, o cercano... ma il confronto con ciò' che e' diverso e' minimo. Ti dirò che quando i miei figli vengono a casa e mi fanno domande su quello che hanno sentito in classe o da altri ragazzi, idee che magari non condivido, mi piace iniziare una discussione....
    Si' figli sempre ben educati fanno invidia... finche ' non ti accorgi che sono frutto di un intensissimo lavaggio del cervello che inizia prima della nascita... allora forse forse sono meglio i demonietti!!

    RispondiElimina
  15. @Marica: la differenza tra il corso prematrimoniale che si fa in Italia e lo stile di vita dei quiverfull, e' che noi del corso ce ne sbattiamo, solitamente. Anche qui negli US avevano fatto un'indagine tra le donne cattoliche e il 98% aveva ammesso di aver usato qualche metodo contraccettivo...
    Invece per questi gruppi di fondamentalisti religiosi americani, e ce ne sono tanti, i quiverfull sono solo una faccia delle centinaia, se la bibbia, o chi la interpreta, dice "no birth control", allora manco usano il controllo della temperatura basale!!
    Quella poi della sottomissione al marito, nemmeno mia mamma che si e' sposata nel '58 e' una regola che ha mai seguito!! Meglio così', pero'... La chiesa cattolica e' rimasta ancora a 200 anni fa" quando i suoi fedeli ascoltano le predice incorciando le dita, insomma e' segno che e' ora di cambiare qualcosa... o tanto...

    @Piccolalory: ciao e benvenuta! E' vero, l'America e' la terra degli eccessi, nel bene e nel male. Spesso non me ne accorgo nemmeno più...

    @Polideuce: hai centrato perfettamente quello che volevo sottolineare: facile essere bravi quando non puoi che essere bravo!!
    Alcune donne "scappano" da queste famiglie, sia madri che figlie, e ne parlano in diversi forum in giro per internet, e raccontano proprio di questa infinita stanchezza e stress... che capisco benissimo... Ho cercato di frenare il mio istinto che era quello di scrivere "ma che stronzate" ogni volta che descrivevo dei dettagli... per me e' un mondo allucinante, ma la parte che mi fa più' girare i cojones e' che questi Duggar in particolare vengono celebrati dai media come fossero un fenomeno da ammirare, da applaudire... blah!

    RispondiElimina
  16. @Koala: nei due anni che ho allattai la fagiolina, spesso ero seduta in poltrona ed era una trasmissione che guardavo, anche i re-runs, e mi veniva sempre una certa rabbia e invidia... par invece s'e' solo rabbia. Anche io sono in favore della differenza!

    @Pollon: hai toccato un altro punto dolente, perché' alcune delle donne che "escono" da questo culto raccontano proprio di una vita non dico di stenti, ma difficile, dove le veniva richiesto di fare, oltre da madre ai X figli, anche curare l'orto, preparare pane macinando il grano (per risparmiare), oltre che al resto delle faccende E alla fine della giornata, tenersi bene e disponibile ai desideri del marito... Io so per esperienza che quando non c'e' una certa stabilita' finanziaria, fare sesso e' l'ultimissima cosa a cui penso... ma forse sono solo io!
    Pensa che JimBob in un episodio ha detto, se abbiamo 20 figli e ognuno id loro avra' almeno 10 figli, avremo 200 nipoti... tutto felice!! E' proprio un'armata di pecore!

    @Chiara: prego, e concordo con te: evviva le imperfezioni!!

    RispondiElimina
  17. Non penso che tu sia l'unica che abbia voglia di trascorrere momenti di intimità con tuo marito solo quando ti senti bene. E intendo bene in ogni senso. Senza pensieri economici o di salute o quel che vuoi! Qui parliamo di medioevo. La donna che deve accudire i figli, fare il pane con il grano e rendersi disponibile al marito quando lui ha voglia di far sesso? Questa cosa mi mette proprio tristezza. Ancor più triste la frase del papà. I figli e i nipoti non sono numeri. Sono persone. Ognuna con caratteristiche diverse. E ognuna di loro ha diritti, doveri, sentimenti... Ma mi pare che chi fa parte di questa famiglia, e le altre di cui hai parlato tu, abbia pochi diritti!

