martedì 4 novembre 2014

Omofobia? No, grazie. (E no, Halloween non e' la festa di satana…)

Oggi e' il giorno delle lezioni, ma io ho votato due settimane fa, visto che in Arizona, e diversi altri stati, e' possibile farlo via posta in anticipo, o persino di persona, come Obama che ha votato nel suo seggio in Illinois il 20 ottobre.
Pragmatici o pigri? Non importa, la mia speranza e' che con queste votazioni cambi qualcosa al congresso, e siccome non abbiamo più CNN, che Dish Network ha litigato con Turner, che e' il provider appunto di CNN per chi ha il satellite, ho difficoltà ad avere notizie live dei risultati elettorali

La lettera contenente la scheda elettorale, il ballot
La scheda compilata


Il mio voto, e quello di mio marito, pronti a partire...

Quando vivevo in Italia, non esisteva niente di simile: il "libro" con descritti tutti i candidati, distretto per distretto,  e la descrizione di tutti i vari referendum, locali o statali. Molto utile!

Anyway, giovedi' scorso sono poi andata a pranzo con L., la mia (ex) amica, moglie del razzista, protagonista di questo post, dopo più di un mese di tira e molla, che hanno dimostrato ulteriormente la relazione tossica di sottomissione che ha con il marito: le dicevo "Facciamo domani? O dopodomani?" E lei sempre, no, non posso fare questa settimana perché devo preparagli il pranzo prima che va al lavoro, la prossima devo aspettare che rientri dal turno di notte per metterlo a letto… insomma, cazzo, tu hai 45 anni, lui ne ha 47, siete sposati da 10 anni, e' possibile che non sia in grado di farsi un panino o riscaldarsi una minestra,  togliersi la divisa, farsi una camomilla e rimboccarsi le coperta da solo? Ovviamente quando l'ho raccontato a mio marito, lui mi ha detto che e' un bel gesto da parte di una moglie, sottintendendo forse che io non li faccio… più (gli ho grugnito un vaffanculo senza problemi), ma io, se ci fosse di mezzo un'amicizia cui evidentemente tengo (e visto che e' stata lei a ricontattarmi, pensavo che lo fosse) e avessi voglia di trovarmi con questa persona, per una volta farei un'eccezione, o no?

Vabbe', scelgo il "ristorante", Chipotle, il cui menu e' provvidenziale per i vegani, e ci troviamo li' fuori alle 12 (io avevo proposto alle 11:30, perché alle 12 arrivano tutti i militari della base ed e' un casino, ma ovviamente mi aveva detto "Devo mettere R. a letto", manco avesse 3 anni…). Le offro il pranzo e di sediamo.

La mia testa era piena di pensieri, anche dei vostri suggerimenti, dei vostri commenti… chi diceva yea e chi diceva nay, vale la pena o no, e' giusto o meno… sinceramente io volevo davvero cercare di rammendare questa relazione, rattoppare questo strappo nel tessuto della nostra amicizia, che diversamente da altre mie relazioni con parenti/amici, terminate perché la fiducia su cui si basa normalmente un rapport era stata rovinata,  era invece stato causato da un disaccordo tra le mie convinzioni e quelle del marito. Certo anche questa e' una motivazione importante, ma volevo dare il beneficio del dubbio ad una persona che francamente non mi aveva fatto del male direttamente, presumevo solo per interposta persona che fosse un'ignorante razzista, ma non ne avevo conferma diretta.

Chi mi conosce sa che sono una che parla, sempre e tanto (con qualche eccezione ovviamente) e di tutto, quindi non ho avuto nessun problema ad iniziare una conversazione neutra su figli, vacanze, Legoland, ottovolanti, scuola, cibo… e durante il pranzo, che e' durato un bel 45 minuti, l'atmosfera tra noi sembrava distesa, quasi normale, così ho suggerito di andare a farci una tazza di te' da Starbucks, che qui da noi si trova all'interno dei 2 supermercati e di Target, anche per continuare a chiacchierare. Ma forse inconsciamente mi aspettavo che qualcosa sarebbe successo.

