lunedì 1 dicembre 2008

Volenti o nolenti, lo spirito natalizio e' entrato in casa nostra...

Siamo tornati da Phoenix sabato pomeriggio, dopo 2 giorni e mezzo con mia cognata e consorte. Eravamo partiti da Sierra Vista giovedi' mattina alle 8, avendo davanti a noi 2 ore e 1/2 circa di strada aperta, con i paesaggi tipici dell'Arizona. Poche auto per strada, una cosa ridicola paragonata al traffico che abbiamo affrontato tutti gli anni per andare a celebrare il Thanksgiving a Long Island dai suoceri: solo 90 miglia da casa nostra in NJ, ma dovevamo PER FORZA uscire di casa prima delle 5 del mattino onde evitare il terribile casino sull'Outer Bridge Crossing, il Verrazano Bridge, la (Brooklyn) Beltway, la Southern State Parkway... e gli autisti di NY (sia city che dei sobborghi), che sono di un aggressivo che mi ricorda tantissimo quelli italiani (senza affetto...), quindi per fare quelle 90 miglia ci impiegavamo 3 ore, in cui io alternativamente pregavo e urlavo parolacce...


Le 170 miglia da qui a Chandler (uno dei sobborgi di Phoenix) sono una pacchia in paragone, si prende la Interstate 10 e senza intoppi e senza infarti e si arriva a destinazione, belli rilassati.... una meraviglia (un altro motivo per cui sono FELICE di aver lasciato il girone infernale chiamato New Jersey...).

Siamo partiti con la pioggia e siamo arrivati con la pioggia, che da queste parti e' considerata un po' come la manna nel deserto (e lo e' in effetti); anche a Phoenix faceva "fresco", cioe' io stavo bene con una camicia a maniche lunghe... pero' avevo i calzoni lunghezza polpacci ed ero senza calze... Niente bagno in piscina, purtroppo!

Un po' perche' era un Thanksgiving potluck, un po' perche eravamo gli unici vegetariani, ci siamo dovuti portare il nostro "dinner": mercoledi' infatti abbiamo spadellato (J ha preso un giorno di vacanza, poi giovedi' tutti quelli che lavorano per il governo sono a casa, e venerdi' era il suo giorno di riposo, quindi lui ha avuto 5 giorni "off" con un solo giorno di vacanza... non male, per un americano!) come se fossimo in gara per l'Ironchef. Il solito Tofurky, patate arrosto, conchiglioni ripieni (ottimi, if I can say so myself, senza ricotta ne' altri formaggi, con un ragu' vegetariano che e' ormai la mia [sola] specialita'...), dinner rolls (panini fatti nel "muffin tin", quindi hanno la forma di muffin pur essendo panini), cranberry sauce, una specie di salsina dolce/asprina fatta con le bacche che sembrano ribes (piace a J, a me non tanto) e una ottima gravy, cioe' il "sughino" di solito fatto con il grasso del tacchino, per noi ovvio e' fatto con funghi ed altre deliziosita' del mondo vegetale...
Siamo ormai abituati ad essere invitati a pranzo/cena in casa d'altri e a portarci il nostro cibo!!


I miei cognati avevano invitato diversi amici, quindi la compagnia non mancava, ma il piu' grande successo e' stato...
il Wii!!!

I geni di Nintendo hanno trovato il modo di far partecipare ai videogiochi persone di tutte le eta', e cosi' ci siamo trovati a giocare a bowling con i genitori di Mark (80 anni circa) e il figlio del nipote di J, Gage, che ha 5 anni, tutti insieme, senza problemi.


Seguendo il consiglio di Aelys, il Wii l'ho comprato l'estate scorsa quando Best Buy mi ha chiamato per dirmi che avevano appena ricevuto una consegna di 20 scatoloni di Wii. Erano le 6 di sera. Sono arrivata nello store alle 7:10pm e ce ne erano rimasti 6... It's good to be proactive!

Venerdi', dopo aver osservato i miei pargoli giocare initerrottamente per 6 ore a tennis, calcio, sci, bowling, boxing, abbiamo comprato il Wii Play, Star Wars The Clone Wars per Wii (tratto dagli ultimi film di animazione che Chris adora!), The Littlest Pet Shop per Wii (per le bambine) e altri 3 giochi per Wii che piacevano a noialtri! Spesa totale: $550 ($250 per il Wii e $300 per i giochi). Merry Christmas, ma almeno sappiamo che ci giocheremo tutti, persino io, che non ho mai amato i videogiochi (eccetto, com'e' ben risaputo, Ms. Pac-Man...)

Dicevo prima, siamo tornati a casa sabato, c'erano leggermente piu' macchine per strada, ma tutto scorrevolissimo. Le bambine hanno subito scritto la loro wish list per Santa. La prima richiesta e', potete immaginarlo, il Wii!! Phew, meno male. Almeno non e' qualcosa di strampalato che costa $100!!