    RispondiElimina
  18. fa sempre uno strano effetto leggere queste cose! Insomma...a volte io mi dimentico dell'esistenza di queste realtà fino a quando qualcuno non me le ricorda e me le spiega pure bene!
    che poi, comunque, viene proprio fuori una bella massa d'ignoranti da queste cose...

    RispondiElimina
  19. @Pollon: hai ragione. Una famiglia così appartiene al medioevo!

    @Serera: sono realtà così diverse dalle nostre che sembrano favole


    @Tutti: devo correggermi, perche' pensavo che "storie" di estremismo religioso fossero solo una preorgativa americana e invece... tra i vari giretti in rete, ho scoperto con estrema sorpresa (e esterrefazione) che esistono famiglie così' anche in Italia. Fatevi un giretto educativo, se volete, in questo blog:

    http://bimbifeliciacasa.blogspot.it/p/perche-fare-scuola-in-casa.html

    Sono un "male comune", purtroppo. L'indottrinamento "italian style" non differisce di molto da quello all'americana...

    RispondiElimina
  20. Mi scuso con l'anonimo che ha lasciato questo commento, perché l'ho inavvertitamente cancellato. E mi trova completamente d'accordo…
    "A me fa tantissima paura la nuora Anna, la trovo agghiacciante"
    Avra' meno di 25 anni, e da quando ha sposato il Duggar grande (2008) e' incinta o con un bebe' nuovo in braccio: per il momento sono 3 figli ed e' sicuramente incinta di un altro… Oh, questi si riproducono come conigliiiii!!

    RispondiElimina
  21. ho letto con molto interesse quanto hai scritto perchè anche io ne ero affascinata, ma ho sempre capito fin dall'inizio che sono una "specie" di setta. Per convincere degli adolescenti ad essere così perfetti e felici, fare i lavori di casa, e occuparsi di bambini piccoli devi per forza far loro il lavaggio del cervello non ce n'è. Il tuo articolo mi ha chiarito di che "religione" sono.. ho spaziato nei vari siti che indichi e sono rimasta basita!! non pensavo si potesse fare anche in italia! Cmq la nuora Anna fa molta paura davvero!! E' "solo" al terzo!! tutti con la m stavolta!! ma Ragionano???

    RispondiElimina
  22. La scuola a casa è una cosa che mi fa davvero venire i brividi!!! Non c'è confronto di idee tra i giovani

    RispondiElimina
  23. Sono a casa infortunata e sto vedendo tanta tanta più tv del solito. Oggi sono capitata su Real Time e ho visto un programma '21 sotto il tetto'. Non ho capito di cosa si trattava, ovvero se il fenomeno 19 figli era il motivo del programma o se c'era altro. Poi sono stata colpita da alcuni particolari, l'abbigliamento, il comportamento dei figli e l'organizzazione della casa, Così ho iniziato a cercare in internet e ho trovato il tuo blog che mi ha mostrato uno spaccato di mondo che non conoscevo. Ho visitato i link, visto i video di Anna e marito e più mi addentravo e più rimanevo allibita e spaventata. Il training bambino sulla coperta mi ha colpito, ho seguito dei corsi per addestrare dei cani per la pet therapy e neppure per gli animali si usa questo sistema. Credo nella libertà religiosa che deve permettere anche la libertà di ricevere stimoli per crescere liberi di scegliere. Grazie Moki. Una domanda DA CURIOSA: si può stimare quanti nel mondo?

    RispondiElimina
  24. Vabbe', da quando ho scritto questo post, i Duggar sono cresciuti, 2 figlie si sono sposate, già aspettano… insomma, continuano a procreare e io aspetto con ansia che uno dei figli/nipoti si dichiari gay (se non l'avevo già menzionato, sono assolutamente contro i gay e il loro "stile di vita"…) Ma scherzi a parte, rispondendo agli ultimi 2 commenti, il figlio grande Josh, quello che ha iniziato la saga dei figli con la "M" (hey, lo sapevate? La moglie e' già incinta del quarto!!) e' il direttore esecutivo di Family Research Council, un'organizzazione, anzi una lobby cristiana che sostiene le cause iper-conservative, in pratica contro l'aborto e contro i matrimoni gay…
    Per rispondere a quanti sono, TROPPI! Quiverfull dichiarati ce ne saranno diverse decine di migliaia, ma molti, come i Duggar, pur non avendo apertamente dichiarato di esserlo, lo sono di fatto.
    :(

