sabato 26 luglio 2008

Ci sono....

... ci sono... e' che con la scuola che inizia tra 10 giorni, sono tutta presa con l'organizzazione dei vari eventi del PTSO (e si' sono ancora presidente... prego canticchiare "Hail to the chief"!), tipo la registration, il 29 e 30 luglio, quando i ragazzini vengono a scuola per ritirare la loro schedule, carte varie, comprare i tickets per la mensa (cafeteria, da pronunciarsi cafetiria, con l'accento sulla prima i... questo lo aggiungo per Toto'...) e, cosa che mi preme molto, iscriversi al PTSO. Per il momento l'executive board e' composta da me e la tesoriera, ci manca il vice presidente e il segretario... quindi durante la registrazione sara' cruciale per me conoscere piu' genitori possibile e cercare di selezionare quelli "sharp", quelli che sembrano avere un cervello funzionante e possibilmente voglia di sbattersi per la scuola e gli studenti, e cercare di "arruolarli"... quindi gli ultimi giorni li ho trascorsi a scrivere lettere di benvenuto, volantini, decorare il corridoio del main office, fare fotocopie e il resto del tempo... in piscina, ovvio! E si', c'e' sempre, piu' bella e rilassante che mai, soprattutto ora che abbiamo vinto la guerra contro delle alghe microscopiche che cercavano di viverci dentro... e' una storia lunga, e ve la subite: e' cruciale in una piscina mantenere l'equilibrio chimico, e noi per ignoranza (non ce l'avevano detto) non avevamo aggiunto acido cianurico (scusate, ma traduco direttamente, si tratta del cianuric acid) che agisce come filtro solare per il cloro... quindi, siccome abbiamo il sistema che trasforma il sale in cloro e non le tavolette di cloro che contengono anche questo acido, senza averlo aggiunto praticamente non riuscivamo a mantenere un livello minimo di cloro... ed ecco le alghe... niente di grosso, non immaginatevi robe da Adriatico in agosto (per quello che mi ricordo), solo una "pellicola" di verdino sul fondo... insomma, alla fine ora e' tutto piu' o meno sotto controllo. E comunque anche durante questa battaglia chimica, noi abbiamo continuato a buttarci dentro senza ritegno!
Certo e' costata tanto, ma mai soldi sono stati spesi cosi' bene!!

Poi abbiamo celebrato il compleanno di J, 47 candeline... il che significa che tra pochi giorni sara' il mio turno... ma al momento non ci penso. Dovro' cambiare l'intestazione del blog ovviamente!

Per quel che riguarda eventi storici, domani, un anno fa, siamo arrivati in Arizona, dopo 7 giorni di macchina, a 350 miglia al giorno circa, un'altra traversata, quasi coast to coast... siamo arrivati all'hotel nel bel mezzo di uno dei soliti mega-temporaloni tipici della stagione dei monsoni, a cui ora siamo cosi' abituati... (ne avevo parlato QUI). Giuro che non avrei immaginato che mi sarei cosi' innamorata di questo posto, eppure e' cosi'. Saranno le montagne, oppure il clima ideale, la casa con la piscina, oppure la fauna incredibile che visita il nostro giardino ogni giorno, la gente piu' rilassata. Sono cosi' felice di essere venuta qui, e' stata la mia salvezza, credo.
Spesso ci troviamo in situazioni che paiono senza via d'uscita, dove la tristezza e la disperazione sembrano essere il filo conduttore; situazioni in cui sembra che niente potra' mai cambiare e il nostro destino non ci possa riservare che delusioni, fallimenti... non e' facile in questi momenti immaginare un futuro diverso, dove la felicita' e' possibile. Eppure ancora una volta io ho avuto la riprova che davvero, in poco tempo, qualche mese, un anno, tutto puo' cambiare. E non e' un miracolo, ma il frutto di un desiderio di cambiare. Quando si desidera veramente cambiare, si e' pronti a ricevere il cambiamento. Si agisce in modo da creare il cambiamento.

C'era un ex collega di J (un super-sfigatone, lugubre...) che diceva spesso "Life sucks, and then you die"... Una visione della vita assolutamente sbagliata, che compassione mi faceva. Senza una donna, senza un futuro, senza un'ambizione...
Io invece, proprio all'alba dei 42, riconfermo che e' vero... "the sun will come out, tomorrow..."
... nel bene e nel male... ma di solito nel bene....
...'notte...

p.s.: abbiamo finalmente noleggiato il film "No country for old men" che ha vinto l'oscar mi pare quest'anno... e mi ha lasciato proprio un brutto sapore in bocca... non un film che vorro' mai rivedere...

