mercoledì 4 aprile 2012

La piscina come la bicicletta: ora che ce l'ho....

Per la serie "Ho voluto la bicicletta" ... avevo voluto la piscina.

Come tutte le primavere da 4 anni a questa parte, col ritorno del caldo desertico torna il "problema" della piscina. Bel problema davvero: c'e' chi non ha lavoro, chi non ha abbastanza soldi per arrivare a fine mese e dar da mangiare alla famiglia e io oso dire che "riaprire" la piscina e' un problema....
Allora, sentendomi un po' una merdaccia, un po' a testa bassa eccomi che mi lamento degli stupidissimi problemi che avere una piscina comporta, il più grosso e complicato da risolvere e' il bilancio degli elementi chimici indispensabili per avere acqua disinfettata al punto giusto, non troppo (troppo cloro fa male alla pelle e ai vari macchinari) e non troppo poco ("green pool" definisce quando l'acqua diventa quel bel verde che fa tanto St. Patrick's day, grazie all' iper-crescita di alghe ed altre creature); bisogna poi avere il giusto ammontare di "stabilizer", lo stabilizzatore, ovvero l'acido cianurico,  e l'alcalinità giusta, regolata dall'aggiunta di acido muriatico. Per noi che, sperando di fare una scelta più' ecologica, avevamo optato per la presenza dei pannelli solari e per il "salt chlorinator", il clorinatore a sale,  si aggiunge anche la solita perditina annuale dai pannelli e il controllo della quantità di sale presente nell'acqua...

Poi bisogna pulire il filtro e pulire la "cellula" del clorinatore, ora che usiamo la piscina regolarmente, almeno una volta al mese!

Ecco il "problema" di oggi,  parlando del sale nell'acqua: pare che ne abbiamo così tanto nella piscina, a.k.a. "Mar Morto", che che dobbiamo svuotarla più di meta' per ristabilirne l'equilibrio chimico.
A parte il costo dell'acqua che gia' mi immagino la bolletta, ma "buttare via" circa 12 mila galloni d'acqua mi fa piangere, ma dobbiamo farlo. Mi sento una merdaccia due volte....

Non avrei mai pensato vent'anni fa che avrei avuto una casa con piscina, e ora che ce l'ho capisco perché e' un lusso: non tanto il costruirla, quanto il mantenerla.

(In questo momento una pompa sta succhiando l'acqua dalla piscina e con un tubone lungo lungo la sta buttando a bordo strada.... ci sono delle quaglie che stanno facendo il bagnetto nel "fiumiciattolo" che si e' creato!! Allora non e' tutto uno spreco!!)


AGGIORNAMENTO: sia Chris che Emily che Vivian sono tornati a casa con la paura, perché  la strada e' praticamente allagata e l'acqua, ovviamente, tracima da casa nostra....

5 commenti:

  1. Sì è vero è un peccato ed anche una discreta rottura di scatole star dietro a tutte queste faccende ma credo ti dimenticherai tutto quando in una bella ed afosa giornata caldissima vi rilasserete con un bel bagno in piscina!

    ---Alex

    RispondiElimina
  2. non avete il guy pool che pensa lui al mantenimento della piscina? Noi abbiamo optato per averlo, non ci costa molto ed evitiamo di fare casini con i vari elementi chimici da mettere! Uh svuotare metà piscina..noi abbiamo dovuto farlo all'inizio quando ci siamo trasferiti in questa casa...auguri per la bolletta...a me era quasi preso un infarto! :-)

    RispondiElimina
  3. @Alex: verissimo. Quando ci siamo dentro, circondati dal bel landscape, ci sentiamo davvero super-fortunati...

    @MJ: no, da noi non esistono poolguys! Anche se la piscina e' un "lusso" abbastanza "comune"... Non so perché'.
    LA bolletta sara' da piangere. Poi pero' speriamo che, cominciando "from scratch", i problemi siano risolti.

    RispondiElimina
  4. non avevo mai pensato a questa cosa. La bolletta, il casino degli elementi chimici etc.
    O_o non mi lamenterò più del fatto che non avremo mai una piscina qui in brianza :D

    RispondiElimina
  5. @Zion: nessuno ci pensa ai casini... pero' una bella piscinetta in Brianza ci vorrebbe, dai!! :)

    RispondiElimina

Ogni commento e' benvenuto, quando contribuisce alla conversazione!