mercoledì 28 dicembre 2011

Gaffe ricevuta, lezione impartita (il tutto da Walmart, ovviamente...)

Walmart e' un po' la Standa americana, quella che mi ricordo io di 20 anni fa almeno: prodotti a buon mercato, qualita' cosi'-cosi' e personale (commesse/i, etc) assunto principalmente perche' pagabile con spiccioli, qui il minimum wage, e quindi notoriamente "not the brightest bulbs on the tree"... insomma, in termini poco politicamente corretti, non molto dotati cerebralmente.
Walmart e' il posto giusto per comprare quaderni e matite, biciclette per i bambini e carta igienica, anche se devo confessare di avere anche capi d'abbigliamento comprati li', specificamente pantaloni da yoga, sport bra, calze e guanti, diciamo pero' che in generale una visita a Walmart la si fa piu' che altro a scopo comico, magari per una sorta di esperimento sociale nel ridicolo involontario americano. Infatti, basta esplorare le migliaia di foto su questo sito per capire che ogni visita a Walmart ti assicura qualche risata anche nei giorni piu' tristi, cioe' quando ti svegli con un brufolone sul naso, le tue cose e niente di dolce da mangiare in casa: fai un giretto da Walmart, dove oltre alla crema per i fruncoli, i tamponi e i biscotti ti potrai ritrovare il sorriso, e probabilmente farti delle (mal)sane risate alle spalle degli altri clienti, e starai subito meglio!

A volte pero' l'esperienza puo' essere altamente deprimente, come in questo caso.

Qualche tempo fa, non saprei quantificare, diciamo un 4 mesi indietro, ero da Walmart con Violet, seduta nel carrello. Io indossavo la mia solita tenuta quotidiana da madre, pantaloni "capris" (sotto il ginocchio), maglietta di cotone e probabilmente, visto che era estate, le mie solite ciabattine, niente di speciale ma nemmeno niente da ridere. Lo voglio sottolineare per darvi un'immagine non da modella ma nemmeno da scialacquata in pantaloni del pigiama, pantofole e bigodini. Avevo da poco visitato la parrucchiera, quindi anche i  capelli erano ok. Mi ricordo che mi ero persino messa un po' di lip-gloss, non per altro ma perche' avevo le labbra screpolate. Secondo lo standard di Walmart, ero una gran gnocca di classe.
Arrivo alla cassa, Violet che non smette di parlare, io deposito la spesa sul banco rotolante, e la cassiera, una signora asiatica probabilmente sulla mia eta' forse qualche anno in piu', ci guarda e mi dice, con un bel sorriso sulle labbra: "Your grandbaby is soo beautiful!"

Il complimento non l'ho neanche registrato, perche' di botto mi e' uscito "Do I look that old???"

Due ragazze in fila ridacchiavano. La cassiera, porella, a quel punto ha finalmente capito l'errore e, mortificata, ha cercato di riparare all'errore, dicendomi "It's that... uh... there are so many young Grandmothers..."

Non so bene cosa mi abbia fermato dal dirle "Fuck you, Walmart Lady!", le parole erano ben formate in testa e pronte ad essere fucilate fuori dalla mia bocca, ma forse il fatto che sembrava davvero mortificata mi ha invece fatto dire "For future reference, ALWAYS presume the adult with the baby is the parent: if they are not, if they're the grandparents, you'd have made them happy, and they'd tell you so!", cosa che ho imparato da una mia amica che ha avuto i figli a 43 e 47 anni e che spesso  veniva scambiata per la nonna:  tutte le volte che ho complimentato varie donne e uomini sull'aspetto/carinita'/intelligenza dei loro "figli", ed erano i nipoti, ho sempre ricevuto sorrisi entusiastici. Ora so perche'.

Quando ho raccontato l'evento alla mia amica Kelly, che ha avuto la prima figlia (ooops baby) a 19 anni, mi ha consolato dicendo che ci sono davvero tante nonne giovanissime in giro, che lei ad esempio, aveva reso nonna sua madre a 40 anni....

C'e' da dire che avere un figlio ha, a volte, proprieta' invecchianti... come quando mia madre mi diceva che sono stata io a farle venire i capelli bianchi.... o come quando ci si alza al mattino pensando di non farcela ad arrivare al prossimo compleanno... o capodanno....

Ma sembro davvero cosi' vecchia??? (Non sono alla ricerca di complimenti... o forse si'...)

14 commenti:

  1. Anch'io da Walmart (a Maui) ho comprato qualche capo di abbigliamento a prezzi bassissimi, un affarone! Mi piaceva l'aria familiare e basic del magazzino.
    Un bel F**K alla commessa sarebbe stato proprio quello che meritava.....

    RispondiElimina
  2. Macché, non sei né sembri vecchia, era la commessa idiota!

    ---Alex

    RispondiElimina
  3. ah consolati ad avere figli giovani si è nella situazione opposta... a me con il primo figlio mi dicevano sempre " ma che bello che è tuo fratello!"

    RispondiElimina
  4. Ma va...è come hai detto tu, c'e poca materia grigia a Walmart. Questo poi mi ricorda di quando mia sorella era piccola e io avevo 18 anni e me la portavo dappertutto, tanto che lei spesso mi chiamava mamma per sbaglio. Tante donne mi guardavano male perchè probabilmente pensavano fossi una ragazza madre..è solo una questione di pregiudizi, spesso involontari, dove 'la mamma' varia dai 25 ai 35 anni e basta.