15 commenti:

  1. Cara Moki, incredibile, vedo che sono il primo ad iniziare i commenti sul tuo blog di ieri, sabato...per te ? per me ? Sono d'accordo sulla possibilita' per tutti di dare un taglio netto alla situazione contingente. Basta veramente volerlo con tutte le forze. Bisogna riuscire a capire che è giunto il momento di tentare vie nuove, in ogni ambito.
    Io, a quasi 70 anni, pur avendo una vita interessantissima...la vorrei ancora migliorare, ecco perchè studio tutti i giorni ed è per questo che io sarei pronto a "TAIA' I TUBI"..come si dice in milanese e venire a tentare l'avventura Arizoniana. L'Arizona mi è rimasta attaccata alla pelle. Rivedo ancora le strade senza il traffico caotico nostro, la gentilezza dei commessi dei vari stores sorridere sempre con tutti..i possibili acquirenti. Il sole meraviglioso and very hot, il deserto, o meglio la prateria fuori di casa, le vie con nomi degli indiani...il canion col sentiero di Geronimo, i cartelli consiglianti cosa fare in caso di incontro col puma o con l'orso e, sopratutto la visita alla citta' mineraria di Tombstone, dove è successa la sfida all'OK corrall, poi trasformata in film. E Bisbee ?...l'altra cittadina mineraria con la piu' grande miniera di rame. E il cimitero di Tombstone..dove mi son fatto fotografare dietro le lapidi di Bill Clanton e gli altri partecipanti alla famosa sparatoria.
    Rimanessi vedovo...e Dio non lo voglia mai...anche se tua mamma è tremenda e l'altro giorno abbiamo quasi rifatto la sfida all'OK corral..per una scemata, io venderei tutto e verrei li...non ti impressionare, non da te, ma ad almeno 6 o 7 miglia.
    Sono stato cosi' impressionato dall'Arizona che il solo vederla mi ha cambiato la vita, come te sono pronto a cambiare.
    Le scarpe regalatemi da Jim non le tolgo mai, tutti i giorni...solo per andare a letto..scarpe dell'Arizona..credevo..prima di leggere una targhetta...made in china...a ghè pu' de Religiun.
    Bacioni da papi e mami

    RispondiElimina
  2. ciao Moky, mamma mia..in Arizona già da così tanto! Wow!

    Certo fa un po' impressione pensare alla scuola che inizia tra unpo', menntre qui è ancora piena estate ed anche noi insegnianti (per iragazzi è obvious..) vediamo la ripartenza ancora lontana!!

    Auguri in anticipo meanwhile.. a presto superindaffrata Mom!

    RispondiElimina
  3. ma te la stai godendo la piscina moky??

    RispondiElimina
  4. quanto hai ragione!!!
    odio le situazioni immobili.

    RispondiElimina
  5. Come sempre sai esprimere al meglio i miei pensieri! Quando si è pronti a cambiare, si riceve il cambiamento! Così mi è successo ogni volta, e ogni volta si è rinnovata la gioia di vivere e ogni volta si sono presentate ancora nuove possibilità di cambiamento.
    La piscina...proprio ieri pomeriggio ti ho pensata, mentre nuotavo felice nella piscina dei miei cugini!
    Buon inizio di anno scolastico, a me resta solo un figlio a scuola, ma finirà la prossima estate e poi....cominceremo una nuova vita!

    RispondiElimina
  6. Ciao Moky, sono d'accordo con te e con tuo padre, nel senso che quando si e' pronti il cambiamento arriva, pero' bisogna volerlo fortemente.
    Congratulazioni perche' tu questo cambiamento sei riuscita ad ottenerlo.
    Goditi il cambiamento e in bocca al lupo per tutto.
    ciao
    Silvia

    RispondiElimina
  7. Nei momenti tristi, o quando tutto sembra immobile e negativo, fa bene leggere un post come il tuo! Thanks for sharing

    RispondiElimina
  8. Anch'io sono in un periodo in cui sento profondamente la necessità di cambiare, di dare una svolta. Che coincidenza, ne parlavo proprio l'altro giorno con un amico. Sì, bisogna essere nello stato d'animo e mentale giusto per ottenere un vero cambiamento, è qualcosa che parte prima di tutto da noi stessi. Certo, anche un pizzico di fortuna non guasta cmq :)

    Come cantava Bob Dylan "the times they're a-changin'" e Dio solo sa quanto mi ci ritrovo in tutto questo.

    Hugs!
    Mauri
    --

    RispondiElimina
  9. MOky...
    rieccomi!
    fa bene leggerti...chissà quante cose stai facendo ora...
    quanto manca al moky's day?
    ali

    RispondiElimina
  10. E' bello sentire che stai bene e che ami il posto dove vivi ..ed è anche bello pensare che se questo cambiamento ti ha salvato la vita potrà essere da esempio a tanti altri,ammiro sempre il tuo coraggio...

