lunedì 13 aprile 2009

Basterebbe guardarsi alle spalle.

Il tempo passa senza che quasi me ne accorga, scandito da visite, esami, eventi a scuola, etc. etc. Se non fosse per le tracce lasciate a penna sul calendario appeso sul frigorifero, ogni giorno sarebbe uguale al precedente... corri a destra, corri a sinistra.... pisola quando puoi... poi corri ancora....

... eppure in piu' o meno 8 settimane, la nostra vita cambiera' ancora. Ancora non mi sembra che stia cambiando niente. A parte la pancia che e' ormai un oltraggio alle angurie.

Abbiamo passato la Pasqua in modo tranquillissimo, ma per non so quale motivo (ormoni?) mi sono ritrovata ad urlare a tutti in famiglia, lamentandomi del disordine etc. Dopo essermi scusata, mi sono trovata a pensare alle persone in Italia che hanno perso tutto.... io che urlo per il casino, loro che urlano di disperazione, perche' non hanno piu' una casa da riassettare, mobili da spolverare, bucato da fare, famigliari con cui sfogarsi. E allora se potessi mi darei una pedata nel didietro.
Ma e' la natura umana che e' egoista, e siamo programmati a pensare alle difficolta' e tragedie altrui solo per un po': poi, per mantenere la propria sanita' mentale (egoismo da sopravvivenza), si passa ad altro. Di solito qualcosa che riguarda noi stessi.
Se pero' fosse obbligatorio fare una presa di coscienza quotidiana della realta' che "gli altri" vivono, se fossimo costretti ad un esercizio altruismo anche solo da osservatori delle difficolta' vissute dal "nostro prossimo", sono sicura che ci si lamenterebbe meno delle proprie magagne, vere o presunte, e forse si agirebbe di piu'. Contrariamente a quello che si pensa, saremmo forse piu' felici. E' vero che spesso ci soffermiamo ad osservare le tragedie altrui con il piu' o meno mascherato pensiero "Meno male che non e' capitato a me" (morbidity, si dice qui, l'istinto che ci fa girare la testa di fronte a difetti fisici di un passante, ad incidenti in autostrada etc), ma io parlo invece di osservare con empatia, il classico mettersi nei panni altrui. Cosi' tanta energia viene sprecata nel vivere arrabbiati con questo e quello, a fare andare la bocca in inutili tirate lamentose (energia che potrebbe essere dedicata ad azioni positive) che alla fine e' ovvio che siamo sempre tutti stressati, depressi, crucciati, incazzati con tutti.
Parlo principalmente per me stessa, ma chissa' se questo cambio di attitudine mentale potrebbe servire ad altri.

Di sicuro un altro elemento scombussolante per me e' il tempo desertico: la primavera e' sempre imprevedibile qui nel sud dell'Arizona, la notte tra venerdi' e sabato ha finalmente piovuto, dopo forse 3 mesi, e sulle montagne di fronte ha nevicato, creando un'atmosfera quasi surreale, perche' la temperatura era sui 22C+. Se devo essere sincera, spesso ho la vivida impressione di stare vivendo una vita surreale, che combacia con il clima esterno.

Il 24 aprile Kelly e Nancy mi "tireranno una doccia per il bebe' " (tradotto pari-pari dall'inglese "throwing a baby shower"), cioe' organizzeranno una festicciola in cui, con le mie amiche ci si trovera' a mangiare, scambiarsi 4 chiacchiere , fare 4 giochini carini (o idioti, a seconda di chi organizza) e a "farmi la doccia" appunto di regali. Ne ho avute 2 di baby shower, una per Chris e una per Emily: nel primo caso, era organizzata da colleghe di J in California e hanno partecipato i miei vicini, visto che di amiche-amiche non ne avevo ancora fatte (ero li' da un anno circa); nel caso di Emily, di amiche a quel punto ne avevo parecchie, ma in California, e noi avevamo appena fatto il trasloco in NJ, quindi mi e' stata organizzata da 2 "mamme" conosciute all'hotel dove abbiamo vissuto per circa 3 mesi, e solo queste 2 famiglie hanno partecipato. Non una shower seria, insomma!
Questa e' la prima "shower" dove sono invitate amiche che conosco... be', anche qui da circa 1 anno e mezzo, e dove sono stata obbligata a fare una lista regali attraverso "Target", che e' uno dei miei store preferiti. Immaginarsi un incrocio tra la Upim e la Rinascente. A un piano solo pero', perche' gli spazi qui permettono di sbracarsi architettonicamente.... A dire il vero, mi sento un po' imbarazzata, perche' la sensazione e' di "obbligare" chi partecipa a fare un certo tipo di regalo. Allora la mia lista coinvolge molti prodotti sotto i $20.... insomma, ho cercato di essere molto economica... passeggino da $50 circa, tanto per chiarire... poi mi sa che me lo comprero' io comunque.

Di sicuro faro' foto per documentare l'evento.

Sempre di corsa....