Ieri poi, come tradizione vuole, facendo seguito alle numerose e rumorose richieste ("Can we put up the decorations? Please, please, PLEEAASEE???"), ho ripescato gli scatoloni dal garage e con l'aiuto di Em e Viv ho "fatto" l'albero (J e Chris avevano deciso di ignorare le nostre richieste d'aiuto e erano immersi in Tomb Raider l'uno e World of Warcraft l'altro...) e sparso per la casa le varie decorazioni, incluso Mr. Everett Green, l'alberello cantante che abbiamo da una decina d'anni e forse piu'...

Ora non ci resta che appendere gli stockings, i calzettoni, e le luminarie esterne, compito prettamente maschile, soprattutto considerato che sarebbe meglio che non mi arrampicassi sul tetto.
Abbiamo recuperato i vari cd di musica natalizia e accese le candele profumate alla cannella per la casa. Adesso si' che mi sembra Natale, nonostante il sole sia tornato a splendere (24 days 'till Christmas)!


Il mattino del Thanksgiving: dopo la pioggia, il "solito" doppio arcobaleno!!



My Christmas Decorations Team...


8 commenti:

  1. Decorare la casa e l'albero a me non è mai piaciuto un granchè.
    Ci credi se ti racconto che di solito in casa mia l'albero viene fatto l'ultima domenica prima di natale? :-D

    Un abbraccio!

    ---Alex

    RispondiElimina
  2. Alex, cambia tutto quando hai bambini per la casa... non hai scelta!! :)

    RispondiElimina
  3. Chissa' dove sono le nostre decorazioni natalizie...:DDD Dovremmo anche comprare altri "icicles" da mettere fuori perche' quelli di due anni fa si sono bruciati! In giro vedo gia' delle case pronte per il Natale, aiuto, sono in ritardo...

    RispondiElimina
  4. Io purtroppo quest'anno non potro decorare e fare l'albero con la piccolina....
    Pero' anche io sto contando i giorni.
    Che bello il tuo albero e anche le decorazioni. Il tuo team e' vincente senz'altro.
    Auguroni

    RispondiElimina
  5. casa mia sembra sempre la succursale degli elfi, mia madre la chiamo Santa's little helper, da quanto ama le decorazioni. ora l'albero è aceso, le lucine (molto germaniche visto il figlio al piano sopra) e le coroncine merry xmas fanno della nostra casa una sorta di isola natalizia germanico- britannica nel quartiere.
    l'ho dissuasa con fatica dal mettere un campanello tipo jingle bells per il periodo...
    i gatti, of course, amano tutto ciò: già intravedo nei loro occhi il luccichio (lo shining come lo chiamo io) pre-distruttivo.....
    It's xmas after all!

    RispondiElimina
  6. Regina, davvero: dove avete messo gli scatoloni???? Ci sono (tante) persone che mettono le luci e le decorazioni il giorno di Txgiving... io almeno ho aspettato Dicembre!! (E non possiamo piu' usare gli icicles, perche' i gatti li mangiano e poi li vomitano... una sorta di Xmas-hairball... yuk!)

    Koala, magari ti aspettano per mettere l'angelo o la stella in cima all'albero, no?
    Quando partirai? Ti penso...

    Fabio, i miei gatti hanno un rapporto molto strano con il Natale... l'albero e' il distributore automatico di giochini e il "presepe" e un mini-bowling!! (tra l'altro, abbiamo appena visto "Shrek the halls" in tv e c'e' la parte dove Puss in Boots fa la faccina con gli occhioni e gioca con una pallina di Natale... roba da pisciarsi dal ridere!! CHissa' se arrivera' anche in Italia!! Io ho subito pensato ai miei di mici... ma chiunque abbia mai avuto un amico felino puo' capire!!

    RispondiElimina
  7. Sono sicuro che i poveri tacchini vi avranno ringraziato! :)

    Già, per voi statunitensi il Natale comincia subito dopo Thanksgiving, mi ricordo l'anno scorso Chicago già tutta addobbata e tutte le musiche natalizie ovunque.

    Quest'anno noi non faremo addobbi, alberi o cose simili. Mia mamma non se la sente e dopotutto nemmeno io. Sarà un Natale un po' strano e forse anche un po' malinconico quest'anno, per me...

    Baci
    M

    RispondiElimina
  8. Hi, Arizona girl, non so come ma sono caduta nel tuo blog e ho fatto un giro. Ho guardato l'alba che si vededalla tua finestra, i bambini e ho letto della tua gravidanza, credo sia meraviglioso essere incinte a Natale, il massimo della tenerezza. Ho visto che hai anche molte amiche italiane in maerica. Beh, io sono una mezza americana in Italia. Se ti va, vieni a prendere un caffe' su Sesto Potere, mi farebbe piacere. Jo Mason

    RispondiElimina

Ogni commento e' benvenuto, quando contribuisce alla conversazione!