Questa volta e' lei ad offrirmi il te', ci sediamo un'altra volta… lei mi guarda e dice che le dispiace tanto per quello che e' successo con il marito, mi dice che e' impossibile avere una discussione con lui, che lui non sente ragione… io annuisco perché ha proprio ragione, poi mi dice che lei, ogni volta che lui comincia a parlare di politica, si chiude le orecchie tant'è che, quando le avevo detto nel mio email di come mi ero sentita offesa dalle parole razziste del marito, lei non se le ricorda perché non le aveva sentite. Non aveva sentito niente.
Urca, davvero? Ho pensato subito: o ha un dono incredibile di auto-isolamento di cui mi deve spiegare il segreto, oppure sento odore di bullshit, di stronzate perché se e' vero che capita anche a me, più spesso di quanto vorrei, di dimenticarmi di informazioni che mio marito mi butta addosso, specialmente se me le dice mentre sono presa e sto facendo qualcos'altro, se c'e' una discussione in atto, ed io sono seduta allo stesso tavolo, mi e' assolutamente impossibile non ascoltare quello che viene detto. Opure se proprio non voglio ascoltare, devo alzarmi ed andarmene.
Abbozzo un sorrisetto e le confermo che certo, suo marito e' molto testardo, ma che comunque pur rispettando in generale opinioni politiche diverse, non le rispetto quando diventa una scusa per glorificare razzismo e omofobia.

Vi giuro che non avevo nessuna intenzione di provocare o di ricominciare niente, volevo solo godermi un bicchiere di te' verde freddo alla pesca in pace con un'amica, ma lei mi dice:

"If we allow gays to get married, who can prevent people from marrying their dogs? Or their cats? Just look at the per store, look at the clothes people buy for their pets..." 
(Se consentiamo ai gay di sposarsi, chi puo fermare la gente che vuole sposarsi col suo cane? O gatto? Va a vedere nei negozi per animali, vai a vedere i vestiti che la gente compra per i propri animali domestici….)

Fate un momento di pausa, così da assorbire, come ho dovuto fare io, l'immensità iperbolica della mancanza di buon senso nascosta dietro queste parole. La profonda idiozia di tale "ragionamento"...

Vabbe', io comunque sono scema, avrei dovuto ancora una volta, guardare l'orologio, alzarmi e dire "OMYGOD e' tardi, devo andare a farmi pulire i canali auricolari perché continuo a sentire cose che non vorrei.." ed andarmene.
E invece non l'ho fatto e ho cercato invece di "ragionare" con un'idiota che, ora ne sono convinta, passa la giornata ad ascoltare gli idioti che conducono le trasmissioni e i notiziari di FOX News Channel (canale di notizie che funge da megafono per i Republicans e la destra conservatrice americana, in mano ovviamente alla cariatide internazionalmente conosciuta come Rupert Murdoch)…

Non ho potuto esimermi dal darle una piccola lezione di come usare quel poco di cervello che siamo capaci di utilizzare:
"Ok, anzitutto, la gente che spende montagne di soldi per comprare un tutù da $50 per Fifi' o il tapis-roulant fatto apposta per cani per Fido, lo fa' perché questi animali rappresentano o sostituiscono molto probabilmente dei figli che magari non hanno avuto o che sono cresciuti, certamente non perché li considerano dei trombamici a quattro zampe e debbano ricordarsi del loro anniversario! Comunque se questo e' un tuo timore vero, per rassicurare chi come te pensa che innamorarsi di una persona equivalga all'affetto che uno prova per il proprio pesce rosso, mettiamo nella legge una clausola: matrimonio tra persone dello stesso sesso OK, purché della stessa specie.  Andrebbe meglio così?"