Ho preparato le nostre tasse, e grazie a Turbotax tutto fatto in circa 2 ore: rimborso di circa $3000 Federal, $1200 dall'Arizona (gia' depositati direttamente sul nostro conto, in meno di una settimana). Uguale all'Italia, se mi ricordo bene....

Sto organizzando 3 eventi a scuola. Non entro nei dettagli, sappiate che con la memoria che mi ritrovo, e' un miracolo se tutto verra' fatto nei tempi giusti!!

La moquette nelle sale DEVE andare (con un cane con l'Alzheimer che non si rende conto di non essere in giardino, e' ormai uno schifo!), quindi sono in ballo con i piatrellisti, poi l'elettricista che deve installare il ventilatore da soffitto nella camera "nuova" di Emily e Vivian (la loro "vecchia" cameretta e' stata passata alla fagiolina), io sono quella che deve coordinare il tutto....

Non dimentichiamoci che il resto della famiglia e casa deve funzionare, nonostante tutto.... inclusa io, con le visite ogni 2 settimane, esami del sangue, etc.

Recentemente ho espresso l'opinione che non vedo l'ora di andare in vacanza ad un amico, il quale ha replicato (scherzando, immagino) che io sono sempre in vacanza....

... perche' era oltreoceano, ma un cartone glielo avrei tirato volentieri!!

11 commenti:

  1. Che carina la festa "baby shower" vorrei essere li anche io a festeggiarti e a darti una pioggia di regali....lo sarò virtualmente

    P.S. ricordi bene, le tasse italiane sono prorpio come le vostre!!!

    RispondiElimina
  2. Super Moky! Hai proprio ragione... un cartone ci stava tutto!
    Riguardo all'atteggiamento positivo di fronte alle piccole (o grandi) difficolta' di ogni giorno dovremmo farlo tutti, tutti i giorni. Sto leggendo un bel libro sull'argomento: "what happy people know". Un po' in stile americano, ma con tanti spunti davvero interessanti. Mi sei venuta in mente perche' lo ha scritto uno delle tue parti, il direttore del Canyon Ranch, Tucson. Se ti avanza un pochino di tempo per la lettura... ne vale la pena secondo me.

    RispondiElimina
  3. pretty busy eh? ma va bene così...
    poi tra qualche settimana ti rilasserai (più o meno...ahah!!)col fagiolino.
    L'empatia di cui parli io purtroppo (e dico purtroppo, perchè un po' di sano distaccato egoismo ci vorrebbe) non riesco a cacciarla via.
    Dopo lunedì scorso, dopo la prima scossa 8ed i contraccolpi fisici si sentono ancora anche qui) nn va più come prima.
    Praticamente sono in stand by ed ogni volta che penso ad altro, o ci provo, ripiombo al pensiero di quelle macerie (e delle nostre più di 10 anni fa') con la testa di chi ci è passato, e la paura e l'angosci ancora non mi abbandonano..
    la pqsqua, le feste ecc non me le sono godute affatto perchè mi sento IN COLPA, non so perchè ma nn ce la faccio a put a smile on my face..
    Speriamo passi se no cado in depressione.

    Intanto buon lavoro e buona shower!
    ciao

    RispondiElimina
  4. Bella l'idea della doccia di regali - col senno di poi io mi sarei fatto una doccia di vaccinazioni... decisamente faccio il paziente rompi!
    :-)))

    (Tanta) ENJOY!
    JJ

    RispondiElimina
  5. Che bella idea la baby-shower! Ho sempre pensato che sarebbe bello se sbarcasse anche qui, ma credo che l'Italia sia ancora troppo superstiziosa per festeggiare in anticipo..
    Facci sapere cosa hai ricevuto in dono :)

    baci doppi
    Gallina

    RispondiElimina
  6. che vita avventurosa la tua! :)
    che rischi ci sono ad affrontare una gravidanza a 42 anni? e' tutto ok?
    come ti sei conosciuta con tuo marito? in italia e poi sei emigrata?
    auguri e buona giornata!

    PS: leggendo un po' il tuo blog, ho pensato che gli USA sono davvero sterminati.... puoi passare una vita in un singolo stato...

    RispondiElimina
  7. moky come sempre sei la solita Wonder Moky.
    come ti senti?
    ricorda di postare le fotografie del baby shower e magari anche qualcuna dei famosi cieli dell'arziona-
    abbraccione
    ali

    RispondiElimina
  8. proprio vero che le donne housewives vengono totalmente sottovalutate!!! sicuramente il tuo amico voleva essere simpatico, però rispecchia proprio un concetto impossibile da sradicare qui in italia...non so nel resto del mondo.
    Avere una famiglia numerosa come la tua significa veramente farsi un pajolo così di fatica se uno vuole fare le cose fatte decentemente. Certo, se vuoi vivere in una discarica, i tuoi figli rubano e si mangiano solo avanzi scongelati allora uno può anche fregarsene di tutto e stare seduta sul divano tutto il giorno!

    Bah! evviva le superdonne come te!!! Ma davvero!

