domenica 10 febbraio 2008

Genitori e giardinieri

Alla fine del sentiero... per la serie inizio dalla fine!!!
"CUTIE", nome scelto da Vivi
Overlook alla fine dell'Hamburg Trail, Ramsey Canyon Preserve
Alla fine della scarpinata sull'Hamburg Trail... Emily e' la fotografa ufficiale!!!


Come si puo' vedere dalle foto. IL BUCO E' FINITO!! E' enorme, o come dice Chris: "This pool kicks ass"! La profondita' massima, dove si vede Chris, e' circa 2.10mt, cosa che pare sia poco comune qui in AZ: la maggioranza delle piscine sono "play-pools" cioe' vanno da 3 1/2 piedi (91cm circa) a 5 in mezzo (circa 1.50mt) e poi ancora 3piedi e 1/2. Ma a noi piace buttarci dentro stile palla di cannone, quindi ci vuole un po' piu' di profondita', perdindirindina! Intanto il primo assegno di poco piu' di 17mila dollari e' stato versato e io posso solo dire "Grazie California e New Jersey", perche e' solo grazie ai vari traslochi fatti a catena in parti degli US dove il costo della vita e' minore che ci possiamo permettere questo lusso (per me ) stravagante e inaspettato!!
Raccolta di sassi per la collezione... sembra che siano in miniera!!

Oggi poi e' stata una giornata FAVOLOSA, sole stupendo, cielo blu blu blu neanche una nuvoletta a cercarla per miglia, temperatura perfetta, circa 74F, cioe' 23C.... al mattino siamo tornati alla Ramsey Canyon Preserve, dove non andavamo da ottobre. A parte che c'era ancora neve sui sentieri (che ovviamente ha scatenato una battaglia tra i 2 bambini ... Chris e J... con palline di neve semi-ghiacciata di dimensioni lillipuziane!), a parte gli scoiattoli con codone super pelosone (molto piu' grosse dei poveri scoiattoli del NJ) che ci seguivano, a parte le due bellissime cerbiatte, che ci osservavano curiose a pochissima distanza mentre si facevano la loro colazione di ghiande, felci e licheni... ma poi ovviamente il panorama dall'overlook e' sempre mozzafiato. Al ritorno, tutti in calzoncini corti e fuori a giocare!!

Stasera sono senza marito (Yippeee!!), che se ne e' andato in New Mexico a parlare con la persona da cui compriamo il terreno, il quale ospita oggi e domani uno degli editori della rivista Astronomy . Pare che questa notte andranno ad utilizzare il mega-telescopio dell'Arizona Sky Village... insomma , in poche parole, per J un'occasione mitica di osservare l'universo in condizioni perfette, con un telescopio pauroso e confrontarsi con persone che l'astronomia ce l'hanno nel sangue. Per intenderci, e' come se io incontrassi che so, Paul McCartney oppure James Taylor...vecchi ma pur sempre buoni!
Devo dire che mi piace essere sola, anche se non lo sono interamente, visto che i bambini sono qui con me, ma non essendoci lui a rompere non devo preoccuparmi di cosa e quando mangiamo... una pastasciutta e una mela e via... (non credo che vincero' il premio "Madre dell'anno" comunque!).

Anyway, e' da giorni che ho in mente un'idea per post, idea partorita dallo scambio epistolare (be', via email) con una "nuova" amica, un' allieva di mio papa', con cui ho confrontato la tragicommedia che e' nascere in una famiglia con diversi fratelli e/o sorelle, e l'involontaria competizione che ne risulta. Il tutto e' nato a seguito del mio post su mia sorella (la quale, tanto per confermare la sfiga di cui parlavo, settimana scorsa ha subito un tentativo di rimorchio da parte di un uomo sposato, tentativo cosi' patetico che mi fa sospettare che, per quanto riguarda l'universo maschile:
A) l'immaginazione e' carente
B) la dignita' e' un'illusione
C) il collegamento cervello-bocca e' diventato difettoso per il poco uso
D) l'acqua di Milano deve essere drogata...
Allora questo bancario (!), cercando di rimorchiarla le ha detto "Che occhi bellissimi! {fantasioso} Sembrano quelli dei miei figli!!!" ... DAVVERO??!! Ma noooo! Maddai!!! Scusa che vomito! E che romantico!! Chiusa parentesi)