"Well, they can call it a marriage, but it's not a real marriage anyway…" (Lo possono chiamare matrimonio, ma non e' un vero matrimonio comunque…)

"Vabbe' allora, stiamo facendo elucubrazioni semantiche: tu chiamalo quello che vuoi, chiamalo sedia o tavolo o "Homarriage"… in generale si usa la parola matrimonio perché tutti sanno di cosa si tratta, cioè la certificazione dell'intenzione e dell'impegno di voler passare la vita insieme alla persona che ami, chissenefrega del nome alla fine, no? purché questa unione sia ufficializzata e riconosciuta dalla legge, dal governo, purché vengano riconosciuti alle due persone che ne fanno parte gli stessi diritti di due persone di sesso diverso unite in matrimonio, come ad esempio il diritto alla pensione del proprio sposo/a, il diritto di visitarsi in ospedale, e il diritto (e qui sono stata cattiva, ma pure i buoni si rompono i coglioni, e io proprio buona non sono) di avere figli e crescere una famiglia, se così vogliono."

Silenzio.

Il mio te' a quel punto era pure pure finito.

"Ma guarda un po' che ora si e' fatta… ora devo proprio andare a fare un paio di spesucce… Ci sentiamo più avanti? Ti chiamo quando vado a correre al parco…." (Mica ho mentito perche' secondo voi, quand'e' che vado a correre al parco? wink link…)

Cosi' e' finita un'amicizia. Magari ci troveremo anche da qualche parte, ma il mio tempo e' molto limitato e la mia pazienza molto sottile, quando si tratta avere a che fare con ignoranti. E forse sono ignorante anche io perché davvero, certe idee non le tollero.

Ma a parte il discorso che riguarda l'impossibilita' di coltivare e mantenere un'amicizia degna di tal nome con una persona che ha idee sociali che sono diametralmente opposte alle mie, volevo sottolineare l'importanza per tutti di vagliare le fonti delle informazioni che si ricevono, specialmente negli ultimi anni, dove grazie a mezzi di comunicazione sociale come Facebook, Twitter, etc. veniamo bombardati da un numero fantasmagorico di cagate informazioni che vengono disseminate con lo scopo di impaurirci, di farci rimanere, proprio come i Croods, dentro alla nostra caverna, circondati dal falso senso di sicurezza che in realtà non fa' altro che impedirci di aprire la mente e il cuore, come ad esempio essere convinti che consentire anche alle persone gay di sposarsi rovini l'istituzione del matrimonio (come se già non fosse messa in ridicolo dal numero di divorzi), e che apra le porte alla possibilità che si possano sposare cani e gatti… ma SUL SERIO, tra di loro….

Questo fear-mongering, l'atto di suscitare deliberatamente nella gente paure e allarmi su un "problema" particolare, e' una tecnica che viene usata quotidianamente dalle varie religioni… e quale esempio più a proposito di Halloween e del terrore che in Italia vi e' stato trasmesso da personaggi ecclesiastici di poca intelligenza e ragione?
Ho visto che parroci, esorcisti (si' perche se c'e' qualcuno che proprio ispira fiducia e' uno che per lavoro caccia i demoni, eh?), monache e catechisti… tutte questa autorità della fede cattolica hanno deciso di spaventare i fedeli, o almeno quelli che hanno perso la capacita', o magari non l'hanno mai avuta, di usare il proprio cervello e fare domande di fronte a ciò che non capiscono e ragionare autonomamente, e garantirgli una visita di Satana nel caso avessero messo una zucchetta sul pianerottolo o dato una caramella ad un bambino che la chiedeva la notte del 31 ottobre.
Ormai non uso Facebook molto, se non con la pagina di questo blog (e se volete seguire i miei deliri con una frequenza più giornaliera, cliccate su "mi piace" a fianco e vi tedierò quotidianamente), ma il giorno prima di Halloween mi e' capitato di leggere su una bacheca di un amico un post sui pericoli di Halloween, pubblicato da un "famoso esorcista", tale Padre Amorth (che comunque cazzo, con un cognome così, solo l'esorcista poteva fare… o aprire delle pompe funebri…) che rifacendosi a questo post del blog di un altro oscurato Don (leggete questo post a vostro rischio e pericolo, e' qualcosa di paurosamente ignorante), ha causato in migliaia di italiani questo terrore di Halloween, perché…  Satana. Perché… gli scheletri e le bare.  Perché… i cartomanti e i lettori di tarocchi.