    RispondiElimina
  25. Grazie, per le info. gabri l'infortunata dal lago di Como

    RispondiElimina
  26. VIENE DA CHIEDERSI COSA ACCADRA' QUANDO QUEL PAZZO DEL PADRE JIM BOB MORIRA', NONOSTANTE LE DUE FIGLIE SI SIANO SPOSATE EGLI NON SOLO CONTINUA A DIRIGERE LE LORO VITE , MA DIRIGE ANCHE LE VITE DEI GENERI CHE LASCIATEMELO DIRE SONO DELLE FIGURE TRISTISSIME PRIVE COMPLETAMENTE DI PERSONALITA' E TOTALMENTE APPIATTITI AI DETTAMI DEL SUOCERO SU COSA FARE, COME FARLO, E PERCHE' FARLO...DI FATTO LUI HA SCELTO I MARITI DELLE FIGLIE SU INTERNET LI HA FATTI INCONTRARE E DOPO POCHISSIMO SPOSARE PER FARLI A LORO VOLTA INIZIARE A FARE FIGLI....DI FATTO QUESTI RAGAZZI NON VIVONO UNA VITA PROPRIA FATTA ANCHE DI SALUTARI ERRORI E SCELTE SBAGLIATE CHE FANNO DI UN INDIVIDUO UNA PERSONA IN GRADO DI AFFRONTARE LA VITA PER QUELLA CHE E', GIOIE, DOLORI, FELICITA' DIFFICOLTA', PAURE, CORAGGIO, PIANTI E SORRISI, IL BENE IL MALE, MA VIVONO IN UNA SORTA DI BOLLA DOVE IL PADRE DECIDE TUTTO ORGANIZZA TUTTO E DI FATTO DETIENE LA PROPRIETA' DELLE VITE DEI FIGLI E ORA PURE DELLE FAMIGLIE DEI FIGLI, DI TUTTO CIO' NON DIMENTICHIAMO MAI CHE JIM BOB NE HA FATTO UN BUISSNES FATTO DI REALITY SHOW, MA ANCHE DI CONFERENZE , LIBRI, SERVIZI SUI MAGAZINE E DI TUTTO CIO' LUI NE DETIENE I PROFITTI CHE SONO DAVVERO TANTI, ECCO! COSA ACCADRA' QUANDO LUI VERRA' MENO ? CHI DELLA FAMIGLIA SI ARROGHERA' IL DIRITTO DI PRENDERNE L' EREDITA'?, MA SOPRATUTTO, E' PENSABILE CHE QUALCUNO ACCETTI DI SOTTOSTARE ALLA VOLONTA' E AI DETTAMI DI UN FRATELLO?( IMMAGINO CHE POSSA ESSERE IL MAGGIORE), PERCHE' SE GIA' APPARE FOLLE POTERLO FARE NEI CONFRONTI DI UN GENITORE CREDO CHE SIA DEL TUTTO INIMMAGINABILE POTERLO FARE NEI CONFRONTI DI UN FRATELLO... IMMAGINO CHE DA TUTTA QUESTA VICENDA NON NE SCATURIRA' NULLA DI BUONO...