... dicevo, questa idea che mi frulla in testa e' stata stimolata dagli email con Sira, dall'osservazione dei comportamenti dei miei bambini e dal ricordo di situazioni vissute quando abitavo con le mie sorelle tutte insieme sotto lo stesso tetto...
Mi scrive:
...Anche io ho avuto -e ho tuttora- molti complessi che riguardano la sfera estetica anche perchè tutte e sottolineo TUTTE le donne della mia famiglia (sorelle e cognate e cugine) sono rigorosamente:

a) belle
b) bellissime
c) perfette
d) intelligenti e "arrivate" nella vita
e) in perfetta salute


Says who? Cioe': ma chi lo dice? Queste idee non nascono per autocombustione nella mente di una persona, la scintilla deve essere stata per forza una serie di commenti e conversazioni fatte, sicuramente con "buone" intenzioni, dai genitori. Come se gia' non bastassero le pressioni esterne!
...

Premetto che non voglio giudicare il lavoro svolto dai miei genitori ne' dai genitori di nessun altro, io sto cercando di sfruttare quelli che ritengo errori fatti da altri e trarne considerazioni che vorrei appuntarmi e tenere a mente nel mio percorso quale madre.
Quando ti arriva un figlio, il primo, ti succede una cosa incredibile: il tuo cuore si ingrandisce in misura inversamente proporzionale alle dimensioni del pupo! E' come se all'improvviso tutte le tue emozioni e sensazioni piu' belle e positive si concentrassero nell'amore che provi per questo frutto di tanta fatica (la tua) e di tanta goduria (del padre).
Quando poi sta per arrivare il #2, la domanda che non verbalizzi ma che ciononostante hai nella testa e': "Saro' capace di amare anche questo bambino, di amarlo a sufficenza, visto che il mio cuore e' gia' colmo stracolmo di amore per il #1?" La risposta ti arriva nel momento in cui ti viene messo tra le braccia il secondo fardellino... per non so quale mistero della scienza cardiaca, il cuore si allarga ancora per far spazio al nuovo membro della tua famiglia, e cosi' continua tutte le volta che la famiglia si espande... E fin qui, tutto e' perfetto, idilliaco quasi... ma cosa succede alla dinamica dei rapporti tra genitori e figli e tra fratelli e sorelle, che si modifica ogni qualvolta c'e' un'aggiunta, (e non ha niente a che vedere con il volersi bene, l'amore che 'e comunque direi garantito)? Le relazioni che si formano tra le varie "coppie" in una famiglia, genitore/figlio, sorella/sorella, sorella/fratello, etc sono complicate e la loro interazione ha il potere di modellare le varie persone coinvolte e in molti casi influenzare scelte future.
Prendiamo per esempio, mmhhh,, ME, puntacaso. Per ordine di nascita sono quella di mezzo, nel mezzo di una sorta di sandwich, tra "Einstein" e "Barbie". Mia sorella maggiore, Marinella la studiosa, di un'intelligenza superiore, famosa per passare ore ed ore in bagno, seduta sul trono, studiando latino (o cosi' rispondeva a chi le chiedava cosa stesse facendo...), maturita' classica con il massimo dei voti, laurea in medicina con il massimo.... Mia "sorellina" Marta, di cui ho parlato qualche post fa, che dorme nel letto vicino al mio e che da un giorno all'altro si sveglia e invece della ragazzina che chiamavo "piscialetto", e' diventata Malibu Barbie, che frequenta la scuola di Ballo della Scala, la Scuola di Ballo di Montecarlo e non so quanti corsi di perfezionamento di danza, che lavora in televisione, che fa le sfilate...
Tutte e due con un futuro cosi' chiaro e smagliante sin da "piccole", futuro segnalato come se fosse la pista di atterraggio del Kennedy: Pediatra da una parte, Ballerina dall'altra. E in mezzo, io. Vista l'impossibilita' di competere con tali modelli (dal punto di vista fisico mi sono sempre identificata piu' con la Puffetta comunque), ho preferito scegliere strade dove non ci fosse la piu' possibilita' di fare paragoni, di essere confrontata con nessuno in famiglia. E non importa se questi "modelli" schiaccianti sono magari al di fuori della famiglia immediata, cugini o amici magari, non cambia molto: per fare felici le mamme si cerca di diventare cio' che non siamo!
Con una tale competizione, e' stato un miracolo che non sia diventata una psicopatica... e si' perche' anche senza volerlo, i paragoni venivano fatti... non sto incolpando nessuno, ma anche commenti dalla parvenza innocente oppure quelli non espressi hanno il potere di come minimo farti riflettere, altre volte di ferirti. Ed anche l'etichettare i figli "Mari l'intelligente", "Marta la bella" (io non avevo etichette... la mia etichetta era ed e' ancora un punto di domanda!) secondo me e' sbagliato, perche' ha creato degli stereotipi cui e' difficile allonanarsi...
Guardo i miei bambini, che sono sempre pronti a competere per un posto "al sole" di mommy e daddy, e mi sforzo di mantenere l'equilibrio nell'elargire complimenti e baci equanimamente, cosi' da non lasciar fuori nessuno... con fatica cerco di elogiare e complimentare il positivo in tutti, evitando di fare paragoni o di commentare sulle loro mancanze, o che io ritengo tali, perche' i miei figli non sono qui per dare a me una seconda possibilita', per cancellare i miei insuccessi o per finire cio' che ho lasciato inconcluso, per coronare i miei sogni... spesso devo fustigarmi e morsicarmi la lingua per controllare i commenti che mi vengono da dire quando per esempio devo puntare una pistola (figurativamente, ovvio!) alla testa di Chris per distaccarlo dalla Playstation o dal computer e farlo leggere... ovvio che mi dispiace, visto quanto adoro leggere, ma Chris e' Chris, non "mini-me", il mio lavoro e' guidarlo e proteggerlo, non trasformarlo in qualcuno che non e'.
Veniamo tutti al mondo con dei talenti, il compito di noi genitori e' di essere come dei giardinieri, di creare l'atmosfera giusta e fertile perche' questi talenti, questi semi germoglino e vengano curati, fertilizzati come se fossero pianticelle, riparati dal vento e dalle intemperie... E' chiaro che ho dei sogni, delle ambizioni per tutti e 3, ma spero che, nel momento in cui questi sogni e queste ambizioni non si materializzeranno, io abbia abbastanza lungimiranza e cuore per confortare invece di giudicare.