Se c'e' qualcuno dei miei lettori fedeli o novelli che fa' parte del gruppo di fondamentalisti religiosi … pazzi… ingenui che si e' fatto convincere che Halloween sia una celebrazione di Satana, allora vi invito qui per il prossimo 31 ottobre, perché davvero, non siete mai stati in America ad Halloween: non c'e' proprio niente di satanicamente celebratorio nel vedere bambini e adulti vestiti da principesse, Ninja Turtles, e altri personaggi (e includo anche diavoletti e angeli, scheletri e mostri) camminare per ore, spesso al freddo, per ricevere caramelle e dolciumi gratis. L'unica cosa diabolica in questa festa e' sapere che a casa loro in questo momento, tutti i dentisti stanno pianificando la prossima in crociera nei Caraibi. Con famiglia.

La famiglia di satanisti all'opera…..

video



Questo e' il nostro "cimitero" di Halloween… niente paura, sono amica di satana, ci troviamo a giocare ogni tanto a battaglia navale e Trivial Pursuit….

video

22 commenti:

  1. Cara Moky credo che sia triste perdere una persona che ci e' stata cara, ma meglio vivere nella coerenza e star bene con se stessi, come tu scegli di fare. Certo mi chiedo, conoscendo le tue posizioni, perche' questa persona ti abbia ricontattato...Per donarti le altre perle di saggezza sui matrimoni gay di cui hai scritto (evito il mio commento in merito!).
    Quanto al post di Halloween...lasciamo stare va!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non ho mai risposto ai commenti di questo post? oddio…
      @Mel, come si dice qui, she put the final nail in the coffin… e' state la goccia che ha fatto traboccare il vaso.
      Io quando leggo di persone simil-intelligenti che credono negli esorcismi, in Satana il diavolo, perdo sempre più la speranza nella specie umana...

      Elimina
  2. Ora faccio io la parte di Satana nei tuoi confronti (e qui ci sta una risata satanica che non so come rendere per iscritto):
    perché io penso che, se una donna come quella, con quelle idee, ti cerca dopo quella discussione con il marito, qualche speranza (di una sua certa redenzione!) ci può essere. Credo che per te sarà impossibile, salvo profondi cambiamenti, sentirla vicina come si desidera sia una vera amica, probabilmente su questo dovrai metterci una pietra sopra. Ma non è necessario troncare un rapporto con un'altra persona solo perché non è profondo. Per te lei sarà una conoscente ma forse tu per lei sarai un'amica di cui ha bisogno, perché negarle la possibilità? Temo che sia una persona che non ha tante occasioni di aprirsi ad orizzonti più ampi dei suoi così ristretti. Ed un rapporto asimmetrico ci può stare, se ognuno accetta i limiti di ciò che può dargli la relazione.
    Bene. Detto questo sparisco rapidamente in una nuvola di fiamme, ché mi sono accorta che Hallowen è già passato! Uuuuuhhhhhhhhhhh!
    Ah, dimenticavo: padre Amorth è uno che sicuramente non sta bene e, anche se influenza varie persone, per fortuna è seguito da una piccola minoranza pure qui in Italia, credo anche in ambito cattolico.
    Sulfurei saluti
    Mila

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Mila, hai ragione, potrebbe essere un'amicizia di quelle leggermente sbilanciate, di quelle superficiali… ne abbiamo tutti tante, e' vero. E' solo che forse, ipocritamente, ora che conosco la sua opinione su argomenti scottanti e importanti (per me), farei una fatica bestiale. Sarebbe forse stato meglio se fossi rimasta all'oscuro. C'e' della verità nel detto "ignorance is bliss" ….