    RispondiElimina
  11. Auguroni a Chris e anche a J. Per il tuo compleanno aspetto. Sai che mio marito compie gli anni il 9 agosto?
    Anche noi ci prepariamo al suo.
    Concordo penamente sui cambiamenti e "if life sucks you need a change!".
    IO son contenta del trasferimento ma mi manca ancora qualcosa, la sicurezza economica, quindi rimedio.
    Fai un tuffo anche da parte mia perche' qui il lago e'; ancora freddino....
    Bacini
    PS Alina inizia il 2 settembre, quindi siamo ancora in vacanza.

    RispondiElimina
  12. E` bello leggerti. Soprattutto ritrovare quella sensazione di essere a casa in tanti posti ma sentirsi sempre un po` trapiantato. Ed esserne contenti.

    RispondiElimina
  13. Sono passata per un saluto, vado in ferie..ossia, non io, il blog...buon per lui...:)
    Comunque bacioni ed a presto!

    RispondiElimina
  14. Su "No Country for Old Men" concordo in pieno. Non ne metto in dubbio la validità, è solo che non sono riuscita a mettermi in relazione con quello scenario, quel tipo di mentalità e quel pessimismo di fondo. Trovo che l'Oscar per il miglior film quest'anno spettasse ad "Atonement", se non l'hai visto ti consiglio di farlo al più presto.

    RispondiElimina
  15. ... ne ho di commenti da commentare!!

    Papi, come hai ben visto, qui di case in affitto o in vendita ce ne sono parecchie...

    Fabio, quando si dice "time flies when you're having fun", non e' una bugia! L'anno scorso, siamoa rrivati in Arizona il 27 luglio, e la scuola e' iniziata l'8 agosto.. almeno quest'anno siamo a casa, non in un hotel!!

    Mat, perche', hai dei dubbi??? Mi sa che ci stanno crescendo le branchie...

    Crazy, anche a me una vita stagnante starebbe stretta...

    L.B.A., anche io rendo conto che, ogni volta che necessitavo un cambiamento, in qualche modo, forse inconsciamente, facevo di tutto per crearlo! Magari non era esattamente quello che sognavo, ma era esattamente quello di cui avevo bisogno!! A dire il vero un pelino di invidia per voi, che con la prossima estate non dovrete preoccuparvi di zaini, pagelle, etc.... Qui, siccome la maggioranza dei ragazzi se ne va "altrove" per l'universita', i genitori si dice soffrono della sindrome da nido vuoto ("empty nest syndrome") quando poi la casa e' vuota, troppo tranquilla... chissa' se succedera' anche a voi!

    Silvia, la chiave e' proprio quella: basta volerlo, il cambiamento.

    Francesca, you're welcome!!

    Mauri, ho avuto l'impressione che tu stessi attraversando uno di "quei" momenti di transizione... certo che un pochino di fortuna serve, ma anche quando non ci sorride, se uno insiste...

    Ali, la risposta alla tua domanda e' gia arrivata.... bentornata dalla vacanzina!

    Suysan, questo vale anche per te, perche' mentre si vive la propria vita, non ci rende conto del proprio coraggio, del proprio carattere: ci sono degli ostacoli sul sentiero, e in qualche modo dobbiamo superarli. Quando poi ci si ferma a riflettere, quello e' il momento in cui si riesce a riconoscersi. Quante volte io mi sono chiesta, pensando ad amici in situazioni difficili oppure alle persone di cui si legge nei giornali etc. :"Ma come ha fatto a.... ?" Nessuno puo' scappare dalle difficolta' intrinseche della vita, il coraggio davvero sta nell'accettare le proprie sfide quotidiane.

    Koala, tu (con tuo marito, devo dire) sei l'esempio perfetto: di fronte ad un problema, non hai paura della soluzione, anche se ti costera' dei sacrifici.
    Auguri a tuo marito, un altro leone dal temperamento "hot"!!!

    Dedalus, io mi sono resa conto che, per non essere infelice nei posti in cui vivo, e' imperativo riconoscere le loro diversita' ed accettarle. Quando mia nipote hawaiiana e' venuta in Italia per il mio matrimonio, non ha fatto altro che lamentarsi del cibo, del caldo (era giugno...), di questo e di quello, e ogni volta iniziava la lamentela con "In Hawaii, we eat this..." E noi "Diana, this is NOT Hawaii, this is Italy..."

    Sara, ma eri appena tornata... :(
    Buona vacanza la blog, allora!!

    Aelys, pensa che ho passato buona parte del film con la mano davanti agli occhi... e non vedevo l'ora che finisse!! Mettero' Atonement in cima alla lista netflix!! Grazie per il consiglio!

    RispondiElimina

Ogni commento e' benvenuto, quando contribuisce alla conversazione!