    RispondiElimina
  27. VIENE DA CHIEDERSI COSA ACCADRA' QUANDO QUEL PAZZO DEL PADRE JIM BOB MORIRA', NONOSTANTE LE DUE FIGLIE SI SIANO SPOSATE EGLI NON SOLO CONTINUA A DIRIGERE LE LORO VITE , MA DIRIGE ANCHE LE VITE DEI GENERI CHE LASCIATEMELO DIRE SONO DELLE FIGURE TRISTISSIME PRIVE COMPLETAMENTE DI PERSONALITA' E TOTALMENTE APPIATTITI AI DETTAMI DEL SUOCERO SU COSA FARE, COME FARLO, E PERCHE' FARLO...DI FATTO LUI HA SCELTO I MARITI DELLE FIGLIE SU INTERNET LI HA FATTI INCONTRARE E DOPO POCHISSIMO SPOSARE PER FARLI A LORO VOLTA INIZIARE A FARE FIGLI....DI FATTO QUESTI RAGAZZI NON VIVONO UNA VITA PROPRIA FATTA ANCHE DI SALUTARI ERRORI E SCELTE SBAGLIATE CHE FANNO DI UN INDIVIDUO UNA PERSONA IN GRADO DI AFFRONTARE LA VITA PER QUELLA CHE E', GIOIE, DOLORI, FELICITA' DIFFICOLTA', PAURE, CORAGGIO, PIANTI E SORRISI, IL BENE IL MALE, MA VIVONO IN UNA SORTA DI BOLLA DOVE IL PADRE DECIDE TUTTO ORGANIZZA TUTTO E DI FATTO DETIENE LA PROPRIETA' DELLE VITE DEI FIGLI E ORA PURE DELLE FAMIGLIE DEI FIGLI, DI TUTTO CIO' NON DIMENTICHIAMO MAI CHE JIM BOB NE HA FATTO UN BUISSNES FATTO DI REALITY SHOW, MA ANCHE DI CONFERENZE , LIBRI, SERVIZI SUI MAGAZINE E DI TUTTO CIO' LUI NE DETIENE I PROFITTI CHE SONO DAVVERO TANTI, ECCO! COSA ACCADRA' QUANDO LUI VERRA' MENO ? CHI DELLA FAMIGLIA SI ARROGHERA' IL DIRITTO DI PRENDERNE L' EREDITA'?, MA SOPRATUTTO, E' PENSABILE CHE QUALCUNO ACCETTI DI SOTTOSTARE ALLA VOLONTA' E AI DETTAMI DI UN FRATELLO?( IMMAGINO CHE POSSA ESSERE IL MAGGIORE), PERCHE' SE GIA' APPARE FOLLE POTERLO FARE NEI CONFRONTI DI UN GENITORE CREDO CHE SIA DEL TUTTO INIMMAGINABILE POTERLO FARE NEI CONFRONTI DI UN FRATELLO... IMMAGINO CHE DA TUTTA QUESTA VICENDA NON NE SCATURIRA' NULLA DI BUONO...

    RispondiElimina
  28. Ci sono alcune cose che condivido ed altre no. Il fatto che i Duggar siano abbastanza estremisti non viene messo in dubbio... Ma credo che il giusto punto di vista stia nel mezzo. Ad esempio: questione dell'insegnamento casalingo. Ora ,il fatto è questo,in America ma come anche in Italia se di fatto la propria religione poggia su basi bibliche e di fatto la Bibbia in Genesi senza troppi rigiri di parole sostiene sia stato Dio per mezzo dI suo figlio a creare sia la terra che la prima coppia ,non c'è da rimanere esterrefatti se la famiglia Duggar religiosa ,praticamente ma soprattutto credente tenda a dare quella versione delle cose. La cosa forse che non condivido è quella di non dare poi ai figli anche il resto delle versioni e permettere loro di scegliere in quale credere in base al loro libero arbitrio. Di sicuro un genitore ,come tutti i genitori al mondo ,da la propria versione delle cose pensando che sia la cosa migliore e che più possa proteggere un figlio. Il fatto è che poi il figlio non è un nostro clone quindi inevitabilmente e giustamente prenderà la sua decisione Ed anche se per un genitore questo può rivelarsi doloroso deve accettare che questo è un diritto che Dio per primo da ad ognuno di noi. Non credo che siano dei folli completi che sfornano figli a più non posso per essere una grande armata benedetta. Credo che in alcune cose agiscano in modo rispettabile e condivisibile come quello di insegnare ai figli cosa significhi il rispetto e l'amore l'uno per l'altra e cercare di mantenere la famiglia in un clima di pace ed unità. Non voglio vederci il marcio a tutti i costi... vedo semplicemente una mancanza di equilibrio,un'esagerazione laddove forse non sarebbe necessaria.