      Elimina
  3. Cara Moky,
    sono contenta di leggere nel commento che mi precede un’anticipazione di quello che sto per scriverti..
    sì perché tutta la questione sulla “festa satanista” o le opinioni di padre Amorth qui in Italia non hanno fatto proprio notizia. “..ha causato in migliaia di italiani questo terrore per Halloween..”??? Ma chi se li fila Halloween e padre Amorth!!!!
    Io personalmente – che, anche per lavoro, leggo i quotidiani tutti i giorni – ho appreso della faccenda dalla tua pagina facebook (che ormai è diventata la mia finestra sull’altro mondo!)
    E anche dopo averla letta non ho sentito telegiornali o letto articoli della stampa nazionale che ne parlassero. Ok, magari mi sono sfuggiti, ma certo non hanno avuto molta visibilità. E credo che, complice il fatto che Halloween, nonostante tutto, ci riguarda da lontano, anche l’opinione pubblica non se ne sia proprio curata.
    Riprendendo il tuo discorso sui pericoli e le deformazioni dei sistemi informativi attuali, quindi, direi che un’accortezza da prendere sempre, proprio per non correre il rischio di spaventarsi troppo e immotivatamente, sia valutare il pulpito da cui arriva la predica: le opinioni di parte sono di parte, ma vanno sempre contestualizzate!
    E spesso, magari perché colpiscono la nostra sensibilità o danno voce ai nostri timori, si tende ad ingigantire alcune notizie perdendone di vista la reale consistenza, a volte perché corrispondono ad un preconcetto che abbiamo!
    E’ un po’ quello che si vede attraverso la lente. Ad esempio, della questione delle unioni civili tra persone omosessuali trascritte in alcuni comuni italiani e di cui il prefetto ha chiesto (e in alcuni casi provveduto) la cancellazione, si può vedere l’indecenza di un Paese in cui i diritti sono ancora negati a tanti sulla base di una discriminazione, ma anche la “bellezza” di un Paese in cui dei sindaci, ai quali un sistema normativo e culturale arretrato e inadeguato proibirebbe farlo, seguendo i propri principi trascrivono ugualmente quelle unioni che ritengono giuste, esistenti e legittime in barba alla legge vigente. E che resistono ai prefetti! Se leggi quell’articolo (che tu hai commentato) ti emozioni a sentire le parole del sindaco: finalmente qualcuno che parla, che si oppone!!!
    Con ciò voglio dire che i tuoi timori e convinzioni nei confronti dell’Italia e il tuo orgoglio di americana ti fanno spesso vedere le cose con le TUE lenti!
    Lungi da me dire che siamo un Paese all’avanguardia: figurati!!!! Lo zoccolo duro dell’ignoranza d’arcaica memoria resiste egregiamente e, in certi campi, condiziona la direzione delle scelte nazionali. Ma ogni Paese ha le sue assurdità, i bigottismi, l’ignoranza e i suoi perché e fare di tutta l’erba un fascio è sempre iniquo e poco democratico! E soprattutto deforma l’informazione generale!
    Ok, perdona la passione, ma ogni tanto anche in noi si risveglia dignità e un po’ d’amor patrio!
    Ai saluti ti dico: tranquilla, se verrete in Italia non vi bruceremo come affiliati di Satana!!
    Ciao!
    Irene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Irene (a proposito… sei tu l"irene che mi aveva mandato u bell'email tanti mesi fa, cui non ho mai risposto? Non riesco più a trovarlo e continuo a pensarci…)
      Anyway, riguardo la questione di Halloween, da quello che ho potuto capire dalle pagine fb italiane (personali e non) che seguo, sembrava che , in particolare quest'anno, ci fosse un gran fervore: ricette,oggetti fai-da-te, costumi… mi e' sembrato che ci fosse un interesse (spropositato, per una festa che non ha origini nella tradizione italiana, e si sa che le tradizioni italiane sono radicalissime) diciamo intenso… e forse sarà' una combinazione, ma ho anche visto tanti post su pagine fb italiane che spaventavano chi ci crede (demoni, diavoli, etc.). Forse e' stata una coincidenza, e magari e' stato così solo in alcune aree, ma in molti mi hanno confermato questa tendenza. Poi e' vero, che da qui le situazioni vengono magari ingigantite (aiutano tanto non le mie lenti quanto chi scrive gli articoli che leggo: queste sono le informazioni che ricevo, che poi sono corroborate, o meno, da chi commenta dall'Italia), pero e' vero che la spinta che c'e' qui in America in questo momento verso il riconoscimento dei diritti delle coppie omosessuali, frenata dagli ultimi gruppi di fanatici bigotti (milioni, eh? ma pur sempre una minoranza) in Italia non c'e'. Ancora. Arriverà, ne sono sicura, ma non ci siete ancora. In 35 stati, su 50, e' ormai legale sposarsi qui in America, inclusi stati come l'Arizona, notoriamente conservatore… Ormai anche politicamente e' un "problema" che interessa a ben pochi: sono ormai quasi tutti, inclusi i repubblicani più ardenti e di destra, "rassegnati" al progresso!
      Comunque sono contenta che non ci metterete al rogo, dovessimo mai tornare in Italia!! :)