    RispondiElimina
  5. Chissa' come si voleva sotterrare la commessa! :) Non sei tu che sei vecchia, e' lei che e' troppo "gggiovane" e stolta! ;)

    RispondiElimina
  6. stai benissimo e nella foto siete tutti molto belli.

    anche a me capita di pensare che non saro' longeva, tutta questa stanchezza mi ammazzera'!

    valescrive

    RispondiElimina
  7. Siete bellissimi e tu sei affatto vecchia! Bella la descrizione del Walmart!

    RispondiElimina
  8. @Titti: ho l'impressione che il Walmart di Maui sia un posto meno "trashy" di quello di altri posti, soprattutto del sud americano (hai visto le foto del sito peopleofwalmart? Da paura... e sono vere, niente photoshopping!) Ho esibito un self-control notevole, in quell'occasione... forse la commessa l'ha ricevuto telepaticamente!

    @Alex: grazie! Accetto volentieri il complimento...:)

    @MJ: ma sei cosi' giovinello e sbarbato?? Se mi chiedessero se Emily e' mia sorella, sverrei dall'emozione... ma tra noi ci sono 32 anni di differenza, dovrei avere una serie di lunghe visite da un chirurgo plastico, o mago zurlino, per poter sembrare lontanamente sua sorella...

    @ Eleonora: e' vero, ci sono ancora pregiudizi o preconcetti belli stampati nella testa della gente... oggi pero' e' molto piu' facile trovare mamme "vecchie" come me o mamme "giovani" come venivi presunta tu, che non anni fa. Mia madre ha avuto mia sorella a 32 anni e quando andava all'asilo, siccome tutte le mamme degli altri bambini erano piu' giovani, mia sorella chiese a mia madre una cosa tipo: mamma, ma tu sei una nonna?? Insomma, e' quasi impossibile sfuggire agli stereotipi "ageist"...

    @Basilico: in effetti, mi piace considerarmi piu' "wise" che "old", che e' uno stato mentale piu' che fisico... ok, vabbene, e' anche fisico, ma non totalmente, forse al 50%... L'importante e' imparare dai propri errori: non la vedo piu' in cassa, altrimenti mi piacerebbe vedere se, ri passandola, mi farebbe un commento simile!

    @Crazy: grazie, ricevo anche il tuo di complimento con un sorriso!! Io sara' una settimana che mi sento come la locomotiva del libro "The Little Blue Engine", che tira e tira e dice "I think I can, I think I can, I think I can"... ma mi sembra di non muovermi... organizziamoci un weekend a Palm Springs, senza figli o mariti... per ringiovanire... o solo dormire..

    @Destinazione: grazie anche a te per il complimento (ho fatto una bella scorta che mi bastera' per un bel po'!!). E Walmart e' una fetta d'America inimitabile!!

    RispondiElimina
  9. Io ho trovato, invece, molto più "trashy" Target di NY dove anche lì ho fatto affaroni. Scarpe bellissime, morbidissime, in pura plastica a 16 dollari! E ricevo ancora i complimenti!!
    SMACK

    RispondiElimina
  10. Ma se sei davvero meravigliosa! Non dimostri nemmeno un anno in più della tua età nelle foto. E' stato un triste errore, non fartene un cruccio!

    RispondiElimina
  11. Forse non sai che la Standa, soprannominata la casa degli italiani non esiste più, e anche le Upim stanno piano piano chiudendo, ed è un peccato perchè era piacevole trovarci di tutto!

    la commessa voleva farti un complimento lodando Violet ma ha fatto una gaffe..a volte è meglio stare zitti...tu non sei una mamma
    vecchia!


    Auguri a tutti di buon anno!

    RispondiElimina
  12. Consolati...la stessa cosa e' capitata anche a me all'aeroporto di Amsterdam, un doganiere stupido.
    Poi da Wallymart, come lo chiamiamo noi, un signore ha cominciato a chiedermi se ricordavo cose della seconda guerra mondiale...?!? e anche io mi son chiesta :Do I look so old???".
    Chi se ne frega, siamo bellissime lo stesso.

    RispondiElimina
  13. Macchè vecchia!sprizzi gioventù da tutti i pori in quella foto, è che lì sono abituati alle sedicenni con la pancia, qui in Italia non avresti problemi visto che oramai prima dei 35 anni non partorisce quasi più nessuna. E guarda: invecchiamo lentamente!

    RispondiElimina
  14. @Titti: pensa che in relata' ovunque Target e' considerato olto piu' di classe che Walmart! Infatti tra noi "housewives" lo si pronuncia alla francese, perche' fa piu' fine!! Comunque Walmart ha sempre scatoloni, espositori etc. nel mezzo dei vari corridoi di passaggio, mentre Target mi ha sempre dato un'impressione piu' "pulita", streamlined... E son d'accordo anche io per le scarpe veg: o Target o Payless... quello che una volta pensavo fosse un'eresia e' ora perfetto!!

    @Zion: grazie!! Lo so che e' l'eta' mentale che conta, ma ultimamente mi sembra di perdere i colpi anche li'.... cos'e' che sto scrivendo???!! ;D

    @Suysan: non lo sapevo!! Basta Standa e Upim?? Ma e' davvero la fine di un'era... che peccato... cosa rimane in Italia adesso/ La Rinascente e i mercatini? Che triste pero'...

    @Koala: 'azz... la seconda guerra mondiale? Con la conoscenza della storia che aveva, probabilmente pensava fosse successa 10 anni fa!! Avresti dovuto rispondere che ti ricordavi della seconda guerra punica, ma sarebbe stata una battuta inutile e non l'avrebbe capita...

    @Ondalunga: grazie e infatti penso sia stato per quello... tutte le teenager incinte, persino nei reality show... si', io mi batto quotidianamente con l'invecchiare... che avanza, ma lentamente, proprio come dici tu!!

    RispondiElimina

Ogni commento e' benvenuto, quando contribuisce alla conversazione!