    RispondiElimina
  29. SONO A CASA IN MATERNITA' E HO VISTO DI RECENTE UN EPISODIO DI 21 SOTTO UN TETTO IN CUI SI CELEBRAVA IL MATRIMONIO DELLA PRIMA FIGLIA. POI CURIOSANDO SU INTERNET VEDO CHE E' GIA' INCINTA, POI PRESENZIA COL PANCIONE AL MATRIMONIO DELLA SECONDA SORELLA, CHE DOPO POCO RESTA INCINTA PURE LEI, E TUTTO QUESTO SPOSANDOSI, NON SOLO VERGINE, MA SENZA AVER DATO MAI UN BACIO AL MARITO PRIMA DELLA FINE DELLA CERIMONIA... IL TUTTO PER ME CHE SONO POCO PRATICANTE, MA MOLTO PRATICA, MI SEMBRA A DIR POCO AGGHIACCIANTE. LA COGNATA, INCINTA ORMAI DEL QUARTO FIGLIO, VEDENDO IL BACIO DEGLI SPOSINI DICE CHE DEVONO FAR PRATICA, MA CHE SONO SULLA BUONA STRADA PER IMPARARE COME SI DEVE, E CHE CON LA PRATICA SI FANNO I BAMBINI. OVVIAMENTE CON UNA AMMICCATINA... SEMBRA QUASI CHE IL SESSO, DI CUI NON SI FA MAI UN ACCENNO, NON ESISTA...NON SARA' CHE INTERVIENE LO SPIRITO SANTO ANCHE IN QUESTI CASI???? SE POI GUARDIAMO IL COMPORTAMENTO COSì PERBENE DEI FIGLI, SI RESTA UN PO' PERPLESSI. IO NE HO UNO DI 7 ANNI E UNO DI 6 MESI CHE A VOLTE MI FANNO RIBOLLIRE IL SANGUE, MA L'IDEA DI METTERLI SU UNA COPERTA O IN UNO SPAZIO BEN DEFINITO PER FARLI ABITUARE ALLA DISCIPLINA E ALL'OBBEDIENZA MI SEMBRA UNA PRIVAZIONE PER I MIEI FIGLI.

    RispondiElimina
  30. dio son morta dal ridere.scrivi troppo bene. appena mi riprendo scrivo un commento serio