      Elimina
  4. dico la verità, a me non interessa molto se le persone che frequento la pensano come me ad esempio su temi politici, si parla di altro e finita lì. sul matrimonio gay nello specifico, il mio compagno la pensa molto diversamente rispetto a me: la cosa non mi dà particolare fastidio, rispetto la sua posizione, non ne parliamo più e stop (a che pro parlarne, visto che ognuno di noi ha la sua posizione? conosciamo la posizione dell'altro, finita lì).

    certo diverso è il caso, e forse è il tuo caso, di persone che reputo idiote: chiaro che se ad un certo punto me ne accorgo beh, allora non ha più senso frequentarle, non penso sia una cosa che mi arricchisce o altro, semmai perdo solo del tempo e mi faccio del nervoso.

    però ecco, e parlo per me eh, chiaro che tu agisci come ti senti a tuo agio rispetto alle tue conoscenze, io non ho bisogno di frequentare solo persone che la pensano esattamente come me: mi basta che siano persone con cui mi trovo bene, poi se ci sono argomenti su cui le opinioni divergono, al limite non si parla di quello ma di altro.

    poi ripeto, se una persona si comporta in un modo che mi fa pensare che sia un'idiota, allora vabbè ciao è stato bello. ma se uno mi dice secondo me i gay non dovrebbero sposarsi, non me ne frega più di tanto, io dico ah,okay, io invece sono favorevole e finita lì. (stessa cosa su altre questioni, che ne so la politica la religione e cento altre cose).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Anna A.: anche a me e' sempre interessata poco l'opinione politica dei miei amici. E nemmeno la loro opinione su altre etnie, sugli immigranti, sui gay… ma qualcosa e' cambiato negli ultimi 8 o 9 anni, e non solo per me… penso che sia cambiato nell'intero paese, dove le divisioni se prima erano solo leggermente politiche, ora sono profondamente sociali, e se una persona e' coinvolta, nel senso che le sue convinzioni sociali sono parte importante della sua, far finta che non esistano diventa difficile. O impossibile. Ad esempio, l'opinione di mio marito nei confronti degli omosessuali e' cambiata nel corso degli ultimi anni, grazie alla maggiore inclusione in telefilm che seguiamo a esempio, ma anche grazie a me e ai nostri figli, che fortunatamente hanno la mentalità aperta e pensano con il loro cervello e non basano le loro opinioni sulle opinioni di un gruppo di uomini vissuti migliaia di anni fa, e reinterpretate da un gruppo di uomini "moderni" anagraficamente, ma ancora mentalmente rimasti al medioevo… Io e mio marito abbiamo opinioni diverse su alcuni argomenti, ma fortunatamente su ciò che (per me) conta, siamo più o meno in sintonia. E se non siamo d'accordo adesso, e' uno che ha la mente aperta, e di fronte a prove ed evidenze, e' capace di cambiare idea. Tutto e' possibile, per amore si accetta di tutto. Ognuno di noi deve demarcare il confine tra opinioni diverse accettabili, e opinioni diverse inaccettabili. Ad esempio, non riuscirei mai ad avere un rapporto di amicizia con uno neonazista, o con uno che, ad esempio, inneggia al duce. Ci sono amicizie che rimangono in superficie, con cui si parla di pannolini e eventi scolastici, di vestiti o scarpe… stando lontano da argomenti scottanti e controversi, e va bene. Ma oggi, adesso, per me e' difficile accettare che esistano persone con opinioni politico-sociali che sono così diverse dalle mie. Le rispetto ma queste opinioni sono sempre l'elefante in salotto. Come quando hai un dente rotto e continui a mangiare, parlare, ma fai una fatica a non andarlo a toccare continuamente con la lunga. Non ero così anni fa, o sono diventata. Scelgo le mie battaglie, così come scelgo le amicizie… ad esempio, la maggior parte dei miei amici non sono vegani, e non parliamo in generale di cibo, loro rispettano le mie scelte, e io rispetto le loro (o faccio finta). Non so se mi sono spiegata meglio, o se ho solo creato ancora più confusione...