14 commenti:

  1. Cara Moky, tutti i figli sono belli per i genitori.I miei, compresa te, erano e sono bellissimi. Hai elencato le doti delle tue due sorelle a cui mi associo anche io. La figlia che piu' mi inorgoglisce pero' e che con fierezza propongo a tutti quando posso farlo, sei tu, il genio della famiglia, dalla sensibilita'e generosita' enorme, e sei bellissima.Papi

    RispondiElimina
  2. post meraviglioso.

    sei una splendida persona.

    e poi, che bella scampagnata!!! se provassi ad intruffolarmi nelle campagne al max troverei 2 lavatrici e 4 materassi usati...

    RispondiElimina
  3. Anche se i nostri genitori credo si siano sforzati di essere sempre equi, tra noi 4 figli un pò di sana gelosia e competizione c'è sempre stata, ma sono sicura che sia la normalità,anche io vengo dopo due fratelli laureati e prima di una sorella molto piu bella di me.....stavo in mezzo e forse ero la piu banale....
    Con i tuoi figli stai avendo il giusto comportamento vedrai che alla lunga vedrai gli effetti di questo tuo lavoro da giardiniere...

    ps. il buco della piscina dà l'impressione di essere molto profondo

    RispondiElimina
  4. OK, grazie papi... pero' come dimenticarsi di quella volta al funerale dello zio Piero, quando la mamma stava parlando conqualche parente lontano, e spiegava, "Si', si', questa qui e' la mia Marinella, la dottoressa.... e questa qui e' la mia Marta, la ballerina.... e questa qui e' la Monica." FINE!!!Alla fine mi viene da ridere perche' cosa avrebbe potuto dire di me???
    Mat, grazie troppo buono... sei anche tu una persona spelndida... ma ce l'hai una fidanzata o moglie... sai mia sorella e' libera.... :)
    Suy, il mio dubbio e' che non sono cosi' sicura che questa gelosia e competizione siano "sane"... non so come spiegarmi. Adesso forse, all'alba dei 40anni e piu' sono gelosie forse senza peso, ma quando sei un'adolescente e alla ricerca del tuo posto nella vita.... questa competizione puo' essere davvero debilitante!!