    RispondiElimina
  31. Sono finita con l'aprire questo link perchè cercavo proprio delle informazioni sull'argomento >>scuola.
    Pensavo di aver capito male...e invece...studiano a casa....e un'idea sul perché è TALMENTE OVVIA..
    Ma prima fammi dire che non ho idea di cosa apprendano questi ragazzi.Non credo che i genitori possano sostituirsi alle figure professionali di maestre e professori qualificati...non credo abbiano la soluzione a tutte le domande/(figuriamoci nemmeno i professori le hanno).
    Oltre alla competenza in merito di michelle e jim bob, nutro ,forte il dubbio che abbiano conseguito il diploma..
    Ricordo che mamma Duggar presentava la situazione con la solita aria di serena leggerezza sbarazzina dicendo: "i nostri figli studiano a casa ,e io dico loro che ogni volta che qualcuno impara qualcosa deve insegnarla agli altri"-,e così chissà che diamine apprendano.(tra l'altro non è consentito loro di guardare la tv e navigare in internet,
    Spero che almeno facciano eccezioni per la curiosità e l'apprendimento...anche se consultare wikipedia è ben lontano da avere un piano di studi)
    Dopo aver scoperto con orrore che non frequentano le scuole,al plurale perchè ne i piccoli vanno alle elementari..ne quelli grandi scelgono il ginnasio quindi è negata loro l'istruzione di base,non hanno contatti coi loro coetanei e quindi non stringendo legami d'amicizia la loro vita ruota unicamente attorno alla stretta routine di stampo patriarcale e rigidi dettami religiosi della famiglia.
    Quei poveri figli vivono completamente schiacciati da questo clima ,dove il controllo sui figli viene esercitato con la scusa dell'amore e lo stare insieme,l'amore e la fede ma che in reltà porta all'isolamento e nasconde la paura che i figli studiando in una scuola pubblica inizino ad assumere atteggiamenti anticonformisti o che non sia mai ,sviluppino, confrontandosi con gli altri ,una loro personalità o delle idee personali magari in contrasto con quelle dei genitori.io trovo strano che nESSUNO DI LORO ha mai preso una piccola iniziativa personale senza prima il consulto di mamma e papà o una cazzo di riunione generale.
    Senza esperienze ne negative ne positive.l'unica cosa che conoscono è "questo è bene" e " questo è male" perché lo sentono dire dai genitori..
    Ed ecco perché lo studio e la cultura non sembra essere una priorità.. In casa Duggar .
    E da qui il detto "beata ignoranza":dispensatrice di pace e tranquillità per i loro esemplari genitori.
    Ed ecco perchè tutti i Duggar sono simili come usciti dalla scatola dei cornflakes(scaduta ,degli anni '50)..sono inquietanti,pensano tutti uguale..vestono anche uguali,fanno le stesse cose.pARLANO DELLE STESSE COSE E CREDONO NELLE STESSE COSE,.non hanno conosciuto nulla del mondo, nonostante vantino di aver visitato mille posti e paesi ,ma chiusi in fin dei conti tra le pareti invisibili di una famiglia chiusa in se stessa…
    Che spreco di gioventù.
    Concludendo:
    Le figlie fan comodo così :ignoranti,dopo tutto sono state INDOTTRINAte all'idea di essere nate per essere mogli servizievoli e madri.
    nessuna di loro progetta il college ,chiaro,così jim bob non dovrà passare notti insonni sullo scandalo che provocherebbe una figlia rimasta incinta il primo trismestre,perchè di sesso non ha mai sentito parlare.
    E I RAGAZZI invece?
    Ok uno ce l'ha fatta..è riuscito a sposare una donna che potrebbe essere una delle sue sorelle..
    Qualcuno si domanda come faranno a procurarsi delle mogli?(hanno però il vantaggio della notorietà…altrimenti continurebbero a vivere tutti e 21 sotto un tetto.."and decreasing"..ma solo perché chi se ne va lo fa solo in una cassa di legno..

    RispondiElimina
  32. Sono finita con l'aprire questo link perchè cercavo proprio delle informazioni sull'argomento >>scuola.
    Pensavo di aver capito male...e invece...studiano a casa....e un'idea sul perché è TALMENTE OVVIA..
    Ma prima fammi dire che non ho idea di cosa apprendano questi ragazzi.Non credo che i genitori possano sostituirsi alle figure professionali di maestre e professori qualificati...non credo abbiano la soluzione a tutte le domande/(figuriamoci nemmeno i professori le hanno).
    Oltre alla competenza in merito di michelle e jim bob, nutro ,forte il dubbio che abbiano conseguito il diploma..
    Ricordo che mamma Duggar presentava la situazione con la solita aria di serena leggerezza sbarazzina dicendo: "i nostri figli studiano a casa ,e io dico loro che ogni volta che qualcuno impara qualcosa deve insegnarla agli altri"-,e così chissà che diamine apprendano.(tra l'altro non è consentito loro di guardare la tv e navigare in internet,
    Spero che almeno facciano eccezioni per la curiosità e l'apprendimento...anche se consultare wikipedia è ben lontano da avere un piano di studi)
    Dopo aver scoperto con orrore che non frequentano le scuole,al plurale perchè ne i piccoli vanno alle elementari..ne quelli grandi scelgono il ginnasio quindi è negata loro l'istruzione di base,non hanno contatti coi loro coetanei e quindi non stringendo legami d'amicizia la loro vita ruota unicamente attorno alla stretta routine di stampo patriarcale e rigidi dettami religiosi della famiglia.
    Quei poveri figli vivono completamente schiacciati da questo clima ,dove il controllo sui figli viene esercitato con la scusa dell'amore e lo stare insieme,l'amore e la fede ma che in reltà porta all'isolamento e nasconde la paura che i figli studiando in una scuola pubblica inizino ad assumere atteggiamenti anticonformisti o che non sia mai ,sviluppino, confrontandosi con gli altri ,una loro personalità o delle idee personali magari in contrasto con quelle dei genitori.io trovo strano che nESSUNO DI LORO ha mai preso una piccola iniziativa personale senza prima il consulto di mamma e papà o una cazzo di riunione generale.
    Senza esperienze ne negative ne positive.l'unica cosa che conoscono è "questo è bene" e " questo è male" perché lo sentono dire dai genitori..
    Ed ecco perché lo studio e la cultura non sembra essere una priorità.. In casa Duggar .
    E da qui il detto "beata ignoranza":dispensatrice di pace e tranquillità per i loro esemplari genitori.
    Ed ecco perchè tutti i Duggar sono simili come usciti dalla scatola dei cornflakes(scaduta ,degli anni '50)..sono inquietanti,pensano tutti uguale..vestono anche uguali,fanno le stesse cose.pARLANO DELLE STESSE COSE E CREDONO NELLE STESSE COSE,.non hanno conosciuto nulla del mondo, nonostante vantino di aver visitato mille posti e paesi ,ma chiusi in fin dei conti tra le pareti invisibili di una famiglia chiusa in se stessa…
    Che spreco di gioventù.
    Concludendo:
    Le figlie fan comodo così :ignoranti,dopo tutto sono state INDOTTRINAte all'idea di essere nate per essere mogli servizievoli e madri.
    nessuna di loro progetta il college ,chiaro,così jim bob non dovrà passare notti insonni sullo scandalo che provocherebbe una figlia rimasta incinta il primo trismestre,perchè di sesso non ha mai sentito parlare.
    E I RAGAZZI invece?
    Ok uno ce l'ha fatta..è riuscito a sposare una donna che potrebbe essere una delle sue sorelle..
    Qualcuno si domanda come faranno a procurarsi delle mogli?(hanno però il vantaggio della notorietà…altrimenti continurebbero a vivere tutti e 21 sotto un tetto.."and decreasing"..ma solo perché chi se ne va lo fa solo in una cassa di legno.