      Elimina
  5. La tua amica mi fa pena (perche' non la vedo intelligente) ma anche tanta rabbia.
    Sai una cosa buffa della stupidita'?
    Che e' trasversale!
    Qui in Italia hanno recentemente detto la stessa cazzata sullo sposarsi con degli animali.

    W Halloween.
    Puo' essere sbagliato festeggiare qualcosa che rende felice i bambini??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La stupidita' e l'ignoranza sono le regine delle pari opportunità: colpiscono tutti, ovunque… ma bisogna lasciarle entrare, chiudere la mente e smettere di ragionare.
      Ma infatti, via Halloween!

      Elimina
    2. Ovviamente, volevo scrivere VIVA Halloween!!

      Elimina
  6. Mi agghiaccia pensare che persone tutto sommato simpatiche possano essere così omofobe. Non ha senso, dovremmo ringraziare tutti il fatto che ci sia più amore nel mondo ^_^ ed è una cosa bellissima.
    Per quanto riguarda Halloween...padre chi???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Zion, che delusione quando scopri che una persona cui sei legata per amicizia o affetto e' razzista o omofoba! Poi ovviamente, sono le stesse persone che conoscono tutti i versetti della bibbia, e questo mi riempie di frustrazione…
      Padre Chittamuort' e' una reliquia (ma davvero) di un mondo che non dovrebbe più esistere e invece….

      Elimina
  7. Diciamocelo, abbiamo una certa età e non abbiamo voglia di sprecare tempo, o almeno condividerlo con persone che non sono sulla nostra lunghezza d'onda, poi dobbiamo stare attente alle parole per non cadere in discussioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Moky, ecco, esatto. Il mio tempo libero e' limitato ed e' importante scegliere con chi passarlo…

      Elimina
  8. Un mio amico gay, felicemente sposato , si` e molto innamorato di suo marito..oggi ha messo postato questo articolo : http://www.thenewcivilrightsmovement.com/davidbadash/colorado_elects_republican_exorcist_who_believes_gay_people_want_your_soul
    Visto che ha un ristorante e ci andro` a mangiare sabato sera...mi saro` trasformata in un essere senz'anima..domenica???? uhhhhhh paurra!!!!! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Claudia, ma e' lo stesso che ha fatto un esorcismo su Pres.Obama? Comunque sia, non riesco a spiegarmi come sia stato eletto… l'unico motivo potrebbe essere che, tutti fumati, gli elettori hanno voluto fare i prankster… altrimenti faccio fatica a credere che la gente abbia dato il proprio voto per uno così… Spero tu sia sopravvissuta alla zombie apocalypse… :)