    RispondiElimina
  5. Molte volte le esperienze servono a crescere. Tu eviterai quello che non ti e' piaciuto, cosi' i tuoi figli cresceranno con meno stress.
    Belle foto, bella natura. Non vedo l'ora di ammirare la piscina finita.
    Preparate i costumi da bagno perche' col caldo che avete la userete subito!!!
    Bacibaci

    RispondiElimina
  6. Ehi ehi ascolta le parole di Gaber in "Non insegnate ai bambini". Le sue parole mi commuovono sempre, le consiglio a tutti i genitori.

    RispondiElimina
  7. Mii, che bei posti, Moky! Anche io voglio fare una bella gita in quelle meraviglie della Natura! Sob. Ma poi, scusami, qualche giorno fa nevicava e ora ci sono 24 gradi?!? O__o

    Arrivando al tema del post: io sono il sesto di 7 (sette!) figli. Eh, siamo una famiglia numerosa... cosa ormai rarissima. Sei maschietti e una femminuccia ("poveretta!", vi sento già dire :))

    Non so come diamine abbiano fatto i miei genitori, ma fortunatamente siamo cresciuti tutti e sette (ormai siamo tutti quanti adulti) senza nessun genere di complesso di inferiorità o di superiorità nei confronti l'un dell'altro. Sentiamo tutti quanti un legame fortissimo tra di noi. I miei genitori sono sempre stati attentissimi (e bravissimi) a non far trapelare mai preferenze o simpatie particolari, ci hanno sempre fatto sentire tutti quanti sul medesimo livello e sono stati prodighi di amore per tutti allo stesso modo. Come dici tu, Moky, ogni volta che nasce un nuovo figlio bisogna fare spazio nel cuore per il nuovo arrivato. Io credo che il cuore dei miei genitori sia davvero infinitamente grande allora.

    Non so come abbiano fatto, davvero. Li vedo oggi, ormai anziani e forse anche un po' provati dalla loro intensissima vita familiare, ma nonostante tutto li vedo comunque felici. Hanno dovuto dare fondo a tutte le loro forze, a tutte le loro energie per crescere sette figli e farlo nella maniera migliore che potessero. Sono riusciti a farci crescere tutti con la propria identità, lasciando a tutti il proprio spazio, incoraggiando sempre le nostre passioni e le nostre aspirazioni.

    Mi spiace per le disavventure di tua sorella. In giro ci sono davvero troppi uomini schifosamente laidi e senza scrupoli. Bleach.

    Hai scritto un bel post, Moky. Sei una bellissima persona, mi piace molto come scrivi. Sono felice di averti incontrato.

    Cheers,
    Mauri
    --

    RispondiElimina
  8. eh eh eh...un rapporto a distanza?? ih hi hi hi

    buon inizio settimana moky!

    RispondiElimina
  9. mamma mia adesso mi commuovo!!!
    Vorei che anche mio papà mi dicesse le cose belle che scrive il tuo nel primo commento! :')
    Beh, i miei genitori sono stati bravini e io ero una peste, ma una peste BRAVA, sia chiaro :D
    cmq i tuoi intenti sono veramente nobili, poi vabbè tutti siamo umani e magari facciamo degli errori ogni tanto perciò perdoniamoci e perdoniamo quando capita!!!

    ^_^

    Che bello il tuo blog, Moky, sono proprio felice di poter leggere i tuoi pensieri. Ha ragione il tuo papi, scrivi molto bene, con tanta ironia e dolcezza.