    RispondiElimina
  33. ragazzi, posso dire una cosa? sono certa che verrò molto criticata per quello che dirò..ma è il mio pensiero e mi piacerebbe che fosse rispettato.
    io invece stimo la famiglia dugger..perchè tutelano i loro figli!! io ne ho tre, e a volte penso che la scuola, la tv, e a volte la radio non tutelino per niente i ragazzi, anzi...violenza, parolacce e comportamenti socialmente sbagliati vengono proposti ovunque ad ogni ora della giornata ( e non sono una di quelle mamma che posteggia i bambini davanti la tv) , quindi ben venga chi protegge e pensa alla serenità dei bambini/ragazzi! a volte il mondo è così brutto e selvaggio.

    RispondiElimina
  34. Il reality è stato sospeso perché il primogenito, abusò sessualmente delle sorelle e di alcune amiche quando era adolescente e il tutto coperto dai genitori!

    RispondiElimina
  35. È ironico che il commento prima del mio manifesti stima per i Duggar perchè proteggono i figli ora che Josh ha ammesso di aver ripetutamente molestato le sorelline dodici anni fa. Jim Bob e Michelle hanno insabbiato la cosa, la più piccola aveva 4/5 anni. Bella protezione!
    È vero, il mondo a volte è brutto e selvaggio, specie quando è circoscritto alle mura domestiche, senza contatti con la realtà esterna.
    Elisa