      Elimina
  9. Spero di non offenderti se ti dico che sei una persona davvero saggia.
    Ti metti in discussione, condividi i tuoi pensieri, ascolti tutti, decidi e riesci a fare la cosa più giusta.
    Dai un'altra possibilità a questa persona, che, visto che non aveva aperto bocca, poteva avere anche delle idee diverse. Riesci ad andare subito ai temi scottanti, senza tanti giri di parole, perché sai che se eviti il problema ti toccherà poi continuare a farlo.
    Ottenuta conferma che questa è proprio l'idiota che credevi, prendi una decisione definitiva, a questo punto con sicurezza.
    Vorrei avere un decimo delle tue capacità di giudizio, del tuo buon senso. E' in vendita? O almeno in affitto?
    Dico anche una cosa un po' scontata, riguardo al fatto che la signora deve "mettere a letto" il maritino. Le attenzioni da parte della propria moglie (e marito) sono una cosa bellissima (solidarietà a tuo marito, non si mandano affanculo i mariti :P). Che ci siano dei riti in una coppia fa molto piacere. La dipendenza e l'essere asserviti no. Comunque si è capito che rapporto ha questa persona col marito, affari loro...
    Risponderei anche ad Anna A:
    anche Moky fa volentieri amicizia con chi non la pensa come lei. Lo dimostra il fatto che io, impenitente carnivoro, non sia stato ancora messo alla gogna, lapidato e crocifisso da lei.
    Il problema è quando una persona diventa fanatica e vuole imporre la sua opinione. Quando vedi che farnetica pur di tentare a tutti i costi di motivare le castronerie che dice. Un conto è dire: "la penso così, siamo diversi, va bene, parliamo d'altro", cosa che questa persona avrebbe anche potuto fare, visto che è stata lei a chiamare Moky per tentare di riallacciare l'amicizia.
    Un altro è voler avere ragione a tutti i costi. Se ti importa più di avere ragione che di tenerti quest'amicizia, fa pure, anche questa è una scelta.
    Poi ognuno di noi ha i suoi "temi scottanti", i suoi argomenti su cui, giustamente, ha la sua opinione, i suoi motivi, e non ha intenzione di metterli in discussione. Quando proprio su questi temi non si va d'accordo non c'è storia.
    Riguardo ad Halloween... non so, non ci riesco lontanamente a prendere sul serio certe stronzate.
    Ma non credo nemmeno che questa posizione sia quella ufficiale della chiesa. Condannare una festa sana che unisce le famiglie, un divertimento senza vizi, mah.
    Qui a Lucca Halloween è integrato nel Lucca Comics (chi vuole vederne una descrizione può fare un salto sul mio spazio) e sulla porta di una chiesa c'era scritto "benvenuti a tutti i cosplay".
    Quindi hanno dato il benvenuto a tutti quelli che hanno partecipato alla marcia degli zombie e perfino a gente che indossava poco più di un costume da bagno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Luciano, sei troppo gentile, non sono sicura della saggezza di cui parli… Diciamo che forse ho poca pazienza. Pero' ci provo, ma alla fine mi chiedo se valga la pena, La questione e' quella.
      Riguardo Halloween, Lucca deve essere il ritrovo di Satana in persona!!!!

      Elimina
  10. Sarò uno tizio molto supponente ma anche senza mai averla incontrata l'avevo subito inquadrata grazie alla tua perfetta descrizione...
    Mi dispiace constatare che purtroppo avevo ragione :(

    ---Alex

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Alex, avevi ragione, e un po e' dispiaciuto anche a me. Ma sono sopravvissuta. :)

      Elimina
  11. Post davvero interessante! E' incredible come siano diversi i vari stati degli Stati Uniti- io sto relativamente vicina a te, in Colorado, e qui nella mia citta' sono tutti pro-Obama, pro matrimony gay e anti razzisti. Pero' questo non vuol dire che il razzismo non esista, anzi, lavoro con dei professori che si occupano di sociologia e mi hanno spiegato per esempio tutti i disagi dei (pochi) studenti Afro-Americani al college. Diciamo pero' che una disavventura come la tua se non altar non mi e' mai successa, e ti ammiro per come l'hai gestita!

    RispondiElimina

Ogni commento e' benvenuto, quando contribuisce alla conversazione!