    Zion

    RispondiElimina
  9. anche io avevo fatto la lista da Target perche' ha roba bella e prezzi abbordabili, poi ha scelta. Ma che fatica convincermi ad accettare tutti questi regali dagli amici di mio marito...da noi in Italia non si fa!mi sentivo troppo in imbarazzo!:)))

    RispondiElimina
  10. Sai Monica che col tuo discorso sulle calamità piccole e grandi mi hai fatto pensare a una frase che i miei amici buddhisti mi ripetono sempre: "Chant for appreciation". Lo faccio da un pò e che piacere è diventato scoprire tutti i piccoli aspetti positivi della mia vita, tutte le cose di cui dovrei ricordarmi di essere grata più spesso!

    Per quanto riguarda le tasse, evviva Turbotax! E' il secondo anno che lo usiamo e, ora che tutte le nostre informazioni sono già state immesse, ci vuole veramente pochissimo a completare il tutto. I nostri rimborsi sono un pò meno consistenti ($1.100 federal, $800 dalla California), ma non per questo meno graditi! Mi verrebbe da dirgliene quattro a quegli idioti che hanno organizzato i tea parties la settimana scorsa...

    RispondiElimina
  11. Grazie Suysan!!

    Gao, lo cerchero' in biblioteca... in effetti siamo sempre cosi' coinvolti nelle nostre "disgrazie" che spesso ci dimentichiamo di chi sta vivendo tragedie vere!

    Fabio, spesso camminiamo in bilico tra empatia ed ossessione... bisogna trovare l'equilibrio...
    Spero tu stia meglio: don't overdose on meds! :)

    JJ, mi spiace di dirti che la shower e' per la mamma... a volte e' co-ed (i mariti vari sono invitati, come la mia prima per Chris), ma generalmente gli ometti sono omessi! (e credo ne siano felici!)
    Povera Simona... tra un bebe' e un marito malato... mi raccomando, falle un mega-regalo quando tutto e' finito!! Suggerirei un massaggio in una spa, o simile...

    Gallina, non ci avevo mai pensato al perche' in Italia non esiste questa tradizione... mi sa che hai proprio ragione, sara' la superstizione!!

    Giocatore, benvenuto! Diciamo che il rischio piu' grosso, almeno dal punto di vista statistico, e' quello di avere problemi cromosomici, trisomie tipo la 21 (Down) o 18. Nel nostro caso, oltre all'eta' della madre, abbiamo dovuto considerare anche l'eta' paterna, perche' dopo i 45 anni, anche "la produzione" dell'uomo e' difettosa... un po' come una macchina che fa le fotocopie, quando e' "vecchia"... ogni tanto una fotocopia esce difettosa...
    Se la salute della madre e' buona in partenza, se mangia bene, in modo equilibrato, gli altri rischi sono simili a quelli di una gravidanza a 30 anni.
    Per quanto riguarda la mia "storia", e' lunga, con varie appendici, ma in sunto, ho conosciuto J a Chicago dove ero andata al matrimonio della mia penpal di anni. Tornata a Milano e lui in Cali, mi ha contattato, telefonato, mandato fiori... e' venuto a trovarmi e io ho comprato il biglietto per LA, dato le dimissioni e VOILA", quasi 16 anni dopo, 3 figli e mezzo, 3 traslochi coast to coast... ci ritroviamo in Arizona. Ancora miracolosamente insieme...

    Ali, continuo a dimenticarmi delle foto dei cieli... appena ho le foto della shower, le posto!! Prometto!

    Zion, lo so, e' una battuta benevola, anche J spesso mi dice "anytime you want to trade and go to work, I stay home, having fun...", pur sapendo benissimo che non sopravviverebbe 2 giorni... pero' l'opinione generale e' ancora, sotto sotto, basata sul preconcetto che stare a casa significa non fare un piffero. Ho molto rispetto per le donne che devono uscire di casa tutti i giorni, e magari lasciare i figli al day care, o al nido... ma non lo farei per scelta. Solo se fossi obbligata. Mi sa che ne parlero' in un post. Comunque, grazie per il support!! :)

    Regina, Target e' sempre il mio posto preferito... poi da noi c'e' uno dei 2 Starbucks, quindi...
    Come te, anche io sono leggermente imbarazzata dall'avere richieste... ma qui e' normale, quindi ci adeguiamo, no?

    Aelys, e' vero, bisognerebbe cantare in apprezzamento delle 1000 e piu' "cose positive" che abbiamo nella vita! E' la filosofia di pollyanna che, giuro, funziona!! Per quanto riguarda TT, io lo consiglio a tutti. Basta conservare tutte le ricevute (soprattutto quelle mediche... quest'anno con le visite varie che avete fatto all'ER...)... Be', insomma, $1900 incoming e' meglio che outogoing!! Sono contenta per voi!! Io li spenderei in un bel weekend a Santa Catalina Island!!

    RispondiElimina

Ogni commento e' benvenuto, quando contribuisce alla conversazione!