    RispondiElimina
  36. Stavo curiosando in rete perchè mi era saltato all'occhio un link in cui si diceva delle molestie di Josh sulle sorelle e poi mi sono fermata a leggere il tuo intervento! Ho guardato "21 sotto un tetto" un paio di volte e mai per intero, ho beccato dei momenti Family in cui leggevano la Bibbia in salotto e non solo l'avevo reputata una bella cosa ma mi ero ripromessa di farlo una volta avuti figli. Non avevo idea di cosa si celasse dietro a quella semplice pratica religiosa. Qualche domanda me l'ero posta su quella famiglia numerosissima tipo "ma i libri per la scuola come possono permetterseli?" o "ma come fanno a mantenerli tutti?" ma per scarso interesse non mi sono mai documentata su di loro. Ora ho letto e ho i brividi che assomigliano a convulsioni. Ho una zia che ha 8 figli, fa parte dei neocatecumenali e sono molto credenti anche i pargoli .. ma sono lontanissimi da questo tipo di vita! I figli sì, sono ben educati e aiutano in casa, ma sono umani! Escono, possono ascoltare la musica che vogliono, possono studiare quello che vogliono, guardano la tv, possono leggere quello che vogliono e soprattutto possono confrontarsi con chi vogliono... insomma non sono dei robot plasmati sulle idee dei genitori (laureati al massimo dei voti entrambi e non in corsi di teologia xD!). Io stessa sono credente, figlia di credenti, cattolica praticante, catechista e attiva nella diocesi, ma mai mi sognerei di tarpare i miei figli in quel modo (o i bambini che seguo in parrocchia)...i figli sono doni del Signore, con la loro unicità e non dei cloni... è questo che insegna la Bibbia (Mi domando cosa leggano a questo punto). Quello che vorrei dire è che i veri credenti capiscono che la Bibbia è una traccia che da il Signore, per le nostre vite in continuo aggiornamento. I cristiani, quelli veri, conoscono "il libero arbitrio", a differenza di questi poveri ragazzi.
    Mi dispiace, Giulia, ma questo non è tutelarli è isolarli. E' vero che la tv è una fucina di schifezze ma talvolta, lasciarceli davanti un'oretta, non è necessariamente un danno per loro. Sei i figli imparano la violenza non è colpa (solo) della televisione, ma dell'ambiente casalingo. E' come quando ti crei gli anticorpi... bisogna sottoporre il corpo agli allergeni per potersi difendere, non è assolutamente vero che per tenerli al sicuro bisogna tenerli dentro una bolla di vetro anestetizzata. Io sono nata in campagna, ho fatto solo i vaccini obbligatori e non ho nemmeno il richiamo dell'antitetanica, mia madre non è mai andata in crisi quando mi rotolavo nella terra o giocavo con un verme o con le lucertole...risultato? Non ho allergie di nessun tipo e la febbre mi viene si e no una volta ogni due o tre anni, mai avuto varicella e morbillo, sono andata in Africa completamente scoperta... insomma sono più sana dei miei vicini di casa. Questo metodo vale anche per la formazione del carattere, bisogna fargli vedere cos'è la violenza per fargli capire che è una cosa brutta. Poi io non sono una mamma ancora, non so come potrei essere in futuro con dei figli, ma so a quale esempio guardare.
    PS:- e i miei figli, per essere considerati tali, dovranno necessariamente aver letto Harry Potter! xD

    RispondiElimina
  37. ciao! stavo cercando informazioni sulla famiglia duggar, e sono capitata nel tuo blog. hai scritto cose molto interessanti, di cui alcune non le sapevo, tra cui quelle dei jeans per i ragazzi, c'è sono pur sempre pantaloni, se vedessero i jeans di certi con gli strappi cosa dovrebbero dire?! xD io le considero brave persone, perchè vivere così in tanti a volte non è facile, credono fermamente in dio e ciò è meglio di tante altre cose.
    se io andassi a casa loro mi prenderebbero x pazza, anche se sono più tranquilla di altre ragazze, non fumo, non bevo. ma avrebbero da ridire, non penso per il mio vestire, anche se come farai tu, d'estate a differenza loro mi metto i pantaloncini e una canottiera senza scolli vertiginosi ecc..., ma su quel che leggo dai libri ai manga (vorrei vedere cosa direbbero su detective conan ahah XD morti in ogni capitolo!), la mia musica tipo dal pop al rock... e altre cose che non posso dire... e odio le gonne!
    forse da una parte hai ragione, sono talmente inculcati in quella bolla, che forse oltre ai figli, non hanno voglia di fare qualcosa che vada oltre a quello, oltre all'aiuto , sì è bello ma non riescono a coltivare qualcosa di loro....

    RispondiElimina
  38. sapete la novità? Il fratello più grsnde Josh ha dichiarato di aver abusato di alcune sue sorelle, toccandole durante la notte. Cari genitori Duggar, tenendo i propri figli imprigionati a quanto avete visto non ne esce un buon risultato.

    RispondiElimina

Ogni commento e' benvenuto, quando contribuisce alla conversazione!