    Zion

    RispondiElimina
  10. Beh... Marinella la dottoressa, Marta la ballerina e Monica la scrittrice! Seriamente, dovresti pensarci a scrivere un libro, lo sai che negli US sogni del genere si possono ancora realizzare. Ma poi mi chiedo, i tuoi genitori hanno un debole per l'iniziale M? =) Comunque mi sarebbe piaciuto che alcuni membri della mia famiglia avessero la sensibilità che stai mostrando tu nel crescere tre figli: non potrò mai dimenticarmi mia nonna che presentava me e mia sorella alle sue amiche dicendo: "questa è Francesca, guardi che bella, e questa invece è Elisa... lei è intelligente". Cioè... voleva dire implicitamente che mia sorella è stupida e io sono il brutto anatroccolo?!? Per fortuna io ho continuato a ritenermi una persona dall'aspetto normale, senza cadere in drammi interiori, e mia sorella si è laureata in tempi record per diventare assistente sociale, nonostante tutti le consigliassero di fare la modella. Che dire? Essere un genitore non è certo facile ed è forse anche per questo che noi non vogliamo ancora provarci. Grazie per il bellissimo post, comunque :)

    RispondiElimina
  11. A rischio di sembrare monotona, GRAZIE per i commenti... io so che i miei mi hanno voluto e vogliono tuttora tanto bene, non ho nessun dubbio. Ma ho dei dubbi sulla sensibilita' di certi commenti... e mi rendo conto che non ci sia cattiveria dietro, solo disappointment o deliusione forse. Il fatto e' che, quando certi commenti vengono fatti, la persona che parla non si pone minimamente nei panni di chi si trova dalla parte ricevente... io sono sicura al mille percento che i miei abbiano fatto il meglio che potevano fare nel crescerci, e i loro errori (dal mio punto di vista) mi servono per migliorarmi come mamma.
    E il perdono e' automatico nel momento in cui ti rendi conto che non sei assolutamente immune allo sbagliare... poveri figli e poveri genitori... chi e' senza peccato...

    RispondiElimina
  12. che belle foto...!!! e quando sarà pronta piscina???che voglia di un bagno..vedrai che la sfrutterete tantissimo...!!!!

    RispondiElimina
  13. ok, questo commento e' un po' lungo, e forse ti parra' folle...scusami per entrambe le cose!

    posto che, almeno per ora, ai bambini io ho pensato solo in modo completamente astratto, la mia impressione e' che la sfida principale per un genitore sia proprio determinare la sfera di cio' che e' permissibile e cio' che non lo e'.

    La cosa diventa complicatissima per me, perche' mi piace immaginarmi come un razionalista ferreo, e dunque mi viene da fare ragionamenti del tipo

    se A e' permissibile, allora anche B e' permissibile.

    oppure il converso:

    se A e' vietato, allora B e' vietato.

    in questo modo le mie riflessioni su questo punto sono completamente schizofreniche. Un giorno mi viene da dire che tutto e' vietato, e un giorno che tutto e' permissibile, e ancora non sono riuscito a trovare una motivazione coerente per una posizione equilibrata.

    Purtroppo del razionalismo in questione proprio non riesco a fare a meno, e quindi non resta che aspettare e sperare che, quando si presenta la necessita', le risposte verranno da se'.

    RispondiElimina
  14. Titty, la piscina dovrebbe essere pronta per l'uso a meta' aprile, forse anche un po' prima... non ci credo, ancora!
    Fabrizio: non preoccuparti, ti ho capito. E la tua razionalita' verra' sicuramente utile, quando avrai un figlio, perche' in genera noi mamme perdiamo un po' la ragione, quando arriva un bebe'... vuoi che siano le notti insonni, la prolattina... e stai sicuro che:
    1. tutto quello che pensi adesso, di cui sei convinto, non varra' una cicca ciucciata una volta che Fabrizio jr. sara' tra le tue braccia.
    2. non c'e' niente che ti puo' preparare allo sconvolgimento emotivo e cerebrale, che crea l'arrivo di un tuo bambino.
    Ed ora vorrei parliarti del valore del condom...
    p.s.Vedi che sono anch'io un po' schizoide?

    RispondiElimina

Ogni commento e' benvenuto, quando contribuisce alla conversazione!